L’Ucraina e le catastrofi della Guerra Fredda che gli USA possono evitare Il ricordo della Guerra Fredda dovrebbe essere un monito contro il pericolo oggi di vedere ogni disputa che coinvolge la Russia come una lotta a somma zero contro un nemico esistenziale, indipendentemente dagli effettivi interessi degli Stati Uniti e dalle realtà locali

Qualunque cosa accada in Ucraina, America e Russia sono ora destinate a un lungo periodo di intenso confronto. Il sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina contro l’invasione della Russia era del tutto giustificato. Ma mentre i combattimenti continuano, il crescente coinvolgimento dell’America nello sforzo bellico dell’Ucraina, inclusi enormi aiuti finanziari ed economici, nonché armi più pesanti e sofisticate, potrebbe evolversi in un conflitto più ampio e diretto tra le due grandi potenze. Questa nuova guerra fredda potrebbe costringere gli Stati Uniti a impegnarsi incondizionatamente, come hanno avvertito Henry Kissinger e altri, verso obiettivi terribilmente pericolosi e contrari agli interessi nazionali.

Un altro sguardo ai primi anni della Guerra Fredda originale, quando gli Stati Uniti si trovarono coinvolti in diversi impegni di questo tipo in tutto il mondo, potrebbe essere una guida utile per evitare nuove versioni dei disastri che a volte ne derivavano. La politica di contenimento degli Stati Uniti nei confronti dell’Unione Sovietica dopo la seconda guerra mondiale era assolutamente necessaria, ma ciò che è diventato un inquadramento eccessivamente zelante di quella strategia ha portato a conflitti inutili e terribili sofferenze in molte parti del mondo. Anche se la Guerra Fredda si è conclusa con una vittoria finale per l’Occidente, il lungo confronto ha inflitto danni agli stessi Stati Uniti, che non si sono mai ripresi.

Lungi dall’essere la potente forza militare dell’Unione Sovietica dell’era di Stalin, le truppe di terra russe oggi sembrano poco più di briganti pesantemente armati: brutali, persino criminali, e un disastro per l’Ucraina e gli ucraini, ma non un serio pericolo per l’Occidente. Sebbene la guerra in Ucraina sia iniziata come un tentativo russo di trasformare tutta l’Ucraina in uno Stato cliente, le sconfitte e i fallimenti dell’esercito russo hanno ridotto la sua portata a un conflitto postcoloniale su territori limitati nell’est e nel sud del Paese.

Per quanto brutto sia lo spettacolo, questi limiti di scala consentono un approccio più calmo e equilibrato alla risposta degli Stati Uniti di quanto sembrava richiesto all’inizio, nei primi scioccanti giorni dell’invasione. Ma non sono motivo di compiacimento. Una caratteristica cruciale del conflitto odierno è che non viene, come durante la Guerra Fredda, sublimato o esportato in qualche parte lontana del globo: gli aiuti militari statunitensi all’Ucraina si stanno svolgendo in una guerra all’interno dell’Europa, giusto al confine con la Russia. Un tale teatro europeo era qualcosa che ogni Presidente degli Stati Uniti del dopoguerra era attento a evitare, perché tutti capivano che una guerra calda nell’Europa orientale avrebbe aumentato drasticamente il rischio di un’escalation che si sarebbe conclusa con una catastrofe nucleare.

Alla luce di ciò, la transizione avvenuta durante la seconda amministrazione Truman, dall’approccio di George Kennan al contenimento dell’Unione Sovietica a quello di Paul Nitze, dovrebbe essere un ammonimento per gli Stati Uniti e i loro alleati oggi. La strategia di Kennan di contenimento limitato e difensivo in Europa si basava su una profonda comprensione delle debolezze intrinseche del sistema sovietico: se l’espansione sovietica fosse stata contenuta, sperava, quel sistema alla fine sarebbe crollato da solo.

Questo è, ovviamente, ciò che è finalmente accaduto, ma non prima che Nitze fosse intervenuto per rendere il contenimento una politica più aggressiva, di portata globale e pesantemente militarizzata, portando le controversie locali in tutto il mondo sotto l’ombrello della Guerra Fredda, a terribilmente distruttive effetto. Nelle parole dello storico ufficiale del Dipartimento di Stato:

Nel 1950, il concetto di contenimento di Nitze prevalse su quello di Kennan. NSC 68 … ha chiesto una drastica espansione del budget militare statunitense. Il documento ha anche ampliato la portata del contenimento oltre la difesa dei principali centri del potere industriale per abbracciare il mondo intero. “Nel contesto dell’attuale polarizzazione del potere”, si legge, “una sconfitta delle libere istituzioni ovunque è una sconfitta ovunque”.

