venerdì, Ottobre 22

La forza delle donne contro la crisi field_506ffb1d3dbe2

0
1 2 3


Sabrina Barcella invece realizza torte, anche lei in casa, anche lei con la figlia, cercando di unire passione, lavoro e maternità.

Sabrina il tuo lavoro è una passione?

Direi piuttosto il contrario, è una passione che è diventata un lavoro. Mi piace però considerarla ancora una passione poiché al lavoro è spesso attribuito una fatica non sempre gratificante. In quest’ottica la mia è, e spero sarà sempre, una passione!

Quando hai iniziato pensavi che potesse diventare una sorta di professione?

Assolutamente no, ho iniziato per mia figlia, decisa di farle una torta personalizzata per il suo compleanno. Il fare torte mi piaceva e lì ho pensato che sarebbe stato bello se fosse diventato qualcosa di più.

Chi sono i tuoi clienti?

Prevalentemente persone che vogliono esprimere qualcosa in modo originale. Non solo per il compleanno del figlio o per festeggiare lauree o cerimonie, ma anche per proposte di matrimonio, sacchettini per ringraziare, regalini particolari per qualche avvenimento. Qualsiasi occasione può essere celebrata con una torta ad hoc e non solo torte! Le creazioni in pasta da zucchero possono diventare dei veri e propri oggettini da conservare per tanti e tanti anni portando con sé il ricordo di quell’avvenimento.

Arte, manualità e fantasia e poi quali ingredienti servono per fare le tue torte?

Determinazione, costanza e tanta tanta passione.

Un lavoro che ti permette anche di gestire la famiglia?

Diciamo che essendo un lavoro ‘autonomo’ posso gestirlo come voglio, anche se le scadenze sono improrogabili e spesso devo concentrarmi sul lavoro fino a tarda notte per finirlo in tempo. Per fortuna mio marito mi da una mano in questo e riesco alla fine a far conciliare tutto.

Apriresti una pasticceria tutta tua?

Non saprei, attualmente con una bambina piccola non riuscirei a pensare a un lavoro a tempo pieno perché questo vorrebbe dire trascurare sia lei che mio marito.

 

Tre donne, tre madri, tre passionarie, amanti della vita, del lavoro e che per i figli hanno ribaltato la loro esistenza, non si sono fermate, sono cresciute, creando qualcosa di originale, unico e prezioso. Come le donne.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->