sabato, Settembre 25

La ballerina con l’hijab

0

L’australiana Stephanie Kurlow, quattordicenne di Sydney, ha un sogno: diventare una ballerina professionista e aprire una scuola di danza per ragazze ‘come lei’. Perché lei non è uguale alle altre ballerine di danza classica, Stephanie indossa l’hijab; e lo porta anche quando danza.

Convertitasi all’islam, insieme alla sua famiglia (padre australiano, due fratelli e la madre russa di nascita) nel 2010, aveva iniziato lo studio della danza quando aveva solo due anni e ha smesso di ballare perché pensava che nessuna compagnia di danza accettasse una ballerina che indossa l’hijab.

Così un giorno la ragazza ha pubblicato sul sito di crowdfunding LaunchGood una richiesta di 10 mila dollari per la sua istruzione e per potersi poi dedicare all’insegnamento; spinta dalla volontà di incoraggiare chiunque desideri farne parte, ”a prescindere dalla fede, l’etnia o il colore della pelle”. Portando avanti l’idea che l’arte possa essere sempre un punto di incontro tra persone culturalmente lontane.

A motivare il sogno di Stephanie è stata l’influenza di due grandi donne: Noor Tagouri, la prima giornalista statunitense a indossare il velo, e Misty Copeland, la prima ballerina afroamericana dell’ American Ballet Theatre.

 

(video tratto dal canale YouTube di The Huffington Post)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->