giovedì, Ottobre 28

La carica dei pensionati Tanti poliziotti vicini ormai alla soglia del pensionamento, si prospetta il problema dei rimpiazzi

0

thailandia-interna-nuova

Bangkok – Il Corpo della Polizia Reale thailandese recentemente è stato sottoposto a sferzanti critiche. Non solo in relazione a recenti vicende riguardante l’uccisione di una coppia di cittadini inglesi e i metodi di indagine applicati successivamente, dove si è denotata una certa confusione ed una scarsa perizia, stando a quanto si afferma non solo in Gran Bretagna ma anche nella stessa Thailandia. Non solo i turisti stranieri lamentano oggi il peggioramento dei livelli di vessazione e della conseguente corruzione correlata alla polizia, infatti, a lamentarsi profondamente oggi sono anche i thailandesi.

Ora la Polizia Reale thailandese si trova a doversi scontrare da una parte con le critiche anche feroci della popolazione nazionale e dall’altra con un altro inaspettato e fiero avversario: l’assottigliamento dei numeri del proprio personale, una vera e propria sfida da dover fronteggiare, più che altro perché a causa dei pensionamenti, nei prossimi sei anni la Polizia corre seri rischi nei numeri dei propri ranghi.

Oltre a rimpiazzi per 32.169 ufficiali di Polizia entro il 2020, il Bureau della Polizia Reale thailandese sta preparando funzioni extra per la Sanità ed i servizi di assistenza medica correlate, così come si stanno attentamente pianificando le cose da farsi come cercare la adeguata e dignitosa copertura economica per assicurare una vecchiaia tranquilla ai propri servitori, come peraltro si raccomanda in un recente studio emesso dalla Divisione Risorse Umane della Polizia Reale thailandese.

Una recente politica di sostegno, nella quale tutti gli ufficiali con età superiore a 53 anni sono invitati a scegliere l’opzione pensionistica senza che vengano adottati principi retroattivi e già codificati e accettati in precedenza, ha contribuito alla creazione di ufficiali. Ora però si profila una penuria di queste figure professionali. Attualmente si constata anche una relativa penuria di staff specialistici come i tecnici di laboratorio e gli esperti nel disinnesco degli ordigni esplosivi.

Un recente studio ha anche rilevato che l’età media degli ufficiali di Polizia è di 43 anni, il che è un problema quando si tratta di dover essere dotati di parecchie energie come accade con lavori pesanti tipo i pattugliamenti, il lavoro di indagine e per quel che riguarda gli ufficiali specializzati nella lotta contro i narcotici.

La Polizia Reale thailandese attualmente consta di 216.958 poliziotti ufficiali, 58.941 o il 27.17 per cento dei quali sono ufficiali di Comando e 158.017 o il 72.83 per cento sono ufficiali di grado più basso. Sul totale, 200.637 sono maschi e 16.321 sono femmine. Tra i servizi civili, il personale di Polizia è secondo nella Nazione al 16.08 per cento, dopo gli insegnanti, il personale coinvolto nell’apparato educativo ed i lettori alle dipendenze del Ministero dell’Istruzione.

I recenti studi di settore  condotti sulla Polizia Reale thailandese raccomandano che siano disposte misure di sviluppo a lungo termine affinché si ottenga personale motivato, perché i superiori così come i poliziotti semplici seguano corsi di leadership e comando e perché gli ufficiali di polizia possano avere sempre più autorità per prepararsi alla futura decentralizzazione del potere secondo le più recenti misure interne adottate dalla polizia Reale thailandese. Gli studi, inoltre, sottolineano che i membri di ogni ordine e grado all’interno dell’apparato di polizia debbano seguire corsi di addestramento ed aggiornamento sulle più recenti tecniche di lotta al crimine e soprattutto per giungere pronti all’appuntamento del coordinamento d’area che andrà ad essere ufficializzato in occasione della integrazione ASEAN che andrà finalmente in porto il prossimo anno.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->