sabato, Ottobre 16

La camminata sulla corda di tre donne a 1300 metri d’altezza In equilibrio sui tacchi ad attraversare il vuoto: ecco le donne più coraggiose

0

Tre delle donne ‘slackliners’ migliori al mondo hanno indossato scarpe col tacco alto ed hanno camminato su una cinghia sospesa a oltre 1.300 metri di altezza. Questo il loro sport, la loro passione. Una sfida ed un debutto mondiale a Zhangjiajie, nella provincia cinese dell’Hunan, tenutosi domenica scorsa.

Mimi Guesdon dalla Francia, Mia Noblet dal Canada e Faith Dickey dagli Stati Uniti, tutti famosi slackliner femminili di fama internazionale, si sono riuniti a Zhangjiajie ed hanno iniziato la sfida. Per il loro ardito compito, hanno camminato su tacchi di cinque centimetri su una slackline larga 25 millimetri, lunga 70 metri e sospesa a oltre 1.300 metri nell’aria. Ognuno di loro aveva tre possibilità e chiunque avesse finito i 55 metri designati dalle regole del gioco senza cadere e nel giro di poco tempo, sarebbe stato dichiarato vincitore.

La slackliner canadese Mia Noblet è riuscita al suo primo tentativo, camminando costantemente e senza minimamente essere colpita dal vento e dalla pioggia fine. Mimi Guesdon dalla Francia non è riuscita nel suo primo tentativo, ma è stata in grado di camminare velocemente senza ruzzolare al suo secondo tentativo. Alla fine, ha terminato in 9 minuti e 24 secondi. Faith Dickey dagli Stati Uniti non è riuscita a superare tutti e tre i suoi tentativi.

La vincitrice? LA francese Mimi Guesdon.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->