domenica, Agosto 1

La fabbrica della pace in Africa

0

L’Africa ha vissuto decine di conflitti su una varietà di questioni negli ultimi due decenni. Rispondere a questi conflitti richiede un’azione concertata per gestire le crisi. Ma è anche necessario ricostruire le comunità, le società e gli Stati distrutti dal conflitto, affrontando l’impatto economico e sociale a lungo termine del conflitto.

Per raggiungere l’obiettivo della pace c’è bisogno del coinvolgimento di istituzioni e gruppi raramente considerati nelle attività ufficiali di gestione dei conflitti. Questi gruppi e organizzazioni hanno un ruolo importante da svolgere nella costruzione di un senso di identità, di equità, di norme condivise e di coesione tra Stato e società.

Il libro ‘The Fabric of Peace in Africa. Looking beyond the State‘ di Pamela AallChester A. Crocker riunisce esperti leader di Africa, Europa e Nord America per esaminare queste istituzioni e gruppi sociali e considerare come possano migliorare la risoluzione pacifica dei conflitti o impedirli. In particolare si cerca di rispondere a queste domande: Che cosa costituisce la coesione sociale e la resilienza di fronte ai conflitti? Quali sono le minacce alla coesione e alla resilienza? E come possono essere promossi gli elementi positivi e da chi?

(video tratto dal canale Youtube del Centre for International Governance Innovation)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->