martedì, Agosto 3

La Norvegia è il Paese più felice del mondo

0

Il Paese più felice del mondo? E’ la Norvegia. A dirlo il World Happiness Report 2017, il Rapporto Mondiale sulla Felicità che classifica 155 Paesi in base al loro livello di felicità e mostrato alle Nazioni Unite. La Norvegia sale così di tre posizioni rispetto all’anno scorso e spodesta la Danimarca, che aveva tenuto il primo posto per tre degli ultimi quattro anni.

Sei variabili chiave: Pil reale pro capite, aspettativa di vita, avere qualcuno su cui contare, libertà percepita nelle scelte di vita, assenza di corruzione e generosità. «Scegliendo di produrre petrolio responsabilmente e investendo i profitti a beneficio delle generazioni future, la Norvegia si è protetta dai volatili saliscendi di molte altre economie di Paesi ricchi di petrolio» spiega il professor John Helliwell dell’Università della British Columbia. «Questa enfasi sul futuro anziché sul presente è facilitata da elevati livelli di fiducia reciproca, obiettivi condivisi, generosità e buona gestione. Tutti questi elementi si trovano in Norvegia, così come negli altri Paesi in cima alla classifica».

«I Paesi felici sono quelli che hanno un sano equilibrio tra prosperità, come convenzionalmente misurata, e il capitale sociale, il che significa un alto grado di fiducia nella società, bassa disuguaglianza e fiducia nel governo», il commento di Jeffrey Sachs, direttore del Sdsn e consigliere speciale del segretario generale Onu.

A seguire sul podio ci sono Danimarca e Islanda, medaglia di legno per la Svizzera. Gli Stati Uniti si classificano 14esimi, perdendo un posto rispetto al 2016. Tra i grandi Paesi europei la Germania è al 16esimo posto, seguita dal Regno Unito (19) e dalla Francia (31). E l’Italia? Passa dal 50esimo posto al 48esimo. Sicuramente siamo il paese più bello del mondo dal punto di vista storico e paesaggistico, ma la qualità della vita…

Questa la top ten

  1. Norvegia
  2. Danimarca
  3. Islanda
  4. Svizzera
  5. Finlandia
  6. Paesi Bassi
  7. Canada
  8. Nuova Zelanda
  9. Australia
  10. Svezia

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->