martedì, Settembre 28

La Danimarca è il Paese più felice del mondo

0

Se volete essere felici, ma davvero felici, beh allora lasciate l’Italia e andatevene in…Danimarca. A dirlo è la speciale classifica del Rapporto Mondiale della Felicità del 2016, redatta dal Sustainable Development Solutions Network (Sdsn), organismo dell’Onu. La Danimarca ha preceduto Svizzera, Islanda e Norvegia. Tra le prime dieci anche Finlandia, Canada, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Australia e Svezia. Solo tredicesimi gli Stati Uniti, mentre l’Italia si conferma al 50esimo ed è tra i dieci Paesi con il maggiore calo della felicità nell’ultimo anno.

«I dieci Paesi con il maggiore calo nella valutazione media della vita in genere soffrono di un insieme di tensioni economiche, politiche e sociali», si legge nel rapporto. «Tre di questi Paesi (Grecia, Italia e Spagna) sono tra i quattro Paesi dell’Eurozona più colpiti dalla crisi». «La misurazione della felicità percepita e il raggiungimento del benessere dovrebbero essere attività all’ordine del giorno di ogni nazione che si propone di perseguire obiettivi di sviluppo sostenibile», il commento di Jeffrey Sachs, direttore dell’Earth Institute presso la Columbia University. «Chi punta solo sul Pil rischia di avere brutte sorprese», avverte invece Leonardo Becchetti del CEIS Tor Vergata. «Il Pil non basta a misurare il benessere e le recenti elezioni irlandesi, in cui il governo è stato sonoramente sconfitto nonostante una crescita sulla carta del 7%, lo dimostrano chiaramente. La felicità (soddisfazione di vita) è una misura sintetica molto importante a cui la politica e i media dovrebbero fare particolare attenzione perché in grado di catturare tutti i fattori che incidono sulla soddisfazione dei cittadini».

(video tratto dal canale Youtube di News Tv2000)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->