sabato, Dicembre 4

La firma delle Unioni civili saluta Pannella field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


E’ stata firmata oggi dal Premier Matteo Renzi e dal Presidente della Regione Lazio Luca Zingaretti un’intesa tra Governo e Regione per lo stanziamento di 1,4 mld al fine di sostenere le molteplici necessità del territorio laziale. 251 milioni saranno destinati ai lavori attivi sugli apparati sanitari, mentre circa 250 milioni andranno a cantieri di bonifica e di rinnovamento per le strutture idriche delle isole di  Ponza e Ventotene. A parlare dello stanziamento è il Presidente del consiglio che in conferenza stampa dichiara: «Per troppi anni l’Italia ha visto una classe dirigente, non solo per colpa della politica, che non era in grado di guardare al futuro. La cosa più grave di questi ultimi anni è stato il modo in cui altre Regioni, non solo del sud ma spesso proprio del Mezzogiorno, hanno buttato dicendo ‘tanto sono fondi europei’. Ma che fondi Ue? Noi all’Ue diamo 20 mld e ne recuperiamo 12, non sono fondi Ue, sono soldi pagati dai cittadini con le loro tasse». Renzi prosegue e continua a parlare dell’Ue: «Ha dato l’ok alla nostra richiesta di flessibilità: noi dicevamo ce il modello del passato è sbagliato perché non funziona. E’ vero il debito e’ ancora alto ma si è bloccato ed è cominciato a scendere ma in Europa abbiamo detto che non si può fare soltanto una politica di austerity senza sbloccare gli investimenti». Soddisfatto dell’accordo è anche il candidato a sindaco della capitale Roberto Giachetti che a proposito della presentazione della sua giunta afferma: «L’annuncio della giunta è slittato perché domani è il giorno dell’addio a Marco e quindi non mi va e non me la sento di farlo, non lo voglio fare nel giorno che per me deve essere dedicato a lui, e la mia giornata sarà dedicata a questo. L’annunceremo comunque lunedì, passano 48 ore, non succede niente. I nomi ci sono quasi tutti. Se manca ancora qualche risposta? No, ce ne sono in più, quindi devo scegliere, devo fare una cernita».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->