lunedì, Maggio 16

La guerra in Ucraina apre spazio ai colloqui tra USA e Venezuela Mentre gli Stati Uniti cercano altre fonti di petrolio in mezzo al divieto russo, le alternative a un accordo negoziato per Maduro e l'opposizione stanno diventando meno allettanti

0

Le ultime settimane hanno visto un cambiamento importante, ma ancora embrionale, nella politica degli Stati Uniti nei confronti del Venezuela.

Dopo un anno in cui l’amministrazione ha rifiutato l’idea di un impegno diretto e ad alto livello con il dittatore venezuelano Nicolas Maduro, una delegazione di alti funzionari statunitensi si è incontrata con lui a Caracas il 5 marzo. Sebbene i dettagli della discussione non siano chiari, in seguito il governo Maduro ha rilasciato due americani imprigionati e ha segnalato che potrebbe essere disposto a tornare ai negoziati con l’opposizione venezuelana, cinque mesi dopo aver abbandonato i colloqui a Città del Messico mediati dal governo norvegese.

Nei giorni successivi all’incontro, i critici hanno dipinto il viaggio come un segno che il Presidente Biden sta gettando la spugna su democrazia e diritti umani in Venezuela. Queste prime reazioni, tuttavia, si sono basate più su speculazioni che su una più ampia comprensione della posizione dell’amministrazione Biden.

Il governo degli Stati Uniti non ha mostrato segni di revoca delle sanzioni finanziarie e secondarie globali che hanno aggravato un’emergenza umanitaria preesistente. Invece, la Casa Bianca ha insistito sul fatto che, sebbene con Maduro si sia discusso di un allentamento delle sanzioni, ciò può avvenire solo nel contesto di progressi significativi nei negoziati con l’opposizione volti a tenere elezioni libere ed eque. Secondo un alto funzionario dell’amministrazione Biden, la visita “ha delineato ciò che sarebbe stato possibile in termini di attenuazione della pressione internazionale se i colloqui avessero prodotto risultati ambiziosi, concreti e irreversibili”.

Questa posizione è essenzialmente la stessa di prima della visita. I funzionari di Biden hanno ripetutamente affermato che l’amministrazione è “disposta a rivedere le politiche delle sanzioni sulla base di progressi significativi in ​​una negoziazione globale”. Tuttavia, c’è una differenza importante nel contesto. Sulla scia della decisione degli Stati Uniti di vietare le importazioni di petrolio russo, le raffinerie statunitensi negli stati del Golfo stanno cercando modi per colmare il divario con greggio pesante dal Venezuela e altrove. In altre parole, cercando già di andare oltre la politica dell’amministrazione Trump sul Venezuela, l’amministrazione Biden ora ha un ulteriore incentivo per mostrare al regime di Maduro che è seriamente intenzionata a offrire un sollievo dalle sanzioni in cambio di progressi nei negoziati.

Anche se non sarebbe accaduto senza i cambiamenti geopolitici seguiti all’invasione russa dell’Ucraina, la dimostrazione di flessibilità delle sanzioni da parte di Washington a Caracas non sarebbe potuta avvenire in un momento migliore. Dopo che Maduro si è ritirato dai negoziati di Città del Messico nell’ottobre 2021 in seguito all’estradizione dell’alleato del regime Alex Saab, molti dell’opposizione sono stati desiderosi di incentivi che potessero riportare Maduro al tavolo dei negoziati. Persino Juan Guaidó, che gli Stati Uniti e altri Paesi riconoscono come Presidente ad interim del Venezuela, a gennaio aveva suggerito che l’amministrazione Biden potrebbe revocare alcune sanzioni prima della ripresa dei negoziati come modo per incentivare Maduro a tornare ai colloqui.

I precedenti round di negoziati sono stati ostacolati dalla percezione di Maduro che il governo degli Stati Uniti non fosse effettivamente disposto o in grado di realizzare ciò che il regime vuole, vale a dire la legittimità internazionale e il sollievo dalle sanzioni. Questo è stato, infatti, uno dei motivi principali per cui i negoziati in Venezuela sono falliti nel 2019. Mentre i negoziatori dell’opposizione hanno affermato che dal dialogo stava iniziando a emergere uno schema iniziale di un accordo che avrebbe visto elezioni anticipate, l’insistenza dell’amministrazione Trump sul non revocare le sanzioni fino a quando Maduro si fosse dimesso non ha lasciato molte speranze a questo tentativo di accordo. Ciò ha messo la precedente amministrazione in contrasto con gli sforzi europei per portare avanti i negoziati sulle condizioni elettorali, che sono state liquidate dai diplomatici statunitensi come ‘diplomazia da cowboy’.

