mercoledì, Ottobre 27

‘L’ ora della Terra’ spegne i più famosi monumenti del mondo I più grandi e famosi monumenti del mondo si sono spenti per un' ora

0

I più grandi e famosi monumenti del mondo, dalla Torre Eiffel alla Sydney Opera House, compreso il Colosseo a Roma, Piazza San Marco a Venezia, il Castello Sforzesco e UniCredit Tower a Milano, la Mole Antonelliana a Torino, a Firenze Palazzo Vecchio e il Davide a P.zzale  Michelangelo, la Basilica di San Francesco ad Assisi, il Maschio Angioino e Castel dell’Ovo a Napoli, il Santuario di Santa Rosalia a Palermo, il Palazzo Civico a Cagliari, si sono spenti per un’ ora. Alle 20.30 di sabato, è partita in tutto il mondo l’ Earth Hour, evento mondiale organizzato dal WWF per aumentare la consapevolezza della necessità di difendere la natura e l’ambiente. 

L’ evento più importante nell’edizione italiana ha avuto luogo a Roma al Colosseo il cui spegnimento è avvenuto insieme a Paolo Nespoli, l’astronauta ESA protagonista della missione VITA dell’Agenzia Spaziale Italiana e la presidente del WWF Italia, Donatella Bianchi. Alle 20.30 davanti al Colosseo è iniziata la ‘Pedalata per il Clima‘, una manifestazione totalmente gratuita a cui hanno preso parte più di mille cittadini. La pedalata si è conclusa alle 21.30 davanti alla Basilica di San Pietro, anch’essa spenta per l’Ora della Terra, per vedere la sua riaccensione. A Roma si sono spenti per un’ ora anche diversi palazzi istituzionali: dal Quirinale alla Camera al Senato, Corte Costituzionale, Presidenza del Consiglio.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->