venerdì, Maggio 20

L’Ucraina si unisce ad Afghanistan e Yemen nel plasmare le rivalità nel Golfo L'Ucraina ha rimosso la Russia come possibile garante della sicurezza o come alternativa agli Stati Uniti come fornitore di armi per l'Arabia Saudita e altri Stati del Golfo

0

Il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan è stato uno spartiacque geopolitico. Le sue onde d’urto continuano a risuonare e sono amplificate dalle guerre in Ucraina e Yemen.

Insieme all’invasione russa dell’Ucraina, il ritiro degli Stati Uniti ha rimosso un grave ostacolo alla proiezione iraniana in Asia centrale e ha creato un’opportunità per l’Iran di rafforzare potenzialmente la sua influenza, aumentare il commercio ed espandere la cooperazione in materia di sicurezza in Asia centrale.

Inoltre, il ritiro ha funzionato a favore dell’Iran, mettendo un altro chiodo nella bara di un’alleanza di quasi 80 anni tra gli Stati Uniti e l’arcirivale dell’Iran, l’Arabia Saudita. Già arrabbiata per il rifiuto del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden di trattare direttamente con il principe ereditario Mohammed bin Salman a causa dell’uccisione saudita del giornalista Jamal Khashoggi nel 2018, l’Arabia Saudita ha assistito al ritiro pasticciato, insieme all’incapacità degli Stati Uniti di rispondere con fermezza agli attacchi alle infrastrutture critiche dello stato del Golfo dall’Iran e dai ribelli Houthi sostenuti dall’Iran nello Yemen, come ulteriore prova della crescente inaffidabilità dell’America come garante della sicurezza.

La ripresa dei colloqui di sicurezza tra Iran e Arabia Saudita del mese scorso ha messo in luce l’arco che collega le guerre ucraina e yemenita con il ritiro.

L‘Arabia Saudita sta tentando di uscire da una guerra durata otto anni in Yemen che le è costata un notevole danno reputazionale e ha sollevato dubbi sulle sue capacità militari.

I colloqui con l’Iran si sono interrotti poco dopo il ritiro degli Stati Uniti. Tuttavia, sono stati rianimati mentre la Russia lottava per ottenere una parvenza di vittoria in Ucraina.

La tempistica ha evidenziato che le opzioni dell’Iran potrebbero essere meno limitate dalle guerre in Afghanistan, Ucraina e Yemen rispetto a quelle di altri attori regionali.

L’Ucraina ha rimosso la Russia come possibile garante della sicurezza o come alternativa agli Stati Uniti come fornitore di armi per l’Arabia Saudita e altri Stati del Golfo. Ciò lascia l’Arabia Saudita preoccupata per la sua capacità di proteggersi nonostante la maggiore abilità militare e un arsenale pieno di alcune delle armi più sofisticate del mondo, ma senza buone opzioni.

Il regno potrebbe guardare alla Cina, ma è probabile che scopra che sta guardando una potenza che ancora non ha la capacità e la volontà di sostituire gli Stati Uniti e probabilmente ricaverebbe un prezzo più alto per l’offerta per garantire la sicurezza regionale.

Pochi sosterrebbero che le scene di decine di migliaia all’aeroporto di Kabul che cercano di fuggire dall’Afghanistan mentre le truppe americane si ritirano ispirano fiducia nella protezione degli Stati Uniti.

La capacità degli Stati Uniti e dell’Europa di rafforzare la resistenza ucraina avrà probabilmente mitigato in una certa misura l’impatto delle immagini drammatiche di Kabul.

Allo stesso tempo, gli Stati del Golfo, se attaccati, potrebbero non avere i mezzi degli ucraini se ci si basa sull’invasione irachena del Kuwait nel 1990. Ciò porta a casa la dipendenza degli Stati del Golfo da un garante di sicurezza di terze parti in assenza di accordi regionali multilaterali che ispirano fiducia.

I kuwaitiani in gran parte fuggirono dal Kuwait all’epoca mentre una coalizione guidata dagli Stati Uniti costrinse l’Iraq a ritirarsi. Sulla scia dell’Ucraina, la Russia è troppo preoccupata per assumere altri importanti impegni militari e la Cina non prenderebbe in considerazione l’idea. Ciò lascia gli Stati Uniti per il prevedibile come l’unica alternativa degli Stati del Golfo.

Visto da Teheran, il mondo del ritiro post-americano è un mondo diverso in cui gli Stati Uniti sono stati umiliati e rimossi da uno dei suoi confini.

È un mondo in cui l’Afghanistan governato dai talebani è un problema più immediato per l’Iran rispetto agli Stati del Golfo.

Negli ultimi giorni, secondo quanto riferito, l’Iran ha spostato ulteriori forze militari, inclusa l’88a divisione corazzata dell’esercito, al confine con l’Afghanistan in mezzo alle crescenti tensioni con i talebani. Funzionari iraniani affermano che le guardie di frontiera hanno agito con “moderazione” di fronte alle presunte azioni provocatorie delle forze talebane.

Le truppe sono state ordinate al confine dopo che militanti pakistani, con base nell’Afghanistan orientale, hanno intensificato i loro attacchi all’interno del Pakistan.

Il mese scorso, due attacchi aerei pakistani nell’Afghanistan orientale hanno ucciso almeno 40 persone, tra cui alcuni civili. Le Nazioni Unite hanno affermato che tra i morti c’erano 20 bambini. Gli attacchi sono avvenuti contro aree che si ritiene provenissero da dove i militanti avevano ucciso sette soldati in Pakistan.

Il Pakistan non ha confermato gli attacchi aerei e ha rifiutato di commentare le morti di civili, ma ha affermato in precedenza che “i terroristi stavano usando impunemente il suolo afghano per svolgere attività all’interno del Pakistan”.

Anche le proteste anti-iraniane a Herat e Kabul e l’accoltellamento da parte di un cittadino afgano di tre religiosi in Iran hanno alimentato le tensioni tra i due paesi.

Gli incidenti gettano un’ombra sugli sforzi iraniani per trarre vantaggio dalle ricadute in Asia centrale dell’invasione russa dell’Ucraina.

Il ministro talebano ad interim per i rifugiati e i rimpatri, Khalilurahman Haqqani, dovrebbe visitare Teheran nei prossimi giorni nel tentativo di ridurre le tensioni.

“Lo Yemen e l’Ucraina non sono grandi grattacapi per l’Iran. L’Afghanistan lo è”, ha detto un diplomatico arabo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->