L’impatto della guerra sull’economia russa e sulla politica ucraina Gli ucraini stanno già tornando a Kiev, cercando di ricostruire la loro economia e la loro città, che ha subito danni sostanziali, sebbene nulla sia paragonabile alle città bombardate come Mariupol. Saranno necessari finanziamenti occidentali

Mosca ha grossolanamente sottovalutato i costi economici del lancio della sua guerra in Ucraina. Allettato dalle limitate sanzioni che hanno salutato le sue invasioni in Crimea e Donbas nel 2014, e un falso senso di sicurezza fornito dalle sue centinaia di miliardi di dollari di riserve, il Presidente Vladimir Putin sembra aver creduto di poter superare qualsiasi sanzione a causa delle divisioni dell’Occidente. Sembra non aver compreso l’onda d’urto che una piena invasione di uno Stato europeo produrrebbe in Occidente e la massiccia unità della risposta economica dell’Unione Europea. Non si aspettava il dietrofront della Germania nelle sue relazioni con la Russia o l’improvvisa attrattiva dell’adesione alla NATO per Finlandia e Svezia. L’invasione russa dell’Ucraina sembra essere un errore catastrofico di Putin, che mette la Russia e il suo regime in grave pericolo.

Il 6 aprile 2022, la Casa Bianca ha dichiarato: “Gli esperti prevedono che il PIL russo si contrarrà fino al 15% quest’anno, spazzando via gli ultimi quindici anni di guadagni economici. L’inflazione sta già superando il 15% e si prevede che accelererà più in alto… Le catene di approvvigionamento in Russia sono state gravemente interrotte. Molto probabilmente la Russia perderà il suo status di grande economia e continuerà una lunga discesa nell’isolamento economico, finanziario e tecnologico”. Mi sembra una proiezione ragionevole. Tuttavia, permangono una serie di incertezze, come ad esempio se la Russia sarà costretta a insolvere sul proprio debito; se il suo commercio estero, in particolare di petrolio e gas, sarà vietato; se continuerà a poter contare sull’India e su altri paesi in via di sviluppo per il sostegno economico e l’eliminazione delle sanzioni; e quanto sono effettivamente grandi le riserve valutarie della Russia e se queste includono beni oligarchi, ad esempio, o altri tesori nascosti delle reti statali mafiose russe.

Inoltre, dopo la rivelazione dei crimini di guerra a Bucha, i leader occidentali hanno rafforzato la determinazione a punire la Russia, principalmente attraverso sanzioni economiche molto dannose. Eppure, l’Europa per lo più si è trattenuta dalla sanzione definitiva: eliminare le importazioni di gas dalla Russia. Il cinquanta per cento dei proventi delle esportazioni russe proviene da petrolio e gas e i suoi principali clienti sono in Europa. Ogni giorno, con ogni atrocità, l’Europa si avvicina sempre di più alla decisione di tagliare il legame con le forniture energetiche della Russia, una decisione che avrebbe ramificazioni strategiche a lungo termine e danneggerebbe l’economia russa, almeno fino a quando non potrà stabilire nuovi clienti e transitare itinerari. Una volta che l’Unione europea ha preso questa decisione, è difficile capire perché dovrebbe tornare indietro. Mentre l’uomo forte ungherese recentemente rieletto Viktor Orbán dice che porrà il veto a un boicottaggio energetico, in Europa si sta creando un consenso sull’adozione dell’unica misura che, più di ogni altra, minerebbe la capacità di Putin di finanziare questa guerra a medio termine. Alcuni Paesi, tra cui la Germania, hanno già vietato il petrolio russo e cercano di diventare indipendenti anche dal gas russo. La Russia ha recentemente interrotto le spedizioni di gas in Polonia e Bulgaria.

La logica delle sanzioni è che peggiore è la situazione economica della Russia, maggiore è la probabilità di una reazione politica dall’interno che sfiderebbe la delirante leadership di Putin. Il primo mese di guerra fu caratterizzato da un estremo disordine, sia in politica che sul campo di battaglia. I leader dell’esercito e del governo russi sembravano disorientati. Il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha perso la vista per alcune settimane. Putin ha licenziato i capi dell’ufficio di intelligence estero del Servizio di sicurezza federale, poiché più generali sono morti sul campo di battaglia e gli agricoltori ucraini hanno rimorchiato carri armati russi disabili. Alcuni rapporti indicavano che i leader russi erano fuggiti in un profondo bunker nucleare sotto gli Urali, mentre il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky era rimasto in carica a Kiev. Alcuni oligarchi russi hanno espresso il loro sgomento per l’invasione e i suoi risultati, credendo che Putin avesse buttato via 20 anni di prosperità russa in un solo atto. Sebbene un colpo di stato di palazzo o una rivolta popolare rimanga improbabile, nessuno dei due è impossibile e la politica russa rimarrà instabile mentre il tenore di vita crollerà, nonostante la repressione del dissenso e della libertà di parola.

