lunedì, Novembre 29

La Bielorussia, la Polonia e la crisi dei migranti Lukashenko sta usando la questione dei migranti ai confini come leva contro l'UE. Vuole la revoca o l'allentamento delle sanzioni esistenti e il riconoscimento di essere il legittimo sovrano della Bielorussia

0

Ieri un bambino siriano di un anno è morto per il freddo nella foresta in cui era intrappolato da un mese e mezzo al confine tra Bielorussia e Polonia. Le immagini di migranti – molti dei quali famiglie con bambini – accampati al confine tra Bielorussia e Polonia, che cercavano di entrare in Polonia con la forza e scoraggiati dai tubi dell’acqua, hanno attirato l’attenzione internazionale negli ultimi giorni. Il 18 novembre, è stato riferito che molti dei migranti stavano per essere riportati indietro dal confine, in una struttura gestita dal governo.

La crisi è in atto da mesi, afferma Tatsiana Kulakevich, ricercatrice del SIGS dell’University of South Florida, l’afflusso di migranti in Bielorussia dal Medio Oriente è iniziato all’inizio dell’estate 2021. Ma non sono venuti per rimanere in Bielorussia. La loro destinazione finale era l’Europa occidentale. Ora ci sono migliaia di persone che passano la notte vicino al recinto di filo spinato che separa la Bielorussia dalla Polonia, membro dell’UE.

La situazione ha preso una svolta drammatica l’8 novembre quando migliaia di nuovi arrivati ​​si sono presentati al confine tra Bielorussia e Polonia e hanno cercato di sfondare le recinzioni di fortuna al confine, con l’obiettivo di entrare nell’Unione europea.

Questa crisi dei migranti ha una svolta – sembra essere incoraggiata da Alexander Lukashenko, leader della Bielorussia, che è al centro del conflitto di confine come parte di uno stratagemma per inondare i membri dell’UE che confinano con la Bielorussia – Polonia, Lituania e Lettonia – con grande numero di migranti in rappresaglia per una serie di sanzioni contro il governo Lukashenko che ha negato di incoraggiare i migranti in Europa. L’evidenza suggerisce il contrario.

Belavia, la compagnia di bandiera bielorussa, negli ultimi mesi ha aumentato il numero di voli dal Medio Oriente, inclusi Iraq, Libano e Siria, per consentire l’arrivo di più migranti. Ad esempio, flightradar24.com, che monitora il traffico aereo globale, ha registrato 27 voli da Beirut a Minsk da agosto a novembre 2021, rispetto ai soli cinque in tutto il 2020.

E secondo alcuni migranti dall’Iraq, i funzionari bielorussi hanno organizzato il loro soggiorno negli hotel e li hanno aiutati a raggiungere il confine con la Polonia. È stato riferito che le guardie di frontiera bielorusse hanno condotto i migranti in un varco che era stato tagliato nella recinzione di confine, consentendo loro di aggirare il checkpoint ufficiale. Nel frattempo, altri migranti affermano di aver ricevuto asce e tronchesi dalle guardie di frontiera bielorusse per tagliare le recinzioni.

In risposta, il governo polacco ha chiuso il confine con la Bielorussia. Le azioni del governo bielorusso sembrano essere una rappresaglia per le sanzioni economiche imposte dalla comunità internazionale in risposta al governo sempre più autocratico di Lukashenko.

Nell’agosto 2020, le autorità bielorusse hanno represso i manifestanti che chiedevano le dimissioni di Lukashenko a seguito di un’elezione contestata, molti dicono truccata. I leader dell’opposizione affermano che fino a 30.000 persone sono state arrestate nel tentativo di reprimere le manifestazioni.

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea si sono rifiutati di riconoscere la legittimità di Lukashenko come presidente e, nel settembre 2020, hanno imposto una serie di sanzioni contro i funzionari bielorussi con congelamento dei beni e divieti di viaggio.

L’UE ha proseguito con altre due tornate di sanzioni a novembre e dicembre dello stesso anno.

