mercoledì, Dicembre 8

L’Italia che riapre ma fatica a ripartire Non pochi problemi sembra creare l’introduzione del Green Pass sul luogo di lavoro. Ci sono parecchi settori che potrebbero risentire delle assenze dei lavoratori ancora privi di vaccino

0

L’Italia è nuovamente tutta in zona bianca e, numeri alla mano, le cose sembrerebbero andare piuttosto bene anche dal punto di vista della pandemia. Ancora presto per dire che ci siamo lasciati tutto alle spalle, ma, i risultati sono piuttosto incoraggianti.

Diverse le iniziative per incoraggiare i cittadini che ancora non si sono vaccinati a prendere seriamente in considerazione questa ipotesi. Dalla giornata con ingresso gratuito alle terme ad altre iniziative di tipo gastronomico, che sono sempre in grado di stuzzicare il palato di migliaia di persone, che, a stomaco pieno potrebbero anche aver voglia di una piacevole sfida a la slot Book of Ra, con la prospettiva di poter vincere una piccola somma da usare magari per le prossime ferie.

Le problematiche relative al Green Pass

Non pochi problemi sembra creare l’introduzione del Green Pass sul luogo di lavoro. Ci sono parecchi settori che potrebbero risentire delle assenze dei lavoratori ancora privi di vaccino, soprattutto se questi ultimi ricoprono un ruolo chiave.

Il costo del tampone sembra essere una spesa che in pochi digeriscono e molto spesso non c’è alcuna intenzione da parte di questi lavoratori di vaccinarsi. La linea del Governo parrebbe essere piuttosto dura e Draghi ammette di non voler fare alcun tipo di marcia indietro.

Inoltre, bisogna anche tenere conto che le farmacie potrebbero non avere personale a sufficienza per riuscire a garantire che il servizio funzioni con costanza e regolarità.

Scioperi e manifestazioni

Ultimamente si parla molto dei portuali di Trieste ma diverse manifestazioni sono attese nei fine settimana a venire su tutto il territorio italiano. La maggior parte dei manifestanti si dichiara pacifico e punta soprattutto a voler vedersi riconoscere determinati diritti, soprattutto quello di scelta.

Si è palesata in maniera piuttosto decisa però anche una frangia estremista legata ai partiti di destra che punta alla destabilizzazione del Paese e cerca costantemente lo scontro violento al fine di aizzare la folla contro le Istituzioni.

Emblematico l’assalto alla sede della CGIL di Roma che dichiara in maniera piuttosto esplicita il colore politico dei mandanti.

Reddito di cittadinanza e aiuti dall’Europa

Si è parlato molto di come si dovrebbe agire nei confronti del Reddito di Cittadinanza. La maggioranza sembra essere orientata verso una conferma di questo sistema di sostegno nei confronti delle persone che conducono una vita al di sotto della dignità sociale. Molto probabilmente serviranno degli accorgimenti per evitare che questo aiuto finisca nelle tasche di chi non ne abbia il diritto, ma ancora non vi è nulla di definito.

Durante la pandemia, si è parlato molto di probabili aiuti da parte della Comunità Europea nei confronti dell’Italia e di quanto fosse importante che svolgessero il compito di trampolino di lancio per poter rimettere in sesto il destino del nostro Paese. Sembra mancare ancora poco e finalmente un piano a lungo raggio per infrastrutture e tutta una serie di migliorie, volte a creare nuovi posti di lavoro, dovrebbe diventare realtà.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->