lunedì, Maggio 16

La NATO e le origini della crisi ucraina Una persona che ha partecipato ai negoziati che hanno posto fine alla Guerra Fredda, porta un po' di storia in relazione alla crisi attuale

0

Oggi ci troviamo di fronte a una crisi evitabile tra Stati Uniti e Russia che era prevedibile, precipitata volontariamente, ma può essere facilmente risolta applicando il buon senso.

Ma come siamo arrivati ​​a questo punto?

Consentitemi, in quanto persona che ha partecipato ai negoziati che hanno posto fine alla Guerra Fredda, di portare un po’ di storia in relazione alla crisi attuale.

Ogni giorno ci viene detto che la guerra potrebbe essere imminente in Ucraina. Le truppe russe, ci viene detto, si stanno ammassando ai confini dell’Ucraina e potrebbero attaccare in qualsiasi momento. Ai cittadini americani viene consigliato di lasciare l’Ucraina e le persone a carico del personale dell’ambasciata americana vengono evacuate. Nel frattempo, il Presidente ucraino ha sconsigliato il panico e ha chiarito che non considera imminente un’invasione russa. Vladimir Putin ha negato di avere intenzione di invadere l’Ucraina. La sua richiesta è che il processo di aggiunta di nuovi membri alla NATO cessi e che la Russia abbia la certezza che l’Ucraina e la Georgia non saranno mai membri.

Il Presidente Biden ha rifiutato di fornire tale assicurazione, ma ha chiarito la sua volontà di continuare a discutere di questioni di stabilità strategica in Europa. Nel frattempo, il governo ucraino ha chiarito che non ha intenzione di attuare l’accordo raggiunto nel 2015 per riunire le province del Donbas in Ucraina con un ampio grado di autonomia locale, un accordo con Russia, Francia e Germania che gli Stati Uniti hanno approvato.

Questa crisi era evitabile?

In breve, sì. Nel 1991, quando l’Unione Sovietica crollò, molti osservatori credettero erroneamente di essere testimoni della fine della Guerra Fredda quando in realtà era terminata almeno due anni prima per via di negoziati ed era nell’interesse di tutte le parti. Il Presidente George H.W. Bush sperava che Gorbaciov sarebbe riuscito a mantenere la maggior parte delle 12 repubbliche non baltiche in una federazione volontaria.

Nonostante la convinzione prevalente sia dell’establishment della politica estera della DC che della maggior parte dell’opinione pubblica russa, gli Stati Uniti non hanno sostenuto, tanto meno hanno causato, la disgregazione dell’Unione Sovietica. Abbiamo sostenuto l’indipendenza di Estonia, Lettonia e Lituania e uno degli ultimi atti del parlamento sovietico è stato quello di legalizzare la loro pretesa di indipendenza. E, nonostante i timori spesso espressi, Vladimir Putin non ha mai minacciato di riassorbire i Paesi baltici o di rivendicare alcuno dei loro territori, sebbene abbia criticato alcuni che negavano ai russi di etnia i pieni diritti di cittadinanza, un principio che l’Unione europea si impegna far rispettare.

Poiché la principale richiesta di Putin è l’assicurazione che la NATO non accetterà altri membri, e in particolare non l’Ucraina o la Georgia, ovviamente non ci sarebbero state basi per l’attuale crisi se non ci fosse stata l’espansione dell’alleanza dopo la fine della Guerra Fredda, o se l’espansione fosse avvenuta in armonia con la costruzione di una struttura di sicurezza in Europa che includesse la Russia.

Era prevedibile questa crisi?

Assolutamente. L’espansione della NATO è stato l’errore strategico più profondo commesso dalla fine della Guerra Fredda. Nel 1997, quando è sorta la questione dell’aggiunta di altri membri della NATO, mi è stato chiesto di testimoniare davanti alla commissione per le relazioni estere del Senato. Nelle mie osservazioni introduttive, ho fatto la seguente dichiarazione:

“Considero la raccomandazione dell’amministrazione di accogliere nuovi membri nella NATO in questo momento fuorviante. Se dovesse essere approvato dal Senato degli Stati Uniti, potrebbe passare alla storia come il più profondo errore strategico commesso dalla fine della Guerra Fredda. Lungi dal migliorare la sicurezza degli Stati Uniti, dei suoi alleati e delle nazioni che desiderano entrare nell’Alleanza, potrebbe incoraggiare una catena di eventi che potrebbe produrre la più grave minaccia alla sicurezza per questa nazione dal crollo dell’Unione Sovietica“. In effetti, i nostri arsenali nucleari erano in grado di porre fine alla possibilità di civiltà sulla Terra.

