mercoledì, Maggio 18

La guerra in Ucraina sta facendo esplodere il complesso industriale militare americano Gli Stati Uniti hanno inviato altre migliaia di soldati in Europa e hanno speso miliardi in armi per l'Ucraina. Intanto il budget del Pentagono continua a crescere. Gli americani ne stanno pagando il prezzo. Serve agli scopi di Washington non di porre fine ai combattimenti, ma di prolungarli

0

Nell’Enrico IV di Shakespeare, parte II, il monarca morente consiglia notoriamente il principe Hal di «occupare menti stordite con litigi stranieri», una pratica che sicuramente «sprecherà la memoria dei giorni precedenti». Per i politici americani e per gli esperti che amano le vertigini -e per distrarre l’attenzione dai recenti fallimenti- la guerra per procura in Ucraina è la perfetta lite straniera. Sta ringiovanendo il globalismo militarizzato in stile Guerra Fredda come pietra angolare della politica di sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Per quelli della sinistra contro la guerra o della destra anti-interventista, questo si presenta come uno sviluppo preoccupante. All’interno dei circoli istituzionali, tuttavia, è una buona notizia incoraggiante. Scrivendo su ‘National Reviewl’affidabile bellicoso Elliot Abrams attendevacon evidente anticipazione «una lunga e pericolosa lotta» con la Russia «che potrebbe durare per generazioni». Nelle pagine di ‘The Weekil tipicamente accomodante Damon Linker si è unito a artisti del calibro di Abrams. «L’invasione dell’Ucraina segna il ritorno a un mondo dominato principalmente dalla competizione e dall’ostilità tra gli Stati», ha scritto. «Un mondo simile assomiglia alla Guerra Fredda, ma anche al mondo che ha preceduto la Guerra Fredda». Eravamo tornati ai giorni più bui del Novecento.

La posizione dei falchi sta vincendo.
A marzo, il Pentagono ha
ordinato circa 12.000 soldati nel continente, portando la presenza totale degli Stati Uniti nell’Europa centrale e orientale da 60.000 a più di 100.000. All’inizio di questo mese, il generale dell’esercito Mark Milley, Presidente del Joint Chiefs of Staff, ha consigliato agli Stati Uniti di schierare ancora più truppe e sviluppare basi aggiuntive nella regione. Nel frattempo, il Congresso e il Presidente Joe Biden hanno già stanziato 13,6 miliardi di dollari in aiuti all’Ucraina, di cui quasi la metà è definita ‘letale: 6,5 miliardi di dollari per finanziare armi per l’Ucraina e il suddetto dispiegamento di truppe. Giovedì, Biden ha chiesto al Congresso ulteriori 33 miliardi di dollari di aiuti, di cui 20 miliardi di dollari avrebbero «fornito armi all’Ucraina, ricostituito le scorte di armi statunitensi e aiutato altri Paesi ad abbandonare la dipendenza dalle armi russe», ha riferito NPR.
Le conseguenze di questa guerra -innegabilmente anche nostra guerra, dato il numero di soldati russi uccisi dalle armi fornite dagli Stati Uniti- non diventeranno del tutto evidenti per qualche tempo. Eppure possiamo già intravedere il suo probabile impatto sulla politica americana e sulle priorità della sicurezza nazionale degli Stati Uniti. È probabile che tale impatto sia profondo e quasi certamente distruttivo. In parole povere, la guerra distoglierà l’attenzione e le risorse dalle priorità più urgenti. In effetti, dato lo stato dei negoziati su una versione svuotata di Build Back Better di Biden, lo sta già facendo.

È una svolta degli eventi deludente, ma non del tutto sorprendente per coloro che hanno ascoltato da vicino il messaggio del Presidente durante la campagna elettorale e all’inizio del suo mandato. Biden ha sempre sostenuto che il conflitto tra autocrazia e democrazia è la crisi centrale della nostra era. In un momento in cui il pianeta deve affrontare una minaccia senza precedenti sotto forma di cambiamento climatico, mentre la democrazia americana è impantanata in una disfunzione, questa prospettiva si qualifica come una grossolana semplificazione.

Prendi alla lettera la rappresentazione offerta dall’Amministrazione e ripresa dalla maggior parte dei media mainstream, l’Ucraina si adatta perfettamente al quadro preferito di Biden. Con il bene contro il male, la guerra riproducee apparentemente riconvalidagli eventi canonici del secolo americano. In un attimo, le delusioni dei decenni successivi alla Guerra Fredda vengono sostanzialmente dimenticate.

