mercoledì, Maggio 25

La Guerra Fredda, l’Ucraina moderna e la diffusione della democrazia ad est Rivedere la Guerra Fredda è importante perché la sua eredità modella la politica del Presidente russo Vladimir Putin nei confronti dell'Ucraina. L’analisi di Michael De Groot, Indiana University

0

Mentre la Russia ammassa forze ed equipaggiamenti al confine con l’Ucraina, le tensioni internazionali su una possibile invasione si intensificano quasi ogni giorno. L’Ucraina è emersa come ground zero di quella che alcuni esperti hanno soprannominato una nuova Guerra Fredda tra Russia e Occidente.

Dal mio punto di vista come storico della Guerra Fredda, questo confronto distorce la Guerra Fredda e travisa la posta in gioco della crisi attuale.

Tuttavia, rivedere la Guerra Fredda è importante perché la sua eredità modella la politica del presidente russo Vladimir Putin nei confronti dell’Ucraina.

Mentre l’Ucraina era una repubblica sovietica durante la Guerra Fredda, è diventata la prima linea di un tiro alla fune del dopo Guerra Fredda tra la Russia e l’Occidente. Insistendo sul ritiro da parte della NATO delle sue forze e armi dai paesi dell’ex blocco sovietico, Putin vorrebbe tornare indietro nel tempo fino alla metà degli anni ’90, prima che la NATO si espandesse nell’Europa orientale.

Putin vede la NATO come una reliquia che mantiene lo scopo della Guerra Fredda di contenere la Russia. In risposta all’espansione della NATO, Putin cerca di ritagliarsi una propria zona cuscinetto, proprio come fece l’ex leader sovietico Joseph Stalin in risposta all’assistenza americana in Europa dopo la seconda guerra mondiale, e consolidare una sfera di influenza russa nell’Europa orientale.

Cosa è stata la Guerra Fredda?

La Guerra Fredda è stata una lotta globale degli Stati Uniti e del capitalismo democratico contro l’Unione Sovietica e il comunismo. È esploso a metà degli anni ’40 dopo che entrambe le nazioni sono emerse dalla seconda guerra mondiale come superpotenze e si sono viste a vicenda come minacce esistenziali.

Durante la seconda guerra mondiale avevano collaborato per sconfiggere la Germania nazista e il Giappone. Dopo la guerra, entrambi accettarono di occupare la Germania insieme a Gran Bretagna e Francia e volevano continuare l’alleanza una volta cessati i combattimenti.

Ma sono emersi inconciliabili disaccordi sull’ordine internazionale del dopoguerra.

L’Unione Sovietica affermò il controllo sull’Europa orientale – le nazioni di Bulgaria, Cecoslovacchia, Ungheria, Polonia e Romania – che l’esercito sovietico aveva liberato dai nazisti. Stalin ha sostenuto i comunisti locali e ha intimidito i loro oppositori, e raramente i paesi hanno tenuto elezioni libere. L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Harry Truman ha accusato Stalin di aver tradito un accordo alla Conferenza di Yalta in tempo di guerra per rispettare la democrazia europea.

Tuttavia, ciò che terrorizzava di più i funzionari statunitensi era la possibilità che l’ideologia sovietica entrasse in risonanza con il popolo dell’Europa occidentale e della Germania che stavano lottando per riprendersi dalla guerra. I politici statunitensi temevano che le masse desolate potessero eleggere governi comunisti che si sarebbero alleati con l’Unione Sovietica contro gli Stati Uniti.

Cuori e menti vincenti

In uno dei punti di svolta dell’inizio della Guerra Fredda, il Segretario di Stato americano George C. Marshall annunciò un’iniziativa di assistenza economica all’Europa nel giugno 1947. Il Congresso autorizzò il programma nell’aprile 1948. Il Piano Marshall, come divenne noto, prevedeva più di 12 miliardi di dollari per aiutare la ricostruzione europea durante i suoi tre anni di attività.

Ma la logica del Piano Marshall preoccupava gli europei occidentali. Freschi di due guerre traumatiche contro una Germania bellicosa, gli europei occidentali temevano qualsiasi sforzo per ricostruire la Germania occidentale e metterla sulla via dello stato.

Rompendo una lunga tradizione di evitare alleanze intricate, gli Stati Uniti si unirono all’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico nell’aprile 1949 per garantire la sicurezza dell’Europa occidentale contro la Germania occidentale, che divenne indipendente il mese successivo.

Il campanello d’allarme è suonato a Mosca. L’Unione Sovietica aveva perso 27 milioni di soldati e civili durante la seconda guerra mondiale. E gli Stati Uniti volevano ricostruire la Germania del dopoguerra.

