mercoledì, Maggio 25

L’Italia di Lello il sensitivo La nomina come Consulente per la Comunicazione istituzionale a Sorrento, poi la ingiusta marcia indietro

0

Se proprio vogliamo tirarci su di morale, il che non guasta, tra Guerra, pandemie uscenti ed entranti, quotidiani insuperabili orrori, basta fare un giro, anche virtuale, per il Belpaese. E non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Il nostro ultimo, ma non ultimo, eroe è il Sindaco di Sorrento, rilevantissimo comune turistico e non solo della Città metropolitana di Napoli. Essenziali cenni per i pochi distratti che non avessero, negli anni, seguito ed ammirato lo straordinario cursus honorum politico di Massimo Coppola. Avvocato, sostenuto da Liste civiche di centrodestra, il suo motto per le Elezioni vinte nell’ottobre 2020 è stato ‘Il Coraggio di Cambiare‘. Ed in effetti di coraggio ne ha dimostrato un bel po’. Proprio un gran bel po’. Volendo si può pure approfondire tramite l’apposito sito.

Un cartomante e veggente nel suo staff di Sindaco di Sorrento è stata la sua più recente brillante idea. Coppola aveva ordunque pensato di affidare l’incarico di Consulente per la Comunicazione istituzionale a ‘Lello il sensitivo‘, particolarmente attivo sulle televisioni locali, e non solo, all’anagrafe Raffaele Guida. La delibera è del 2 maggio 1022. Correzione: 2022. Ma in quel caso sarebbe stata più conseguente, dati i tempi, e non necessariamente peggiori. L’atto formale era stato preparato con la definizione di compiti ed orari, oltre che della congrua retribuzione. Divenuta pubblica, l’incipiente nomina ha suscitato un vespaio di polemiche, costringendo a soprassedere. Vai a capire perché…

E fin qui. In Italia si è visto e si vede di peggio, altro che Lello il sensitivo, persino Matteo il ribaldo Presidente del Consiglio e Matteo il burlone Vicepresidente e Ministro dell’Interno. Per tacere degli altri. Al confronto, Lello il sensitivo, un gigante. Ma la nostra vera, insuperabile passione resta il reale protagonista di questa storia, il Sindaco Coppola che difende a buon diritto la sua nomina di Guida. «Lo avevo individuato perché ha un buon curriculum. Poi l’assunzione non si è concretizzata. Mi chiedo perché le persone si interessino degli hobby dei candidati. Per me non contano. Se una persona è capace, ha contatti ed esperienza, perché l’avrei dovuta scartare?». Attendiamo, fondatamente, l’indignazione del Mago Otelma che anche dall’alto delle sue innumerevoli lauree avrebbe avuto ben più diritto alla nomina per chiara fama. E chi mai avrebbe potuto contestarlo? Intanto il Sindaco Coppola non demorde e, come da tradizione, ne uccide più il ridicolo della Guerra (si fa per dire). «Il contratto non è stato sottoscritto, si è innescata una infondata polemica senza precedenti. Ho scelto un altro professionista di provata esperienza e approfitto per dire che ne cerco ancora altri due. Mandate i curriculum al Comune di Sorrento». Siamo ansiosi di leggerli.

Avevamo chiuso marzo ed aperto aprile con i nostri ‘Scherzi d’aprile fuori stagione’. 1/ Attendendo il Primo Aprile, riepilogo delle burle fuori stagione Da Mattarella rieletto Presidente all’invasione dell’Ucraina, dal matrimonio di Berlusconi alla Riforma della Curia, ad altri irresistibili scherzi, 31 marzo 2022; 2/ Primo Aprile, fantastici scherzi! Da quei mattacchioni dei No Vax a quel simpaticone di Putin, da Kirill I a Elvis Presley, da Musk a Salvini, ancora altri irresistibili Pesci, 1 aprile 2022. Maggio promette già ancora meglio, e tutto vero, oltretutto. Ché ce lo meritiamo Lello il sensitivo (cit.), e i tanti ‘Sindaci di Sorrento’.

Comunque, dopo le polemiche, la conclusione è per l’appunto che Lello il sensitivo-Raffaele Guida ha rinunciato alll’incarico mentre il Sindaco rimane. Peccato. Sono sempre i migliori che se ne vanno.

SCHERZI D’APRILE FUORI STAGIONE /3 (continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’

End Comment -->