martedì, Gennaio 18

La corsa più pazza del mondo, Assange, No Vax Io ne ho viste cose che voi italiani... Ma alcune persino io preferisco non vederle

0

E, certo, io ne ho viste cose che voi italiani non potreste immaginarvi, ma mi appresto a vederne, di cose, che neppure io avrei potuto immaginarmi. Ché mancano una manciata di settimane all’avvio della corsa per il Quirinale, La corsa più pazza del mondo. Volendo, ci si può preparare vedendo l’omonimo film, che al confronto era una scampagnata di educande. Ma forse è più adeguato The Rocky Horror Picture Show.

Ché, considerando il campo dei possibili partecipanti si potrebbe pure candidare il buon vecchio Arnaldo Forlani, stoppato nel 1992 sulla via del Colle, che ha appena compiuto, l’8 dicembre, 96 anni. Assistendo agli spettacoli riprovevoli ed alle personali inadeguatezza politiche, vien quasi (quasi) da rimpiangerlo. E allora perché non lui a inizio 2022: in fondo dovrebbe rimanerci solo sino a 103 anni. Più eventuale rielezione.

E poi abbiamo visto, proprio oggi, venerdì 10 dicembre 2021, Julian Assange fare un altro passo verso il ‘patibolo’ della estradizione dal Regno Unito agli Stati Uniti. Ed editori e giornalisti difensori della libertà di informazione… No, queste cose ho preferito e preferisco non vederle.

E abbiamo visto pure tanti antivaccinisti irritarsi inalberarsi offendersi fuggire quando qualcuno prova delicatamente a dir loro quel che fanno e sono, e gentilmente indicare dove dovrebbero stare. O andare… Sorprendentemente, ma non troppo quando si parla di psicopatia e nella fattispecie paranoia, si è creato un variegato fronte che vede ammassati (e quindi ad ulteriore rischio di seppur metaforico contagio) destradestra, sinistrasedicentesupersinistra, matti sparsi e cattolici in gran parte anti Francesco (sia nel senso del Santo di Assisi che del Santo di Buenos Aires). Neocultori dei Nove Sacramenti, visto che hanno evidentemente espulso il quinto, ‘Non uccidere’.

IO NE HO VISTE COSE CHE VOI ITALIANI NON POTRESTE IMMAGINARVI… /3 (continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->