Un quarto pacchetto di sanzioni dell’UE è arrivato dopo che la Bielorussia ha intercettato un volo Ryanair che trasportava Raman Pratasevich, giornalista dell’opposizione ed ex caporedattore del canale di notizie Telegram Nexta, insieme ad altri 132 passeggeri nel maggio 2021. Le autorità bielorusse hanno arrestato il giornalista e suo compagno prima di consentire all’aereo di proseguire verso la sua destinazione. Nel giugno 2021, Pratasevich è stato trasferito agli arresti domiciliari.

Lukashenko ha cercato di sopprimere qualsiasi segno di attività di protesta. Dall’inizio della campagna elettorale presidenziale nel maggio 2020, il numero di prigionieri politici in Bielorussia è aumentato da tre a 868 al 18 novembre 2021

Da dove vengono questi rifugiati e perché? Secondo Kulakevich, i richiedenti asilo sono per lo più curdi dall’Iraq, in fuga da persecuzioni e povertà. Ma ci sono anche migranti dal Libano, dalla Siria e dall’Afghanistan. Stanno cercando di entrare negli stati membri dell’UE Lituania, Lettonia e Polonia.

In precedenza, i migranti mediorientali attraversavano principalmente il confine turco con l’UE e dall’Africa attraverso il Mar Mediterraneo.

Questi attraversamenti possono essere pericolosi, quindi la prospettiva di volare direttamente in Bielorussia invece di rischiare di annegare si è rivelata un’opzione interessante.

Ma ora migliaia di persone sono bloccate o si nascondono lungo il confine bielorusso-polacco, di fronte a temperature gelide. Il freddo e la mancanza di sostegno umanitario hanno causato molteplici casi di ipotermia e almeno nove morti.

Lukashenko sta usando la questione dei migranti ai confini come leva contro l’UE. Vuole la revoca o l’allentamento delle sanzioni esistenti e il riconoscimento di essere il legittimo sovrano della Bielorussia.

L’UE, nel frattempo, ha annunciato piani per ulteriori sanzioni contro la Bielorussia. Ma ha anche offerto la possibilità di negoziare per risolvere la crisi migratoria.

Lukashenko e il cancelliere ad interim della Germania, Angela Merkel, hanno tenuto due telefonate dall’escalation della crisi di confine l’8 novembre. Hanno rappresentato le prime conversazioni di Lukashenko con un leader europeo dalle elezioni presidenziali del 2020.

Le telefonate sono avvenute dopo che il presidente russo Vladimir Putin, alleato di Lukashenko e del regime bielorusso, ha invitato i leader dell’UE a parlare direttamente con Lukashenko.

Quale potrebbe essere la ricaduta?

L’UE, gli Stati Uniti e la NATO hanno condannato fermamente i migranti che accompagnano Lukashenko al confine dell’UE. L’UE ha recentemente annunciato piani per un quinto round di sanzioni contro la Bielorussia, che colpisca le compagnie aeree, le agenzie di viaggio e gli individui che si ritiene facilitino la spinta dei migranti.

Lukashenko, a sua volta, ha minacciato di vendicarsi di ulteriori sanzioni, compresa l’interruzione del transito di gas naturale dalla Russia ai paesi dell’UE attraverso la Bielorussia.

Preparando il terreno per questo, il 17 novembre, la Bielorussia ha limitato il pompaggio di petrolio attraverso l’oleodotto Druzhba alla Polonia, affermando che era il risultato di “lavori di riparazione non programmati” che sarebbero durati circa tre giorni.

Ma interrompere la fornitura di gas all’Europa sarebbe probabilmente solo una misura a breve termine per Lukashenko. Qualunque cosa più di qualche giorno andrebbe contro gli interessi della Russia e potrebbe causare una spaccatura con Putin – e tenere Putin dalla sua parte è cruciale per Lukashenko.

Mosca ha fornito un’ancora di salvezza finanziaria al regime di Lukashenko e ha promesso di proteggere la Bielorussia dalle minacce militari esterne. Finché Lukashenko manterrà il sostegno di Putin, sarà in grado di continuare a reprimere il dissenso al suo interno e ignorare la pressione internazionale per rispettare i confini.

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->