giovedì, Settembre 16

La bambolotta e la zip field_506ffb1d3dbe2

0

20140917

Elisabetta Canalis, dopo aver animato il panorama del gossip per tutta la vita (come dimenticare quel giro in moto con George Clooney sulle rive del lago di Como?) grazie a relazioni vere e presunte, ha capitolato e qualche giorno fa è salita all’altare per sposare il medico ortopedico californiano Brian Perri, con il quale aveva una relazione che dura da un paio di anni.

Al matrimonio, manco a dirlo, presenti star più o meno note, che hanno colto l’evento mondano quale occasione per fare sfoggio di outfit più o meno ricercati nel tentativo, se non di passare alla storia, di non passare inosservati. Tra di loro la showgirl Belen Rodriguez, arrivata ad Alghero assieme ad un’amica della Canalis per presenziare alle nozze e che ha fatto sfoggio di un abito blu che a detta dei più le donava molto. Ovviamente il giorno dopo il matrimonio la stampa cartacea e online ha recensito gli abiti delle invitate, lasciando ai lettori la possibilità di commentare.

E’ risaputo che non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace, solo che alcuni stentano a crederlo possibile. E così è accaduto che una ragazza criticasse l’abito di Belen e si sentisse dare della chiattona. Sissignori, l’elegantissima Belen Rodriguez, che più volte è stata criticata e se l’è sempre cavata con classe, stavolta se l’è presa con un’anonima ragazza che ha criticato l’abito che indossava.

I fatti sono stati più o meno i seguenti. Belen ha pubblicato un’immagine del proprio abito blu su Instagram e i fan hanno iniziato a criticare o esaltare la bellezza dell’abito e del suo contenuto. A Belen però non è andato giù il commento di una ragazza, nemmeno poi tanto pesante, e ha risposto che il commento nasceva da invidia: ha chiamato la ragazza “bambolotta” anzichè “bambolina” (che invece era il suo nickname) e l’ha accusata di essere invidiosa perchè a lei la zip di quell’abito non si sarebbe chiusa.

Ehi super bambolotta!!! Ti rode??? Lo vuoi questo abito? Mi dispiace ma non ti chiude la zip!!!” sono state le esatte parole utilizzate.

Che sia legittimo o meno uno scoppio dopo tante critiche, penso che Belen con poche parole abbia buttato all’aria decine di anni di lotta all’anoressia, trasformandosi da emblema di “ragazza acqua e sapone della porta accanto” a “showgirl dal fisico perfetto in competizione con il mondo”.

Se lo sfogo di Belen non mi preoccupa, infatti, mi preoccupa le ripercussioni che parole del genere possono avere sulla mente di una ragazza che su Instagram e sui social network in generale ogni giorno deve sopravvivere a migliaia di donne dal fisico perfetto (e photoshoppato) che le ricordano quanto lei sia inadeguata (rispetto agli standard disumani delle copertine).

Io mi auguro che quella ragazza sia abbastanza forte da cestinare lo sfogo di Belen come lo sfogo di una ragazza stressata che ha azionato la bocca (in questo caso sarebbe meglio dire “i polpastrelli”) prima di accendere il cervello, prima cioè di pensare alla responsabilità sociale che l’essere un modello per molte donne comporta.

La ragazza, ad appena un giorno dalla risposta, ha disattivato l’account Instagram e l’ho trovata una scelta intelligente. Grazie alle parole di Belen gli amici e i compagni di scuola l’avessero individuata come la destinataria del messaggio, non si sarebbero proprio potuti trattenere dal chiamarla “bambolona” e la sua vita, per quanto “sportivamente” una ragazza possa prendere un soprannome del genere, sarebbe stata segnata.

Cancellarsi da Instagram è stata una scelta che ha denotato una maturità che invece a Belen è mancata.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->