Quel documento del Consiglio di sicurezza nazionale, NSC-68, portò all’interpretazione statunitense dell’invasione nordcoreana della Corea del Sud nello stesso anno come parte di un piano per il dominio del mondo ordinato da Mosca, piuttosto che una guerra civile peninsulare. Un decennio dopo, lo stesso malinteso, unito alla ‘teoria del domino’, che considerava qualsiasi successo comunista ovunque come un passo minaccioso verso il trionfo universale sovietico – condusse l’America alla catastrofe completamente inutile del Vietnam. Il pensiero dietro NSC-68 è stato responsabile di una serie di altri disastrosi errori statunitensi, come il rovesciamento nel 1953 del governo nazionalista liberale sotto Mohammad Mosaddegh in Iran, colpi di stato e massacri assortiti in America centrale e il sostegno a diversi nominalmente anticomunisti ma forze spregevoli nelle guerre civili africane.

Sebbene l’approccio di Nitze abbia peggiorato la carneficina, alcune responsabilità risiedono in un difetto originario della dottrina Kennan: come ha sottolineato all’inizio Walter Lippmann, non è riuscito a distinguere adeguatamente tra interessi nazionali vitali e quelli periferici (sebbene l’URSS fosse suscettibile di rendere stesso errore). Tuttavia, gli Stati Uniti hanno osservato la distinzione nei momenti di forte stress astenendosi sia in Corea che in Vietnam dal ricorrere alle armi nucleari. E la paura del cataclisma nucleare, insieme al consiglio di Kennan, ha influenzato la decisione di Dwight Eisenhower di respingere l’idea di John Foster Dulles di ’arretrare il potere sovietico nell’Europa orientale incoraggiando rivolte nazionali sostenute dalle forze militari statunitensi. Questa moderazione era radicata nel riconoscimento che l’influenza comunista sull’Europa orientale toccava interessi vitali sovietici, che Mosca avrebbe rischiato una guerra nucleare per difendere.

La politica statunitense oggi rischia di commettere alcuni degli stessi errori dei primi anni della Guerra Fredda. Il palcoscenico è molto più piccolo, ma il pericolo è, per certi versi, maggiore perché la guerra per procura viene condotta su un territorio che la Russia considera assolutamente vitale per il suo interesse nazionale e che confina anche con il territorio dei membri della NATO. Se gli Stati Uniti dovessero inciampare nell’adozione di una nuova versione di ‘rollback’ – con la Russia, che sostituisce l’URSS, non solo contenuta nell’Ucraina orientale ma completamente sconfitta, provocando disordini interni e possibilmente un cambio di regime – ciò sarebbe molto più grave rischio di escalation nucleare.

Il ricordo della Guerra Fredda dovrebbe essere un monito contro il pericolo oggi di vedere ogni disputa che coinvolge la Russia come una lotta a somma zero contro un nemico esistenziale, indipendentemente dagli effettivi interessi degli Stati Uniti e dalle realtà locali. A volte, infatti, sarebbe opportuno notare che gli interessi americani e russi possono ancora coincidere. Per quanto ripugnante sia il regime di Assad in Siria, ad esempio, non dobbiamo dimenticare che le forze americane e russe in quel paese sono, in effetti, alleate contro lo Stato islamico, che vuole distruggere sia Mosca che Washington. In altre parole, la Russia sostiene Bashar al-Assad per ragioni simili per cui gli Stati Uniti sostengono il presidente Abdel Fattah al-Sisi in Egitto. La stessa logica pragmatica si applica agli schieramenti militari russi nel Sahel. Dovremmo anche riconoscere che le critiche della Russia ad alcune delle politiche americane, in particolare ai suoi interventi militari in Iraq e in Libia, si sono rivelate non solo corrette ma, nel senso di Lippmann, una guida accurata a ciò che sarebbe stato nell’interesse degli Stati Uniti.

Infine, una nuova Guerra Fredda rischia di trovare nemici sia interni che stranieri. Lo spettro del maccartismo percorre ancora la terra in uno spirito di paranoia e odio che perseguita la cultura politica americana. Proprio come il senatore Joseph McCarthy ha grottescamente esagerato una trascurabile minaccia comunista all’interno dell’America, così le accuse di condotta traditrice contro gli americani in linea con la posizione pro-Putin di Donald Trump sono state esagerate. Attaccare gli oppositori politici come traditori non è una tattica che ha funzionato bene per la democrazia. In ogni caso, l’estremismo di destra è autoctono in America come lo è in Brasile, Polonia, India e in effetti in Russia.

Nessuna di queste lezioni storiche argomenta contro il sostegno degli Stati Uniti alla difesa dell’Ucraina di fronte all’invasione russa. Si oppongono fermamente, tuttavia, contro l’esclusione di una pace di compromesso a favore di una vittoria completa per l’Ucraina. Peggio ancora sarebbe trasformare la guerra in Ucraina nell’inizio di un’altra crociata globale militarizzata.