giovedì, 9 Febbraio
HomeEconomiaLa macchina del Tempo in Corea

La macchina del Tempo in Corea

Bangkok – Le manifestazioni in strada tra le più imponenti che si siano mai viste in Corea del Sud da un bel po’ di anni a questa parte. Anzi, per la precisione, bisogna tornare ai tempi delle proteste popolari del 2008, quando i coreani scesero in strada per protestare contro l’importazione di carni dagli Stati Uniti nel periodo della diffusione della cosiddetta ‘mucca pazza’. Seoul, sabato 14 novembre, è stata teatro di scontri diventati improvvisamente violenti, quando la Polizia ha deciso di sparare sulla folla con i cannoni ad acqua, al punto che un signore di 69 anni è stato letteralmente sbattuto a terra dalla potenza degli idranti ed è finito in condizioni pessime in ospedale. Le sue condizioni sono gravi, e i feriti numerosi.

Il motivo di tali aspri scontri risiede nella richiesta popolare relativa alla reintroduzione di alcuni libri di testo nella loro forma originaria, circa la riforma del lavoro e i processi di liberalizzazione del settore agricolo.

Secondo calcoli delle Forze di Polizia, almeno 64.000 persone erano instradate in direzione del Palazzo Presidenziale quando si è deciso di entrare in azione con gli idranti. Quando la gente scesa in protesta è entrata in Piazza Gwanghwamun diretta verso Cheong Wa Dae (la Casa Blu), affrontando il cordone di Polizia e gli autobus messi di traverso, le Forze di Polizia hanno rotto gli indugi intorno alle quattro e trenta del pomeriggio di sabato scorso. Il bilancio, come accennato, lascia sul terreno un ferito grave, 51 arrestati e almeno una cinquantina di bus danneggiati. Si è calcolato, inoltre, che 113 poliziotti son rimasti feriti, mentre la Confederazione delle Organizzazioni Sindacali -uno dei due gruppi maggioritari che raccolgono le rappresentanze sindacali in Corea- ha affermato che almeno 500 persone hanno conseguito ferite più o meno gravi nel corso di scontri, durante i quali è stata più volte segnalata l’eccessiva violenza delle Forze di Polizia. Baek Nam-gi, un contadino di 69 anni, ha dovuto subire un intervento al cervello a causa dell’uso degli idranti che lo hanno colpito nei pressi della City Hall -secondo quanto riporta la Lega Contadini di Corea- mentre l’anziano signore cercava di spostare dei bus della Polizia con l’ausilio di corde.

RELATED ARTICLES

Croce Rossa Italiana

spot_img

Save the Children

spot_img

Seguici sui social

Fondazione Veronesi

spot_img

Fondazione G. e D. De Marchi

spot_img

Fondazione Veronesi

spot_img

Salesiani per il sociale

spot_img

Campus Biomedico

spot_img
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com