mercoledì, Maggio 19

La giungla degli affitti di Berlino Intervista a Stefania Animento, sociologa su 'Giovani italiani/e a Berlino: la migrazione, la casa, il lavoro'

0
1 2 3


Berlino è la meta ideale di molti giovani europei. Ma trovare casa, soprattutto nel lungo periodo, è un incubo per molti. Tutto inizia con la ricerca sul web, i siti sono molti e l’unico modo di ottenere dei risultati e inviare centinaia di mail. Si ottengono solo poche risposte positive e si va avanti con il secondo step: la selezione. Ci si ritrova in fila con altre 30/40 persone – ad essere fortunati perché potrebbero essere molti di più – aspettando e sperando di essere i prescelti.

Lo scenario è sempre lo stesso: si attende il proprio turno per poi consegnare una sfilza di documenti (copia del documento d’identità, busta paga, referenze e l’immancabile Schufa, l’attestazione di non aver conseguito debiti in Germania negli ultimi 5 anni). Di solito, il selezionatore non fa domande, soprattutto quando è un’agenzia a fare da intermediario, ma ritira i documenti e comunica “Vi faremo sapere al più presto”. I vincitori? Spesso tedeschi con una busta paga abbondante. Naturalmente la busta paga la fa da padrone. Per gli immigrati, anche italiani, è diventata una vera e propria lotta. Certo ci sono dei casi dove si incontra il padrone di casa e allora lì la situazione cambia.

Le soluzioni? Cercare casa nei quartieri meno richiesti. Spandau ad esempio è fuori mano, ma si può trovare più facilmente un alloggio a prezzi più contenuti. Ma anche Wedding sta diventando sempre più popolare. Gli off limits sono sicuramente Kreuzberg, Prenzlauer Berg e Friedrichshain. Anche trovare casa in subaffitto può essere una soluzione. In questo caso le selezioni sono dure, si tratta di veri e propri casting, alla stregua di un colloquio di lavoro, ma dovendo subaffittare per brevi periodi ci si mette d’accordo, per esempio anticipando due-tre mensilità. Bisogna sempre giungere all’appuntamento con la documentazione in ordine e il denaro per la caparra, unico modo per bloccare l’appartamento. Non bisogna fidarsi della parola data, solo versando il deposito si blocca la casa. Ecco, un problema è stato risolto: abbiamo trovato casa per un breve periodo. Da questo momento inizia il tour de force dei traslochi: 6 mesi in una stanza, 3 in un’altra e 6 mesi in un’altra ancora. In questi casi, solitamente, l’affitto è in nero. C’è qualcuno che stipula degli accordi privati tra le parti per formalizzare gli accordi, ma la maggioranza dei giovani, berlinesi e non, subaffittano in nero.

Per capire meglio quanto sta accadendo nella capitale tedesca abbiamo intervistato la sociologa Stefania Animento, che in questo momento si sta occupando dell’indagine sociologica ‘Giovani italiani/e a Berlino: la migrazione, la casa, il lavoro’.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->