L’Ucraina e il potere del nazionalismo Zelensky sta riunendo il suo Paese nella resistenza unificata all'aggressione russa. Può rimanere così oltre l'invasione?

La difesa ispirata degli ucraini del loro Paese contro l’aggressione russa è una delle manifestazioni più vivide degli ultimi tempi di forte nazionalismo. Quella difesa, i sentimenti e la lealtà che l’hanno sostenuta hanno demolito l’affermazione di Vladimir Putin secondo cui l’Ucraina non è una vera nazione ma solo un’entità di fabbricazione sovietica.

Ciò che gli ucraini stanno dimostrando può essere visto nel contesto di un modello più ampio di nazionalismo che modella le politiche interne e internazionali in gran parte del mondo. Le radici del nazionalismo sono molto antiche e includono il consolidamento dello stato-nazione europeo nel XVII secolo e il concetto di impegno di massa per lo stato-nazione uscito dalla Rivoluzione francese. Il nazionalismo è emerso più recentemente e chiaramente come un modo dominante di pensare alla propria identità e lealtà una volta che gli effetti oscuranti degli imperi sovranazionali (di cui l’Unione Sovietica era uno degli ultimi) e il conflitto sovranazionale noto come Guerra Fredda se ne andarono.

Il nazionalismo in altre nazioni ha importanti implicazioni per gli Stati Uniti, ma è importante distinguere due diversi tipi di ideologie che hanno portato etichette che includono la parola nazionalismo.

Un tipo è spesso chiamato etnonazionalismo o qualche altro nome che incorpora un’identità etnica, razziale o religiosa che è al centro dell’ideologia. Questo tipo non si basa sullo stato-nazione o sull’adesione patriottica a uno stato-nazione. Sostiene invece tipicamente una posizione superiore per un gruppo demografico all’interno di uno stato-nazione. In questo senso è esclusivo piuttosto che inclusivo. A volte i suoi aderenti vanno oltre i confini internazionali per fare causa comune con coloro che hanno idee simili sull’esclusione, il che è vero per alcuni nativisti oggi.

Esempi di questo tipo includono il ‘nazionalismo indù’ del Bharatiya Janata Party al potere in India, l’ideologia israeliana che rivendica una posizione superiore per uno specifico gruppo etnico e religioso, vari partiti politici di estrema destra nell’Europa odierna e l’estremismo a base etnica negli Stati Uniti che a volte rivendica il titolo di ‘nazionalista’.

L’etnonazionalismo pone numerosi problemi, tra cui la pace e la sicurezza.

A livello internazionale, è alla base di guerre in cui i modelli di abitazione etnici e religiosi non corrispondono ai confini statali, come nei Balcani e nel Caucaso. Internamente, porta a tali violenze come tra indù e musulmani in India, tra ebrei e arabi in Palestina e carneficina individuale per mano dei suprematisti bianchi negli Stati Uniti.

Sebbene l’etnonazionalismo non sia estraneo all’Ucraina, il nazionalismo che gli ucraini stanno mostrando oggi nel resistere all’aggressione russa è di un tipo molto diverso. È lealtà all’intero stato-nazione piuttosto che a qualsiasi gruppo demografico al suo interno. È inclusivo piuttosto che esclusivo. In Ucraina, si sta rivelando più potente di quella che avrebbe potuto essere una varietà più esclusiva basata sulla lingua o sull’etnia. Smentendo uno dei presupposti errati che Putin aveva evidentemente fatto prima di lanciare la guerra, anche la maggior parte degli ucraini di lingua russa nella parte orientale del Paese si sono mobilitati per la causa nazionale ucraina.

Il tipo di nazionalismo che gli ucraini stanno mostrando non deve essere un problema per la pace e la sicurezza. Il forte orgoglio e attaccamento a uno stato-nazione è coerente con la conservazione di un ordine internazionale basato sullo stato-nazione e il rispetto dell’integrità territoriale. Gli ucraini di mentalità nazionalista possono essere abbastanza testardi nel ripristinare la propria integrità territoriale per rendere un accordo di pace più sfuggente di quanto potrebbe essere altrimenti, ma il loro nazionalismo non li motiva a invadere un altro paese. L’alternativa al nazionalismo basato sullo stato-nazione è l’impero, che è ciò che Putin sta cercando di ricreare.

Nel dare forma alla propria politica estera, gli Stati Uniti devono rispettare il nazionalismo, un autentico nazionalismo in stile ucraino basato sullo stato-nazione. Quando gli Stati Uniti in passato non sono riusciti a mostrare quel tipo di rispetto e comprensione, si sono messi nei guai, come in Vietnam e in Iraq.

Una politica estera contenuta che incorpori tale rispetto può evitare tali problemi. La prestazione nell’attuale guerra delle forze ucraine, fortemente motivate a difendere il loro paese, contro un esercito russo numericamente superiore dovrebbe essere considerata una conferma di questa lezione.

Sarebbe bello se la varietà più inclusiva del nazionalismo potesse sostituire ovunque il destabilizzante etnonazionalismo e le sue varianti, ma è troppo sperare. Anche in Ucraina, che è stata a lungo tormentata da divisioni interne linguistiche e di altro genere che a volte hanno conferito alle sue politiche esterne una doppia personalità, c’è voluta una brutale invasione straniera per ispirare il grado di unità nazionale e di patriottismo che mostra oggi. La maledizione dell’etnonazionalismo non sta per scomparire nella maggior parte del mondo. Gli Stati Uniti dovrebbero criticarlo come appropriato e certamente non sostenerlo attivamente.