Ma questo non è stato l’unico motivo che ho citato per includere piuttosto che escludere la Russia dalla sicurezza europea. Come ho spiegato alla SFRC: “Il piano per aumentare i membri della NATO non tiene conto della reale situazione internazionale dopo la fine della Guerra Fredda e procede secondo una logica che aveva senso solo durante la Guerra Fredda. La divisione dell’Europa terminò prima che si pensasse di accogliere nuovi membri nella NATO. Nessuno minaccia di dividere l’Europa. È quindi assurdo sostenere, come alcuni hanno fatto, che sia necessario assumere nuovi membri nella NATO per evitare una futura divisione dell’Europa; se la NATO deve essere lo strumento principale per unificare il continente, allora logicamente l’unico modo in cui può farlo è espandersi per includere tutti i Paesi europei. Ma questo non sembra essere l’obiettivo dell’amministrazione, e anche se lo è, il modo per raggiungerlo non è ammettere nuovi membri a pezzi“.

La decisione di espandere la NATO in modo frammentario è stata un’inversione delle politiche americane che hanno prodotto la fine della Guerra Fredda. Il presidente George H.W. Bush aveva proclamato l’obiettivo di ‘un’Europa intera e libera’. Gorbacëv aveva parlato della “nostra casa comune europea”, aveva accolto i rappresentanti dei governi dell’Europa orientale che si erano sbarazzati dei loro governanti comunisti e aveva ordinato riduzioni radicali delle forze militari sovietiche spiegando che affinché un paese sia sicuro, deve esserci sicurezza per tutti.

Il Presidente Bush ha anche assicurato a Gorbaciov durante il loro incontro a Malta nel dicembre 1989, che se i Paesi dell’Europa orientale fossero stati autorizzati a scegliere il loro orientamento futuro attraverso processi democratici, gli Stati Uniti non avrebbero “approfittato” di quel processo. (Ovviamente, portare nella NATO Paesi che erano allora nel Patto di Varsavia sarebbe stato ‘approfittare’). L’anno successivo, a Gorbaciov fu assicurato, sebbene non in un trattato formale, che se una Germania unificata fosse stata autorizzata a rimanere nella NATO, ci non sarebbe un movimento della giurisdizione della NATO a est, “nemmeno di un pollice”.

Questi commenti furono fatti a Gorbaciov prima che l’Unione Sovietica si sciogliesse. Una volta sciolta, la Federazione Russa aveva meno della metà della popolazione dell’Unione Sovietica e un’establishment militare demoralizzato e in totale disordine. Sebbene non vi fosse alcun motivo per allargare la NATO dopo che l’Unione Sovietica aveva riconosciuto e rispettato l’indipendenza dei Paesi dell’Europa orientale, vi erano ancora meno motivi per temere che la Federazione Russa rappresentasse una minaccia.

Questa crisi è stata intenzionalmente precipitata?

Purtroppo, le politiche perseguite dai Presidenti George W. Bush, Barack Obama, Donald Trump e Joe Biden hanno tutte contribuito a portarci a questo punto.

