sabato, Aprile 10

La festa di fine Ramadan

0

Nel video di ‘Euronews’ un approfondimento sulla festa di fine Ramadan. È terminato ieri il mese che interessa il quarto dei cinque pilastri dell’Islam, con le consuete celebrazioni avvenute in tutto il mondo. Durante questo periodo il digiuno occupa un’importanza fondamentale nella giornata di un musulmano, che si astiene, dall’alba al tramonto, dall’assumere bevande e alimenti, ma anche dal fumare e dalle pratiche sessuali. Nelle celebrazioni di quest’anno sono stati ricordati, in particolar modo, gli attacchi terroristici che hanno interessato il mese di digiuno. Il Premier iraniano Hassan Rouhani ha fatto appello all’unità del mondo islamico verso un futuro di pace. Ciò che di questa usanza non è spesso sottolineato è l’importanza dell’aspetto spirituale: il pensiero deve essere indirizzato nella lotta contro le intenzioni e le azioni che possono suscitare la rabbia e altri sentimenti giudicati negativamente dalla religione.

In un altro video, la ‘CNN’ si è concentrata sulle usanze del mondo islamico asiatico durante il Ramadan con una carrellata di immagini e colori.

Emergono le usanze e le tradizioni più interessanti, come l’importanza della condivisione dell’Iftar, il pasto serale alla fine di ogni giornata di digiuno, attorno a cui si stringono i fedeli. Un pasto nutriente e facile da portare in giro è, ad esempio, il kolak, un dolce consumato in Indonesia a base di zuccheri e banane. Il giro delle località asiatiche procede in Giappone, Cina, Pakistan, India, facendo notare come, alla base di tutti i piatti, ci sia una preponderanza di zuccheri semplici e complessi, utili a conferire nuove energie al corpo sottoposto a digiuno durante i giorni del Ramadan.

(video tratto dal canale Youtube di ‘Euronews’)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->