domenica, Ottobre 17

La Nasa e il timore degli asteroidi Nel giugno scorso scoperti nello spazio vicino alla Terra 97 oggetti di cui si ignorava l’esistenza, 10 dei quali sono stati classificati come PHO

0

Giovedì scorso un asteroide di dimensioni pari a una casa è passato ad appena 44mila km dalla Terra.
Si tratta dell’asteroide 2012 TC4 che la Nasa ha classificato come Apollo, ovvero un asteroide che ha un’orbita inferiore alla distanza compresa tra il Sole e la Terra, simile appunto a quella dell’asteroide 1862 Apollo.

L’Asteroide 2012 TC4 ha un diametro di circa 15-30 metri, quasi le stesse dimensioni dell’asteroide esploso nell’atmosfera su Chelyabinsk nella Russia centrale nel 2013, con 30 volte l’energia cinetica della bomba atomica caduta su Hiroshima.

Nel giugno scorso proprio la Nasa ha scoperto nello spazio vicino alla Terra 97 oggetti di cui si ignorava l’esistenza, 10 dei quali sono stati classificati come PHO (Potentially Hazardous Objects). Si tratta di asteroidi abbastanza grandi da farci fare la fine dei dinosauri, se un giorno cadessero sul nostro pianeta: un’eventualità che l’ente spaziale americano definisce ‘improbabile’ nei prossimi 100 anni, ma anche ‘inevitabile’ in un periodo più lungo.

Nel 2009 il telescopio spaziale Neowise (Near Earth Object Wider-field Infrared Survey Explorer) ha classificato finora 35.000 oggetti non troppo lontani da noi. Gli ultimi che ha trovato sono anche i più minacciosi, perché si tratta di asteroidi del diametro di 200-300 metri che potrebbero distruggere tutto ciò che esiste nel raggio di migliaia di chilometri dall’impatto. Neowise ha anche scoperto una maggiore intensità rispetto al passato nell’attività delle comete.

La Nasa e l’Ente spaziale europeo stanno collaborando a un progetto per studiare la possibilità di inviare una sonda su un asteroide o una cometa per deviarne il percorso nel caso minacciasse la Terra.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->