venerdì, Settembre 17

La NATO a Varsavia: un vertice di 'transizione'? field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


Il vertice NATO di Varsavia cade in un momento particolare nella storia dell’Alleanza Atlantica. Il perdurare delle tensioni con la Russia, l’incertezza intorno alla campagna presidenziale negli Stati Uniti e una Brexit non ancora ben metabolizzata portano nella capitale polacca i vertici di un’organizzazione divisa, nella quale una frattura profonda separa Washington dai suoi alleati europei e – fra questi – i membri storici da quelli di più recente accessione. La frattura fra ‘vecchia’ e ‘nuova Europa’ si è imposta, in questi anni, come una specie di elemento strutturale dell’Alleanza e ha contribuito in maniera rilevante a determinare le sue scelte politiche e organizzative. Il ritorno dell’Alleanza al ‘core business’ della sicurezza collettiva, l’abbandono della proiezione ‘a lungo raggio’ che aveva caratterizzato gli anni Duemila, il ridispiegamento a Est dei comandi e degli assetti comuni a scapito della presenza sul fronte meridionale sono solo alcuni aspetti legati all’emergere e all’approfondirsi di tale frattura. Questo stato di cose, tuttavia, ha alimentato anche contrasti crescenti e non solo da parte dei Paesi del c.d. ‘fronte sud’. Anche alcuni membri dell’Europa continentale hanno cominciato, infatti, a interrogarsi sulla bontà di una strategia che se da una parte mantiene alta la tensione in Europa, non sembra riuscire, dall’altra, a contenere davvero le ambizioni di Mosca.

Non stupisce, quindi, che il tema della rapporti con la Russia rappresenti una sorta di ‘convitato di pietra’ del vertice. La sede in cui si tiene il summit – capitale di un Paese che da qualche tempo lascia trasparire ambizioni di leadership regionale – concorre a rafforzare questo aspetto. L’attuale ‘trazione orientale’ dell’Alleanza è un altro fattore che spinge nella stessa direzione. I vari punti in agenda comprendono gli sviluppi della crisi ucraina, la lotta al terrorismo, il futuro della presenza in Afghanistan, la sicurezza collettiva e la cybersecurity, la strategia di allargamento dell’Alleanza e i suoi rapporti con l’Unione Europea, oltre all’ormai annosa questione del burden sharing, ovvero la ripartizione fra i membri dei costi della difesa comune. Dietro tutti questi temi rimane, comunque quello delle relazioni con Mosca. Nelle ultime settimane, si è diffusa la voce di una possibile ripresa dei colloqui NATO-Russia dopo il termine del vertice: un altro segnale – dopo la riunione del NATO-Russia Council dello scorso 20 aprile – di come qualcosa stia forse cominciando a muoversi, anche se le posizioni delle parti rimangono sempre distanti. Appare tuttavia difficile che, proprio da Varsavia, giungano segnali di cambiamento su un punto che – per quanto problematico e divisivo – rappresenta oggi una delle punte di diamante nell’impegno dell’Alleanza.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->