Ora, la situazione è diversa. Il governo degli Stati Uniti è chiaro che l’allentamento delle sanzioni è disponibile se Maduro dovesse fare progressi nei negoziati con l’opposizione, e questa posizione è sostenuta da altri governi in Europa e America Latina. A seguito di una riunione di coordinamento ad alto livello del 15 febbraio tra Stati Uniti, UE e altri 19 governi democratici, i partecipanti hanno rilasciato una dichiarazione per “riaffermare il loro impegno per una soluzione negoziata guidata dal Venezuela per ripristinare la democrazia in Venezuela [… e] hanno ribadito la loro volontà rivedere le politiche delle sanzioni sulla base di progressi significativi nel quadro di questi negoziati guidati dal Venezuela”

Supponendo che i negoziati riprendano, la comunità internazionale dovrà garantire che le parti interessate venezuelane abbiano i giusti incentivi. Lo studio sulla risoluzione dei conflitti suggerisce che il successo dei negoziati dipende in gran parte dalla migliore alternativa percepita dai partecipanti a un accordo negoziato, o BATNA. In altre parole, è improbabile che un attore con una BATNA plausibile e attraente dia la priorità alla negoziazione in buona fede, mentre è più probabile che qualcuno con poche alternative cerchi un accordo.

Per Maduro – e per le élite politiche, economiche e militari che lo circondano – la BATNA è relativamente semplice. Credono di poter semplicemente aspettare la pressione internazionale. Alla fine, sembrano scommettere sul fatto che i governi degli Stati Uniti, dell’Europa e dell’America Latina cercheranno la normalizzazione senza insistere su riforme che minacciano il potere del partito al governo.

Per questo motivo, è positivo che l’amministrazione Biden abbia continuato a insistere sulle riforme democratiche come presupposto per l’allentamento delle sanzioni. Maduro non dovrebbe assolutamente avere motivo di pensare di poter trarre vantaggio semplicemente dal raddoppio di una strategia di brutale repressione che ha portato il suo governo a diventare il primo nelle Americhe ad affrontare un’indagine formale sui crimini contro l’umanità presso la Corte penale internazionale.

Si dovrebbe presumere che Maduro cercherà di fornire le concessioni più piccole e simboliche immaginabili, tentando contemporaneamente di cooptare l’opposizione. Il governo, infatti, ha già iniziato a chiedere una ‘riformattazione’ dei negoziati, dicendo che non si siederà con Guaidó.

Qui la comunità internazionale dovrebbe agire in modo coordinato. Qualsiasi revisione del formato esistente dovrebbe preservare uno degli elementi più promettenti del formato di Città del Messico: l’impegno di entrambe le parti a creare un ‘meccanismo di consultazione’ con la società civile. Indipendentemente dai termini in cui si svolgeranno i negoziati futuri, il governo degli Stati Uniti e le altre parti interessate internazionali dovrebbero insistere sul fatto che venga dato spazio ai gruppi e alle vittime della società civile e respingere qualsiasi tentativo di Maduro di evitare problemi di diritti umani e giustizia.

La richiesta di Maduro di una ‘riformattazione’ non significa che le parti interessate internazionali o l’opposizione non abbiano il potere di impedire a Maduro di scegliere chi gli siede di fronte. Potrebbe infatti essere un’opportunità per l’opposizione di ampliare il suo appeal in un ambiente in cui Guaidó sta superando solo per pochi punti Maduro. Se eseguita con attenzione, una riorganizzazione dei negoziati potrebbe privare Maduro di potenziali spoiler che potrebbero minare le richieste dell’opposizione. Mentre negli ultimi anni ci sono figure dell’opposizione che sembrano essere state cooptate con successo in cambio di favori o denaro, altri si sono allontanati dal governo ad interim per sinceri disaccordi sulla strategia.

Qui è importante riconoscere che l’opposizione, o almeno il segmento dell’opposizione che rimane legato al governo ad interim di Juan Guaidó, ha la sua BATNA. Essere riconosciuto come un governo legittimo è stato estremamente vantaggioso per questa fazione. Supervisiona la messaggistica e le comunicazioni pubbliche e gestisce le relazioni chiave a Washington. In altre parole, da tre anni è al di sopra del suo peso e la maggior parte degli accordi negoziati concepibili porterebbero a un calo del suo potere e della sua posizione all’interno della coalizione di opposizione.

Affinché i negoziati abbiano successo, l’amministrazione Biden dovrà ridurre al minimo anche la sua BATNA. Ciò può essere ottenuto chiarendo che il sostegno al governo ad interim non è incondizionato. Sebbene finora questa strategia abbia impedito a Maduro di accedere a decine di miliardi di dollari in beni congelati, ci sono modi per mettere questi fondi in un fondo fiduciario e rimanere protetti. Gli Stati Uniti e gli altri governi dovrebbero chiarire che il riconoscimento del governo ad interim è condizionato a un impegno in buona fede nei negoziati e al potenziale sacrificio dell’attuale influenza internazionale del governo ad interim per il bene superiore.

Uno dei motivi per cui i negoziati del 2019 sono falliti è stato che i partecipanti avevano alleati internazionali che fornivano alternative migliori a un accordo negoziato: Maduro credeva che la Russia le avrebbe fornito abbastanza sostegno per sopravvivere alle sanzioni statunitensi e il governo ad interim pensava di poter spronare l’amministrazione Trump intervenire con maggiore forza. Queste alternative geopolitiche stanno cambiando per entrambe le parti, il che significa che un accordo negoziato potrebbe essere più probabile. Tutte le parti interessate nazionali e internazionali devono garantire che un tale accordo dia la priorità ai diritti dei venezuelani, incluso il diritto di scegliere i propri leader.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->