L’aggressione e la brutalità russe forniscono quindi una motivazione per scartare le fastidiose complessità storiche risalenti a prima, durante e dopo l’esistenza dell’Unione Sovietica, la follia sconsiderata dell’espansione della NATO non da ultimo tra di loro. L’interpretazione degli eventi da parte del Presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy è considerata autorevole, anche se gli obiettivi di guerra degli Stati Uniti divergono da quelli dell’Ucraina. Con l’indebolimento della Russia che è ora un obiettivo politico esplicito degli Stati Uniti: «Vogliamo vedere la Russia indebolita nella misura in cui non può fare il tipo di cose che ha fatto invadendo l’Ucraina», ha affermato il segretario alla Difesa Lloyd Austin lunedì: serve agli scopi di Washington non di porre fine ai combattimenti, ma di prolungarli. Se quella prospettiva quadra con i desideri dell’ucraino medio si qualifica nella migliore delle ipotesi come un ripensamento.

Di importanza immediata ancora più grande, i termini del coinvolgimento degli Stati Uniti, fornire all’Ucraina enormi quantità di armi senza (finora) sostenere una sola vittima americana va molto lontano verso la cancellazione dei ricordi di altre guerre nel nostro passato molto recente. Proprio l’anno scorso, l’imbarazzante evacuazione degli Stati Uniti da Kabulsembrava un grosso problema. Oggi non conta nulla, così come le nostre disavventure militari in Afghanistan e in Iraq. Il complesso militare-industriale-congressuale è andato avanti, con l’Ucraina indicata come unaguerra buonadietro la quale gli americani di tutte le convinzioni politiche possono -o apparentemente dovrebberoradunarsi.

Classificare l’Ucraina come tale ha implicazioni pratiche. Dà nuova vita ad abitudini screditate o superate risalenti alla Guerra Fredda. Ad esempio, sta rinnovando la propensione dello stato della sicurezza nazionale per l’inflazione minacciata come dispositivo per aumentare la spesa militare statunitense. Nonostante le pessime prestazioni sul campo di battaglia dell’esercito russo, gli allarmisti dentro e fuori il governo avvertiranno del grave pericolo rappresentato dal Cremlino -o da un ‘Asse sino-russo’- negli anni a venire.

Quindi, con un ampio sostegno bipartisan, il budget del Pentagono, probabilmente il più grande del mondo, continua a crescere . Una conseguenza è assicurare ai produttori di armi contratti massicci, non solo per ricostituire le scorte di armi ritirate a sostegno dello sforzo bellico ucraino, ma anche per equipaggiare le forze statunitensi con laprossima generazionedi armi avanzate. Grazie a Vladimir Putin, in altre parole, gli aumenti generosi della spesa del Pentagono sono quasi assicurati. Così anche, qualcuno dovrebbe preoccuparsi di notare, ci saranno altri anni di enormi deficit federali.

Si consideri questa preoccupazione meno immediata: il coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra in Ucraina mina le prospettive di ristabilire anche un minimo di equilibrio nella politica americana. Oggi, naturalmente, non esiste un consenso su cosa potrebbe comportare un simile equilibrio. Per Shakespeare, le crisi all’estero forniscono una comoda scusa per permettere che le pressanti preoccupazioni interne si inaspriscano. E così, in America, circa 12 milioni di bambini americani vivono in povertà, più di 100.000persone sono morte per overdose di droga l’anno scorso e centinaia di migliaia, non sappiamo nemmeno quanti, vivono l’esperienza dei senzatetto.
Mentre l’Amministrazione Biden fornisce all’Ucraina maggiori somme di denaro, fornisce ai suoi militari armi più pesanti e invia
sempre più alti funzionari statunitensi a visitare Kiev, diventa evidente la deriva della politica statunitense verso una partecipazione americana sempre più diretta alla guerra. In effetti, mentre la posizione politica di Biden in patria continua a precipitare, è probabile che la tentazione di raddoppiare in Ucraina per salvare la sua presidenza aumenterà.

Non ci siano dubbi: lungo questa strada c’è la prospettiva di coinvolgere le forze armate statunitensi in un combattimento diretto,insieme al rischio simultaneo di uno scontro nucleare. A questo proposito, per citare un famoso generale americano, l’Ucraina potrebbe rivelarsi «la guerra sbagliata nel posto sbagliato, nel momento sbagliato e con il nemico sbagliato». Se ciò dovesse accadere, ogni speranza di “ricostruire meglio” o addirittura di preservare ciò che abbiamo, svanirà.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->