giovedì, Luglio 29

La Birra cinese è al top field_506ffb1d3dbe2

0

Tsingtao Brewery birra cinese

Bangkok – La Tsingtao Brewery, valutata più di 95 miliardi di Yuan (circa 15 miliardi di Dollari USA) ha di nuovo raggiunto la prima posizione tra i Marchi cinesi di birra, secondo quel che riporta la lista Top 500 Marchi Cinesi di Maggior Valore 2014.

La Tsingtao esporta verso 85 Nazioni e regioni diverse ed oggi si colloca al sesto posto a livello globale in termini di produzione, secondo il Report Barth, una lista di birre nel mondo ritenuta di alta autorevolezza. Il volume delle vendite s’è innalzato del 20 per cento in Nord Europa nell’anno scorso ed ha continuato a crescere nella più nota zona di riferimento del settore, ovvero il Regno Unito, con un 20.8 per cento di crescita nei supermarket Tesco e del 53.5 per cento nei supermarket Waitrose. Ha mostrato una crescita rimarchevole nei cosiddetti mercati emergenti con le vendite che sono esplose del 93 per cento in Africa e del 73 per cento nell’Europa dell’Est.

Il suo successo nei mercati esteri è peraltro provato da centinaia di migliaia di post su Facebook o Twitter.

“Tsingtao, grazie per il tuo sostegno!”, afferma con enfasi Mile Jedinak il capitano della rappresentativa nazionale calcistica dell’Australia in una foto della campagna pubblicitaria che ritrae tutta la squadra. “La mia storia con la birra Tsingtao ora è un topi tra i più caldi in Australia tra tutti coloro che accedono a Facebook con tante condivisioni e discussioni tra i fan”. Anche in Gran Bretagna, la modella ed attrice Amy Jackson campeggia in una pubblicità della birra Tsingtao, in più di 3.000 teatri e sale cinematografiche prima che il film sia proiettato in sala.

Tsingtao ha avviato una serie di campagne destinate a ringiovanire la riconoscibilità del brand negli ultimi anni. E sono anche stati lanciati sul mercato numerosi prodotti innovativi comprese le particolari confezioni per eventi pubblici e festival, birre chiare e scure ed ovviamente anche speciali edizioni in occasione delle più importanti competizioni calcistiche nel Mondo proprio per diversificare e migliorare il personale portfolio.

In  qualità di sponsor ufficiale dei Giochi Olimpici di Pechino del 2008, Tsingtao ha sostenuto diversi sport in Cina, compresi la pallacanestro ed il calcio così come una lunga serie di eventi musicali popolari pubblici. Lo scorso anno ha anche lanciato un negozio monomarca in uno dei più grandi big mall cinesi così che tutti i clienti possono godersi la birra direttamente all’interno degli spazi della casa produttrice.

La crescita media della produzione di birra cinese è stata del 4.59 per cento, un certo rallentamento rispetto ai tassi di espansione dell’anno precedente. Tsingtao ha mostrato una crescita del 10,14 per cento in termini di produzione ed il 9.73 per cento in termini di crescita. Il suo profitto netto è cresciuto del 12.20 per cento lo scorso anno mentre il volume delle vendite è balzato a 218 milioni di kilolitri (1 kilolitro è una unità di volume pari a 1.000 litri) nel primo quarto dell’anno corrente, un 19.3 per cento di crescita se lo si compara con lo stesso periodo preso in esame dell’anno precedente.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->