L’aggiunta di Paesi dell’Europa orientale alla NATO è continuata durante l’amministrazione di George W. Bush, ma non è stata l’unica cosa a stimolare l’obiezione russa. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti iniziarono a ritirarsi dai trattati sul controllo degli armamenti che avevano temperato, per un certo periodo, un’irrazionale e pericolosa corsa agli armamenti e costituivano gli accordi fondamentali per porre fine alla Guerra Fredda. La più significativa è stata la decisione di recedere dal Trattato sui missili antibalistici che era stato il trattato cardine della serie di accordi che hanno fermato per un certo tempo la corsa agli armamenti nucleari. Dopo l’11 settembre, Putin è stato il primo leader straniero a chiamare il Presidente Bush e offrire sostegno. Ha mantenuto la parola data facilitando l’attacco al regime talebano in Afghanistan. A quel tempo era chiaro che Putin aspirava a una partnership per la sicurezza con gli Stati Uniti poiché i terroristi jihadisti che stavano prendendo di mira gli Stati Uniti stavano prendendo di mira anche la Russia. Tuttavia, Washington ha continuato a ignorare gli interessi russi (e anche alleati) invadendo l’Iraq, un atto di aggressione a cui si oppose non solo la Russia, ma anche Francia e Germania.

Sebbene il Presidente Obama inizialmente avesse promesso migliori relazioni attraverso la sua politica di ‘reset’, la realtà è che il suo governo ha continuato a ignorare le più serie preoccupazioni russe e ha raddoppiato i precedenti sforzi americani per staccare le ex repubbliche sovietiche dall’influenza russa e, in effetti, per incoraggiare ‘il cambio di regime’ nella stessa Russia. Le azioni americane in Siria e Ucraina sono state viste dal Presidente russo, e dalla maggior parte dei russi, come attacchi indiretti contro di loro.

E per quanto riguarda l’Ucraina, l’intrusione degli Stati Uniti nella sua politica interna è stata profonda, sostenendo attivamente la rivoluzione del 2014 e il rovesciamento del governo ucraino eletto nel 2014.

Le relazioni si sono ulteriormente inasprite durante il secondo mandato del Presidente Obama dopo l’annessione russa della Crimea. Poi le cose sono peggiorate durante i quattro anni di mandato di Donald Trump. Accusato di essere un imbroglione russo, Trump ha approvato ogni misura anti-russa che è arrivata, mentre allo stesso tempo lusinga Putin come un grande leader.

La crisi può essere risolta applicando il buon senso?

Sì, dopo tutto, ciò che Putin chiede è assolutamente ragionevole. Non chiede l’uscita di nessun membro della NATO e non minaccia nessuno. Secondo qualsiasi criterio di buon senso, è nell’interesse degli Stati Uniti promuovere la pace, non il conflitto. Cercare di staccare l’Ucraina dall’influenza russa – l’obiettivo dichiarato di coloro che si agitavano per le ‘rivoluzioni colorate’ – era un proposito stupido e pericoloso. Abbiamo dimenticato così presto la lezione della crisi missilistica cubana?

Ora, dire che approvare le richieste di Putin è nell’interesse oggettivo degli Stati Uniti non significa che sarà facile farlo. I leader di entrambi i partiti democratico e repubblicano hanno sviluppato una posizione così russofobica che ci vorrà una grande abilità politica per navigare in acque politiche così insidiose e ottenere un risultato razionale.

Il Presidente Biden ha chiarito che gli Stati Uniti non interverranno con le proprie truppe se la Russia invaderà l’Ucraina. Allora perché spostarle nell’Europa orientale? Solo per mostrare ai falchi al Congresso che è fermo?

Forse i successivi negoziati tra Washington e il Cremlino troveranno un modo per placare le preoccupazioni russe e disinnescare la crisi. E forse allora il Congresso comincerà ad affrontare i crescenti problemi che abbiamo a casa invece di peggiorarli.

O almeno così si può sperare.

 

* Jack F. Matlock, Jr. è un diplomatico di carriera che ha servito come ambasciatore degli Stati Uniti in Unione Sovietica dal 1987 al 1991. In precedenza è stato direttore senior per gli affari europei e sovietici dello staff del Consiglio di sicurezza nazionale del presidente Reagan ed è stato ambasciatore degli Stati Uniti in Cecoslovacchia dal 1981 al 1983. È stato Professore all’Institute for Advanced Study e ha scritto numerosi articoli e tre libri sui negoziati che hanno posto fine alla Guerra Fredda, la disintegrazione dell’Unione Sovietica e la politica estera degli Stati Uniti dopo la fine della Guerra Fredda.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->