sabato, Settembre 18

La Grecia ottiene più flessibilità per pagare i propri conti field_506ffbaa4a8d4

0

Il primo ministro greco, Alexis Tsipras, ha detto al suo gabinetto di aver raggiunto un accordo di prestito con i creditori dell’ euro-zona. L’accordo apre la strada per il rilascio di più di cinque miliardi di euro che la Grecia necessita per coprire i rimborsi del suo debito pubblico, in scadenza nel mese di giugno e luglio, e per pagare i suoi conti.

Tsipras, riflettendo sullo scontro con gli istituti di credito e sull’austerità dello scorso anno che hanno quasi costretto il Paese ad uscire dalla zona euro, ha dichiarato che l’accordo dimostra che la Grecia non si trova più in una posizione di isolamento.

«La Grecia non è più sola ed isolata. Essa gode del sostegno delle forze politiche e dei governi che hanno finalmente capito che questo Paese e la sua gente hanno il diritto di voltare pagina», ha detto Tsipras ai suoi ministri. Il primo ministro ha poi proseguito: «Da parte nostra abbiamo mantenuto i nostri obblighi, sia per gli istituti di credito sia prima di tutto col popolo greco -che è importante perché stiamo applicando l’affare con ogni possibilità di flessibilità, con l’obiettivo di proteggere la società».

Ma molti dettagli devono essere ancora risolti prima del prossimo incontro che avverrà tra circa due settimane. Intanto, il Commissario europeo per gli Affari economici e finanziari, Pierre Moscovici, ha già spiegato che, prima della prossima riunione che si terrà il 24 maggio, vi è la necessità di capire cosa succede se Atene non riesce a raggiungere gli obiettivi di bilancio concordati per il 2018.

La Grecia ha anche avuto modo di parlare con i ministri delle finanze della zona euro su un possibile rilievo del debito. Il governo dovrebbe ancora pagare di nuovo tutto quello che ha preso in prestito, ma molto probabilmente sarà concesso più tempo.

 

 

(video tratto dal canale YouTube di Euronews Business)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->