sabato, Dicembre 4

La crescita dell’e-Commerce: com’è cambiato il modo di acquistare degli italiani Boom nei mesi di lockdown del 2020 e aspettative per il 2021

0

I mesi di lockdown collettivo hanno sicuramente cambiato il nostro rapporto con il mondo dell’e-Commerce. Le ricerche sui vari portali si sono clamorosamente intensificate, e allo stesso tempo sono tantissimi gli utenti che nelle settimane di chiusura collettiva hanno fatto esperienza di un primo acquisto online. Soprattutto per quanto riguarda i prodotti del comparto casa e giardino, ma anche elettronica, prodotti farmaceutici, moda, ricambi auto e collezionismo.

Il Covid-19 ha messo in moto un cambiamento destinato a durare per sempre nell’e-Commerce; cambiano le abitudini di acquisto dei consumatori e cambiano le modalità di fare affari dei siti e-Commerce. Ma da una crisi è nata un’opportunità. Già negli ultimi anni avevamo assistito ad una crescita costante del commercio elettronico in Italia, con una crescita di 4,1 miliardi di euro tra il 2018 ed il 2019. A partire da Febbraio 2020 si è raggiunto un picco mai visto: con i negozi chiusi e l’impossibilità di uscire di casa, gli italiani sono stati ‘costretti’ ad affidarsi allo shopping online per rispondere alle loro esigenze. I numeri dell’Osservatorio e-Commerce B2C della School of management del Politecnico di Milano e di Netcomm parlano chiaro: la 21esima edizione del rapporto documenta infatti la crescita più rilevante di sempre degli acquisti online di prodotti (+5,5 miliardi di euro in 12 mesi).

Le vendite online nel secondo trimestre del 2020 sono cresciute del 71% rispetto al periodo precedente. Nel terzo trimestre, invece, l’incremento è stato del 55%. Sono valori eccezionali quelli riportati dalle analisi effettuate sulle informazioni provenienti dalle piattaforme Salesforce distribuite nel mondo. Un panel globale di circa un miliardo di consumatori che fornisce uno spaccato molto chiaro della crescita dell’e-Commerce nello scorso anno. Ma non è tutto: nel mese di dicembre Poste Italiane ha consegnato 27 milioni di pacchi, di cui 20 milioni legati all’e-Commerce, quasi 10 milioni in più rispetto allo stesso periodo del 2019 (+56%).

I dati del 2020 sono stati fortemente condizionati dalla pandemia, ma sarà interessante e significativo vedere se la crescita dell’e-Commerce si confermerà anche del 2021. Il digitale potrà nel 2021 dare una spinta al commercio, motivo questo per il quale si suggerisce ai piccoli esercizi di quartiere “di affidarsi all’e-Commerce – alla formula doppia offline e online – che dà più visibilità e potenzialmente moltissimi clienti”.

I dati raccolti dagli analisti della nostra piattaforma confermano questa tendenza al rialzo anche nei primi 20 giorni del 2021”, spiega ai nostri microfoni il team di Viata, l’unica farmacia online che offre la consulenza di veri farmacisti in tempo reale. Tra i prodotti più venduti sul loro store online spiccano articoli funzionali per rafforzare il proprio sistema immunitario, in particolare integratori alimentari, oltre che book di mascherine chirurgiche IIR Certificate CE. Tale tendenza conferma come il Covid-19, anche quest’anno, stia condizionando le scelte degli utenti nel settore farmaceutico. Tale relazione sarà destinata a durare per molto tempo, almeno fino a quando l’emergenza sanitaria globale terminerà.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->