giovedì, Maggio 19

L’Italia torna in campo contro la Germania: parte la UEFA Nations League Il cammino degli Azzurri passerà verso una riqualificazione dell’attacco, troppo spesso incapace di portare in gol le azioni, e da una difesa che dovrà essere sicuramente rimodellata

0

La UEFA Nations League torna ad essere protagonista di alcuni dei campi più importanti di tutto il mondo. Si parte il 4 giugno con Italia – Germania, la prima uscita dei Campioni d’Europa dopo la cocente delusione che non ha permesso agli Azzurri di qualificarsi ai mondiali di Qatar.

Al via la vendita dei biglietti

A sei anni dall’ultimo appuntamento, torna un classico del calcio mondiale. Italia e Germania si sfideranno per una delle prime partite della nuova competizione internazionale, la UEFA Nations League. La sfida avverrà sabato 4 giugno al Renato Dall’Ara di Bologna.

Con la ripartenza degli incontri di questa competizione, torna anche la possibilità di puntare sul match degli azzurri sfruttando magari bonus scommesse senza deposito che consentono di scommettere senza rischiare il proprio denaro.

La vendita dei biglietti per partecipare al big match partirà dalle ore 12 di venerdì 6 maggio e sarà disponibile in prelazione per chi è in possesso della Vivo Azzurro Membership Card. Invece, la vendita liberà partirà da lunedì 9 maggio sui siti web ufficiali come vivaticket.it.

La FIGC prosegue con una politica adatta alle famiglie e con prezzi popolari. Infatti, si parte da soli 10 € per le curve mentre si arriva a 80 € per la Poltrona. Ci sono anche numerose agevolazioni per famiglie, giovani e over 65. L’ultima sfida tra Italia e Germania è avvenuta a fine 2016, quando le due nazionali si sono scontrate in un’amichevole a Milano terminata con il risultato di 0-0.

Tra gli incontri che hanno caratterizzato la storia di Italia e Germania ce ne sono sicuramente alcuni da ricordare negli annali. Ad esempio, si può ricordare la partita del secolo, la semifinale di Coppa del Mondo del 1970 vinta dagli Azzurri per 4 a 3. La finale del mondiale 1982 e, ovviamente, la semifinale del mondiale del 2006 che consentì a Cannavaro e compagni di alzare la coppa in finale.

I prezzi dei biglietti: quali sono?

Come detto, i prezzi dei biglietti decisi da parte della FIGC sono piuttosto popolari e variano anche a seconda delle tipologie di persone con delle promozioni e agevolazioni attive. Ad esempio, ci sono biglietti ridotti per gli under 12 al costo di soli 5 €, c’è anche un ridotto per la famiglia da costo di 30 € e un posto in Poltrona a 55 €.

Tra le agevolazioni, alcune delle più apprezzate riguardano proprio gli under 12 oppure gli over 65. Tra queste rientrano anche quelle dedicate alle famiglie.

L’Italia torna in campo dopo la delusione Mondiale

L’Italia è già tornata in campo dopo che gli Azzurri non sono stati in grado di ottenere il pass per i mondiali di Qatar 2022. La convincente prestazione contro la Turchia potrebbe essere il punto da cui ripartire anche se le scelte della Nazionale dovranno sicuramente cambiare.

Nelle ultime apparizioni, infatti, gli Azzurri hanno perso la brillantezza che li ha caratterizzati per tutto il percorso Europeo. È stato davvero difficile credere che i protagonisti dell’Europeo non siano stati in grado di segnare un gol contro la Macedonia del Nord, una compagine seppur rispettabile ma decisamente inferiore in termini di tasso tecnico rispetto all’Italia.

Il cammino degli Azzurri, quindi, passerà verso una riqualificazione dell’attacco, troppo spesso incapace di portare in gol le azioni, e da una difesa che dovrà essere sicuramente rimodellata considerando l’addio di Giorgio Chiellini.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->