Putin ha riorientato l’esercito verso una concentrazione di forze nell’Ucraina orientale, preparando una nuova offensiva. In un certo senso, questa è già una sconfitta, a causa del rapido ridimensionamento degli obiettivi militari, da una totale acquisizione del paese a uno sforzo per espandere l’occupazione russa dell’Ucraina orientale. Tuttavia, come afferma l’analista della sicurezza Sergei Karaganov, la Russia ha bisogno di vincere questa guerra, comunque definita, e l’adozione di una definizione più ristretta potrebbe funzionare. Molto dipende dagli eventi sul campo. Se Putin riesce a mantenere il territorio esteso nell’Ucraina orientale e può rivendicare la vittoria, questa è una cosa, ma se l’esercito ucraino riesce a respingere la Russia, negherà a Putin l’opportunità di dichiarare vittoria e diventerà politicamente più vulnerabile. Aspettatevi che Putin trascini il conflitto il più a lungo possibile.

Questa guerra è già stata un enorme successo politico per l’Ucraina, anche se estremamente costosa in termini di vite perse, proprietà danneggiate e città distrutte. Con il conflitto, l’Ucraina ha ottenuto il riconoscimento come stato sulla scena internazionale. La maggior parte delle nazioni sono forgiate in guerra e l’Ucraina ha trasformato questo terribile attacco a suo vantaggio a lungo termine presentandosi al mondo come uno stato potente. Ha dimostrato di essere una democrazia, una nazione europea, dotata di un potente nazionalismo civico che trascende la divisione linguistica ucraino-russa per includere un’ampia diversità di identità etniche: polacca, ebraica, armena e greca. Con il suo Presidente popolare e telegenico, l’Ucraina ha lasciato un segno indelebile sulla scena mondiale. In particolare, dopo decenni di scetticismo da parte dei principali stati dell’UE, l’Ucraina ha dimostrato di essere parte dell’Europa, dei valori europei e quindi un potenziale futuro membro del blocco. Questo cambierà la politica ucraina in modo permanente.

L’Ucraina diventerà un Paese più fiducioso in futuro, più profondamente radicato in Europa. Orienterà il suo governo verso il progetto di integrazione occidentale, facendo domanda per l’adesione all’UE e compiendo tutti i passi possibili per realizzarla. Zelensky ha stabilito una direzione decisiva per la politica ucraina, nel tentativo di integrarsi il più strettamente possibile con l’Occidente per ottenere sicurezza e progresso economico.

Un pezzo fondamentale di questo saranno gli sforzi di ricostruzione. Gli ucraini stanno già tornando a Kiev, cercando di ricostruire la loro economia e la loro città, che ha subito danni sostanziali, sebbene nulla sia paragonabile a città bombardate come Mariupol. Saranno necessari finanziamenti occidentali e di altro tipo per ricostruire città, ponti e altre infrastrutture.

Aspettatevi che gran parte dell’iniziativa per la ricostruzione dell’Ucraina provenga non solo dal governo, ma anche dalle organizzazioni della società civile, che hanno svolto un ruolo importante nell’assistenza ai profughi e nella difesa nazionale e potrebbero anche svolgere un ruolo centrale nella ricostruzione. La società civile liberale e nazionalista ucraina è in costruzione da decenni. Il movimento Euromaidan del 2013-2014, come la rivoluzione arancione prima di esso, era un movimento della società civile, organizzato da individui e gruppi al di fuori dello stato. Sebbene la società civile abbia mostrato i suoi muscoli nel 2006 e nel 2014, non è stata in grado di controllare completamente gli eventi successivi, ma la sua forza e importanza è cresciuta durante la guerra. I cittadini volontari hanno risolto molti dei problemi della guerra in corso, organizzando soccorsi per le città mirate. Hanno anche costituito la spina dorsale delle sue forze di difesa territoriale e dei battaglioni di volontari. È difficile immaginare che in futuro la società civile si lascerà emarginare dal governo e dalla ricostruzione ucraini. La società civile ha il potere e la legittimità per svolgere un ruolo più importante ora.

Allo stesso tempo, la società civile ucraina rafforzata dovrà affrontare la concorrenza all’interno della peculiare politica interna dell’Ucraina. Per decenni, gli oligarchi hanno dominato diverse città del paese, nutrendosi degli affitti statali o forniti dallo stato. Gli oligarchi hanno avuto la tendenza a rafforzare la loro posizione quando manca la leadership statale e la distruzione di così tanta parte dell’Ucraina potrebbe creare opportunità per loro di risollevarsi e consolidare il potere, poiché il governo non sarà in grado di gestire compiti erculei come la ricostruzione di intere città senza partner e finanziamenti.

Vladimir Putin ha definito l’Ucraina “l’anti-Russia” e in una certa misura è vero. L’Ucraina ha mostrato al mondo cosa può succedere quando gli slavi orientali interiorizzano i valori tipicamente occidentali di nazionalismo, democrazia e identità civica. Può sconfiggere eserciti russi composti da coscritti a cui è stato fatto il lavaggio del cervello, ubriachi e corrotti. Una nuova Ucraina dimostra a tutti di vedere che la Russia ha preso una strada sbagliata sottomettendosi a un moderno Ivan il Terribile. Un diverso tipo di identità liberale occidentale è possibile, anche nel cuore di quella che un tempo era la Rus’ di Kiev. Anche dopo le depredazioni della terapia d’urto neoliberista che è costata tanto all’Ucraina. Nonostante il collasso economico e la corruzione, l’Ucraina ha sviluppato una potente società civile per soddisfare l’opportunità unica di sostenere l’indipendenza nazionale dopo il 1991. Ora, l’Ucraina ha lezioni sulla transizione democratica da insegnare al resto del mondo, prima di tutto a Russia e Bielorussia.