venerdì, Aprile 16

La Green Economy piace a sempre più imprese Sono sempre di più gli italiani che sentono la necessità di dare una svolta green alla propria vita e al proprio business

0

Sempre più italiani hanno capito tutta l’importanza della salvaguardia del pianeta. Negli ultimi anni, infatti, le famiglie del nostro Paese hanno iniziato a fare più attenzione ai propri comportamenti, ad esempio riciclando, abbassando gli sprechi energetici e alimentari, e optando sempre più spesso per prodotti e servizi green. In una situazione del genere, anche le aziende si sono rese conto del valore delleconomia verde: oltre ad una questione di problemi ambientali, che spicca sempre in cima alla lista, entrano in gioco anche il fatturato, il brand e dunque il successo dell’azienda (e in certi casi la sua sopravvivenza). Lo sviluppo sostenibile, a partire dalla produzione, è diventato quindi un piacevole obbligo per molte imprese italiane. Non a caso, in Italia la green economy è andata incontro ad uno sviluppo imponente.

Sempre più imprese green in Italia

Agli italiani piace la sostenibilità ambientale? Le imprese reagiscono di conseguenza, ristrutturando i propri processi in chiave verde e cominciando quindi a investire sulla green economy. Dalla produzione ai trasporti, passando per la scelta dei fornitori e il reperimento delle materie prime, ogni step della catena oggi tende ad essere sempre più rispettoso della natura, tutelando il pianeta. Lo sostengono i dati pubblicati da Unioncamere e Fondazione Symbola, secondo cui negli ultimi 5 anni sono state oltre 430 mila le imprese del nostro Paese a investire nel green, con un record quasi clamoroso nel 2019 (300 mila imprese circa). Dunque sono sempre più numerose le imprese che, ad esempio, decidono di rendersi più green scegliendo offerte luce per aziende provenienti da compagnie che rispettano l’ambiente, ad esempio, o che pensano di cambiare i propri processi produttivi in ottica ambientalista. Proprio per questo, diventa ancora più importante notare come vi sia stato nel nostro Paese un vero e proprio boom delle rinnovabili, con oltre 820 mila impianti di produzione green.

Nuovi incentivi per le aziende green

Le PMI continuano ad investire nel verde e nella green economy, ma fortunatamente adesso ci sono nuovi strumenti che possono supportarle durante questo percorso. Si fa riferimento ad esempio agli incentivi green progettati per le imprese che desiderano ristrutturarsi per tutelare il pianeta e lambiente, misure previste all’interno della legge di bilancio 2020, racchiuse sotto l’etichetta ‘green new deal’. Nello specifico, queste misure prevedono una serie di contributi a fondo perduto, che le aziende potranno sfruttare per finanziare il proprio passaggio alla green economy. Naturalmente ci sono una serie di paletti che vanno rispettati, e di conseguenza occorre informarsi con maggiore completezza per sapere esattamente come muoversi lungo questo percorso. A seconda delle misure, le agevolazioni possono arrivare fino al 90%, ad esempio finanziando l’acquisto di nuove macchine, attrezzature e impianti ecosostenibili.

La speranza del Governo è quindi quella di favorire questa fase di transizione, verso un’economia più rispettosa della natura e dunque ecologica.

Sono sempre di più gli italiani che sentono la necessità di dare una svolta green alla propria vita e al proprio business: unottima notizia per il nostro futuro e il nostro ambiente.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->