lunedì, Maggio 16

La follia di isolare la Russia Mentre va condannata pubblicamente e inequivocabilmente l'invasione della Russia, si devono anche considerare le opportunità perse lungo la strada a cui non bisogna aggiungere l’isolamento di Mosca

0

Mentre gli americani assorbono il flusso costante di notizie terribili e fotografie strazianti della guerra in Ucraina, è necessario guardare alle opinioni dell’Europa su un conflitto europeo. Primo, questi punti di vista sono tutt’altro che armoniosi; non c’è, come ha detto lo studioso inglese della Russia Richard Sakwa, “nessuna visione strategica dell’Unione Europea” sull’Ucraina: la maggior parte dei membri si è semplicemente ‘vergognata’ nell’alzare la posta nella fornitura di armi. In secondo luogo, in generale, l’Europa è divisa tra est e ovest: il nuovo governo Scholz a Berlino sputa di creare un insieme coerente di politiche, e in Francia, il Presidente Emanuel Macron ha vinto la rielezione nonostante le critiche per la sua volontà di coinvolgere il Presidente Putin fino a notte fonda prima dell’invasione. Nel nuovo Regno Unito extra-UE, il Primo Ministro Johnson è accusato in alcuni ambienti di una sorta di scenario vicario ‘Wag the Dog’, in cui strombazzare il sostegno a Kiev potrebbe oscurare alcune attività sconvenienti in casa [l’ultima copertina dell’irriverente La rivista britannica Private Eye mostra Johnson che stringe la mano al presidente Zelensky, ognuno dei quali dice simultaneamente “Grazie per essere venuto in mio soccorso”.] Nell’est del continente, i polacchi e i rumeni sono stati più aggressivi, il neo rieletto Orban in Ungheria resta un’anomalia.

Nell’edizione del 23-24 aprile del Financial Times è apparso un articolo d’opinione di Ivan Krastev, Presidente del Center for Liberal Strategies di Sofia, Bulgaria, e borsista sia dell’Institute for Human Sciences di Vienna che dell’European Council on Foreign Relazioni. È un saggio ponderato, intitolato ‘Isolare la Russia non è nel potere o nell’interesse dell’Occidente’. A sostegno di ciò, Krastev adduce quattro ragioni:

Isolare la Russia “adotta inconsciamente un discorso in cui la Russia come civiltà è immutabile”. Come ha mostrato il 1991, non è affatto così.

L’isolamento “chiude l’interesse per ciò che sta accadendo in Russia”: ci sono proteste contro la guerra, anche se piccole rispetto al diffuso sostegno pubblico [come nota a piè di pagina, i sondaggi mostrano che le tranches incessanti delle sanzioni guidate dagli Stati Uniti servono a mobilitare l’opinione pubblica opinione dietro il Cremlino e per creare una ‘mentalità d’assedio’.]

Forse la cosa più importante a lungo termine, Krastev prevede che “scommettere su un mondo senza la Russia è in definitiva futile, perché il mondo non occidentale, che potrebbe non favorire la guerra del Cremlino, difficilmente è desideroso di isolare la Russia” [entrare in Cina, India, Brasile, Sud Africa e gran parte del continente africano.]

Krastev inciampa, tuttavia, con la quarta ragione per evitare l’isolamento: “[Esso] giustifica la narrativa contorta di Putin secondo cui l’unica Russia che l’Occidente può tollerare è una Russia debole o sconfitta“.

Direi che questa ‘narrativa’, tutt’altro che contorta, è in effetti chiara, lineare e supportata dalla storia del dopo Guerra Fredda. Quando l’Occidente, in particolare gli Stati Uniti, che nonostante tutto è di fondamentale importanza per la Russia, è stato più ‘tollerante’, a suo agio nei confronti della Russia? La risposta, ovviamente, è il disastroso decennio degli anni ’90, quando una Russia ampiamente compiacente accolse con favore l’applicazione alchemica occidentale della ‘riforma’ economica; quando la NATO è stata allargata sulle deboli e futili proteste della Russia; quando la NATO ha attaccato il suo alleato chiave, la Serbia, contrariamente alla Carta delle Nazioni Unite; quando gli Stati Uniti hanno strappato il Trattato sui missili anti-balistici; quando il disprezzo del Presidente Bill Clinton per il sempre più tragicomico Boris Eltsin non poteva essere contenuto, il suo commento, riportato dal vicesegretario di Stato Strobe Talbott, dice tutto: “Eltsin ubriaco è meglio della maggior parte delle alternative sobrie”.

Putin, ovviamente, è una proposta diversa per l’Occidente e, che ci piaccia o no, per la Russia: e fossimo stati pronti ad affrontare seriamente un Paese che riemerge dalle ceneri degli anni ’90; riconoscere che la Russia, proprio come gli Stati Uniti, ha legittimi interessi di sicurezza strategica nel suo vicinato esteso [la Russia dovrebbe creare una Dottrina Monroe per la nostra considerazione?]; e che un’Ucraina nella NATO è, come hanno convenuto anche i più esperti osservatori non dalla parte della Russia, un non inizio – avremmo potuto evitare la prospettiva crescente di una situazione di stallo prolungata nella guerra in Ucraina, o, peggio ancora, un pieno- ha fatto esplodere la guerra per procura tra Russia e NATO con risultati potenzialmente apocalittici.

È per tutti questi motivi che mentre condanno pubblicamente e inequivocabilmente l’invasione della Russia, tuttavia sottolineo le opportunità perse lungo la strada. A questi non bisogna aggiungere, come consiglia Ivan Krastev, l’isolamento permanente della Russia.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

David C. Speedie è un membro del consiglio di ACURA ed è stato Senior Fellow e Direttore del Program on U.S. Global Engagement al Carnegie Council for Ethics in International Affairs di New York dal 2007 al 2017.

End Comment -->