venerdì, Luglio 30

Cina: opposizione al Libro Bianco del Giappone

0

Il Ministero della Difesa cinese ha espresso, martedì scorso, una forte opposizione al Libro Bianco del Giappone sulla Difesa 2016, definendo il documento annuale ostile alle forze militari cinese e ingannevole per la comunità internazionale. «Il Libro Bianco emesso il 2 agosto, pieno di espressioni banali, distorce il giustificato e ragionevole lavoro della difesa cinese, accentuando i problemi nel Mar Cinese Meridionale e il Mar Cinese Orientale», ha dichiarato il portavoce del Ministero della Difesa, Wu Qian, in un comunicato. Ha anche aggiunto che il Libro sia «Pieno di ostilità verso l’esercito cinese, che suscita problemi tra la Cina e i suoi vicini, e cerca di ingannare la comunità internazionale». Inoltre, sulla questione del Mar Cinese Meridionale, Wu sostiene che il Giappone stia tentando di causare problemi a proprio vantaggio. Ha poi esortato il Giappone a creare le condizioni per il miglioramento dei legami tra i due Paesi attraverso azioni concrete.

Il Giappone ha pubblicato il suo primo Libro Bianco sulla Difesa nel 1970 e ne ha compilata una nuova versione ogni anno dal 1976.
Nel documento giapponese di 480 pagine, circa 30 sono dedicate alle osservazioni sulla difesa nazionale della Cina e le attività marittime nel Mar Cinese Meridionale, ed esprime una profonda preoccupazione per le politiche marittime cinesi.
Il Libro Bianco è stato criticato anche della Repubblica di Corea, che ha invitato un funzionario dell’ambasciata giapponese per protestare. 

 

 

 

(video tratto dal canale YouTube di New China TV)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->