lunedì, Giugno 21

La Borsa sostenibile field_506ffb1d3dbe2

0

borsa

Bangkok – La Borsa di Thailandia  nella giornata di ieri ha annunciato la nascita della partnership con l’Iniziativa Borse Sostenibili Nazioni Unite, la Thailandia diventa così la prima Nazione ASEAN  ad aggregarsi ad altre 12 tra le principali piazze borsistiche che hanno pubblicamente proclamato di voler promuovere pratiche sostenibili.

Il Presidente esecutivo della Borsa di Thailandia, Sathit Limpongpan  ha affermato che la Borsa thailandese a luglio ha siglato un pronunciamento volontario con l’Iniziativa Borse Sostenibili Nazioni Unite, confermando di volervi contribuire con il proprio assenso e sostegno.

Investitori, società ed enti regolatori cooperano per promuovere la sostenibilità nel lungo periodo attraverso il rafforzamento della trasparenza societaria e le performance in temi ambientali, sociali e nella governance tra le società che vi si sono associate e per incoraggiare approcci responsabili a lungo termine tra gli investitori.

«Essere la prima Borsa all’interno dell’area ASEAN che si unisce alla Iniziativa Borse Sostenibili rinforza la nostra leadership regionale e contribuirà a implementare il riconoscimento internazionale», ha aggiunto Sathit Limpongpan che ha anche sottolineato che gli scopi dell’Iniziativa Borse Sostenibili sono proprio quelli di sviluppare la sostenibilità della Borsa e del Mercato capitale della Thailandia in modi molto concreti.

In Ottobre, la Borsa di Thailandia condividerà le sue intenzioni in termini di approccio proattivo verso lo sviluppo sostenibile in occasione del Dialogo Globale Iniziativa Borse Sostenibili che si terrà a Ginevra presso la sede delle Nazioni Unite.

«Tutto ciò segue il solco dell’attuale rimarchevole sviluppo sostenibile dell’Iniziativa Borse Sostenibili Nazioni Unite nella regione, il che prova  ulteriormente la volontà della governante societaria di raggiungere punteggi quali quelli della governante di livello ASEAN per i due anni 2013-2014 essendo il livello di Governance societaria dell’Asia al suo apice nel 2013, come confermato dal Report sull’Osservanza degli Standard e Codici nel 2013, ufficializzati dalla banca Mondiale. Noi infine sosteniamo e riteniamo benvenute queste iniziative che ci consentono di condividere e apprendere le migliori pratiche possibili in tal senso con altre entità borsistiche dell’area», ha aggiunto Sathit Limpongpan.

Secondo il Presidente istituzionale della Borsa di Thailandia, Kesara Manchusree, la Borsa thailandese ha la sua propria cornice di riferimento nello sviluppo della sostenibilità, incentrandosi su cinque aree chiave, soprattutto il valore di mercato, le operazioni nel business, gli impieghi, la società e lo sviluppo ambientale. La Borsa di Thailandia potrà presto stabilire anche un gruppo di lavoro per costruire con maggiore sostanza di fatti piani a breve, medio e lungo termine proprio per le cinque aree annotate.

L’Iniziativa Borse Sostenibili Nazioni Unite, individuata nel 2009, è co-organizzata dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo Sviluppo UNCTAD, Ambiente Nazioni Unite, dall’’Iniziativa Programma Finanziario, Il Compatto Globale Nazioni Unite e dai Principi per Investimento Responsabile. Tutte queste entità hanno contribuito a costruire un buon reclutamento progressivo di 12 Borse a livello mondiale.

I partner borsistici comprendono la Borsa Finanziaria e Commerciale di Istanbul, la Borsa Sicurezza Colombiana, la Borsa di Johannesburg, la Borsa Egiziana, il Gruppo Borse di Londra, la Borsa Messicana, il NASDAQ OMX, la Borsa Nigeriana, la newyorkese NYSE e la Borsa di Varsavia.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->