In risposta, Stalin ordinò ai comunisti dell’Europa orientale di reprimere i loro rivali interni. Mosca ha anche creato la Germania dell’Est per contrastare la Germania dell’Ovest. Ora aveva una zona cuscinetto di leali paesi comunisti per proteggersi dall’Occidente.

La Guerra Fredda iniziò in Europa, ma presto si diffuse in Africa, Asia e America Latina. Ciascuna superpotenza temeva che una battuta d’arresto in un paese in via di sviluppo potesse dare all’altra il vantaggio nella Guerra Fredda.

Sebbene le loro forze non si siano affrontate direttamente, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica si sono affrontati tramite delegati in sanguinosi conflitti come le guerre di Corea e Vietnam.

L’alta posta in gioco della Guerra Fredda ha anche portato il mondo vicino all’annientamento nucleare. La crisi dei missili cubani, ad esempio, scoppiò nell’ottobre 1962 quando l’amministrazione Kennedy scoprì che i sovietici avevano schierato missili nella Cuba comunista. Gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica hanno evitato la guerra nucleare dopo aver stretto un patto: l’amministrazione Kennedy ha promesso di non invadere mai Cuba e di ritirare i missili americani in Turchia in cambio della rimozione sovietica delle armi da Cuba.

Ucraina sovietica

L’Ucraina si unì a Russia, Bielorussia e Transcaucasia, una federazione composta da Armenia, Azerbaigian e Georgia, come repubbliche fondatrici dell’Unione Sovietica nel dicembre 1922.

L’Ucraina ha sofferto molto sotto il governo di Stalin negli anni ’30. Una carestia nei primi anni ’30, nota come Holodomor, uccise quasi 4 milioni di ucraini. Oggi molti ucraini considerano l’evento un atto di genocidio.

Così, quando i nazisti invasero l’Unione Sovietica nel giugno 1941, molti ucraini inizialmente li accolsero con favore. Il nazionalista Stepan Bandera ha collaborato con i nazisti con l’obiettivo di creare uno stato ucraino indipendente.

Con una mossa il cui significato i contemporanei non potevano prevedere, il presidio del Soviet Supremo trasferì la Crimea dalla Russia all’Ucraina nel 1954. La Crimea era importante perché lì aveva sede la flotta dell’Unione Sovietica del Mar Nero.

L’Unione Sovietica ha di stanza un terzo delle sue armi nucleari sul suolo ucraino. Quando l’Unione Sovietica crollò nel dicembre 1991, l’Ucraina si classificò come il terzo stato nucleare più grande.

L’Ucraina ha trasferito le sue armi nucleari alla Russia a metà degli anni ’90 in cambio delle promesse russe di rispettare la sovranità dell’Ucraina. Anche gli Stati Uniti e la Gran Bretagna erano parti di questo accordo, noto come il Memorandum di Budapest.

Dopo la caduta del comunismo

La Guerra Fredda finì più di tre decenni fa, quando la Germania Ovest e la Germania Est si unirono e il comunismo crollò nell’Europa orientale e nell’Unione Sovietica.

Da allora la NATO si è espansa a 14 paesi che facevano parte del blocco sovietico. Questo numero include tre ex repubbliche sovietiche: Estonia, Lettonia e Lituania, tutte confinanti con la Russia.

La NATO ha dichiarato al vertice di Bucarest del 2008 che anche l’Ucraina e la Georgia, anch’esse ex repubbliche sovietiche, sarebbero diventate membri in futuro.

Laddove la NATO si è espansa, di solito è arrivata anche l’adesione all’Unione europea.

Putin teme che l’Ucraina aderisca alla NATO e diventi un trampolino di lancio per gli Stati Uniti per destabilizzare il suo regime. Ritengo inoltre che Putin ritenga che Washington utilizzi già l’attuale governo ucraino come rappresentante degli interessi americani.

I russi hanno annesso la Crimea nel marzo 2014, ribaltando quella che sostenevano fosse un’ingiustizia storica. Hanno sostenuto i separatisti ucraini nella parte orientale del paese, conosciuta come il Donbass. Queste mosse aiutano a impedire all’Ucraina di aderire alla NATO perché i paesi non possono aderire all’alleanza se hanno controversie territoriali irrisolte.

Le paure di Putin non sono prive di fondamento. Lo slancio di un’Ucraina democratica, prospera e sicura potrebbe riversarsi sulla Russia e rafforzare le sfide interne al potere di Putin.

Facendo precipitare una crisi sull’Ucraina, Putin vuole assicurarsi che ciò non accada mai.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->