lunedì, Settembre 20

La macchina del Tempo in Corea field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


Bangkok – Le manifestazioni in strada tra le più imponenti che si siano mai viste in Corea del Sud da un bel po’ di anni a questa parte. Anzi, per la precisione, bisogna tornare ai tempi delle proteste popolari del 2008, quando i coreani scesero in strada per protestare contro l’importazione di carni dagli Stati Uniti nel periodo della diffusione della cosiddetta ‘mucca pazza’. Seoul, sabato 14 novembre, è stata teatro di scontri diventati improvvisamente violenti, quando la Polizia ha deciso di sparare sulla folla con i cannoni ad acqua, al punto che un signore di 69 anni è stato letteralmente sbattuto a terra dalla potenza degli idranti ed è finito in condizioni pessime in ospedale. Le sue condizioni sono gravi, e i feriti numerosi.

Il motivo di tali aspri scontri risiede nella richiesta popolare relativa alla reintroduzione di alcuni libri di testo nella loro forma originaria, circa la riforma del lavoro e i processi di liberalizzazione del settore agricolo.

Secondo calcoli delle Forze di Polizia, almeno 64.000 persone erano instradate in direzione del Palazzo Presidenziale quando si è deciso di entrare in azione con gli idranti. Quando la gente scesa in protesta è entrata in Piazza Gwanghwamun diretta verso Cheong Wa Dae (la Casa Blu), affrontando il cordone di Polizia e gli autobus messi di traverso, le Forze di Polizia hanno rotto gli indugi intorno alle quattro e trenta del pomeriggio di sabato scorso. Il bilancio, come accennato, lascia sul terreno un ferito grave, 51 arrestati e almeno una cinquantina di bus danneggiati. Si è calcolato, inoltre, che 113 poliziotti son rimasti feriti, mentre la Confederazione delle Organizzazioni Sindacali -uno dei due gruppi maggioritari che raccolgono le rappresentanze sindacali in Corea- ha affermato che almeno 500 persone hanno conseguito ferite più o meno gravi nel corso di scontri, durante i quali è stata più volte segnalata l’eccessiva violenza delle Forze di Polizia. Baek Nam-gi, un contadino di 69 anni, ha dovuto subire un intervento al cervello a causa dell’uso degli idranti che lo hanno colpito nei pressi della City Hall -secondo quanto riporta la Lega Contadini di Corea- mentre l’anziano signore cercava di spostare dei bus della Polizia con l’ausilio di corde.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->