martedì, Maggio 24

L’enigma di Israele sull’Ucraina e le implicazioni per il Golfo Gli Stati del Golfo potrebbero scoprire che, come Israele, hanno meno opzioni di quante sembri

0

Gli Stati del Medio Oriente vedono la loro capacità ridotta di camminare su una linea sottile nel conflitto in Ucraina. Israele è un esempio calzante, poiché le tensioni con l’Iran in Siria e i palestinesi a Gerusalemme divampano, e sia la Russia che gli Stati Uniti segnalano impazienza per i suoi tentativi di scavalcare la recinzione.

Gli Stati Uniti hanno avvertito che aumenterebbero la pressione sui Paesi che non sanzionano la Russia, ma non hanno ancora individuato Israele, sede di importanti comunità ebraiche ucraine e russe che includono vari oligarchi.

Al contrario, negli ultimi giorni la Russia ha reso evidente la sua irritazione nei confronti dello Stato ebraico.

In tal modo, Mosca sta giocando sui timori israeliani che la Russia possa tornare sui suoi passi sulla sua tacita acquiescenza agli attacchi israeliani contro obiettivi iraniani e di Hezbollah in Siria, rafforzare il sostegno all’Iran e sostenere i palestinesi che si stanno scontrando con le forze di sicurezza israeliane a Gerusalemme.

Camminando su una linea sottile, Israele ha respinto le richieste ucraine per la vendita di armi e l’accesso alla tecnologia di sorveglianza israeliana. Tuttavia, ha fornito assistenza all’intelligence condivisa dell’Ucraina, ha votato per una risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che condanna l’invasione russa e ha convinto gli Emirati Arabi Uniti a fare lo stesso. Israele ha anche votato per una risoluzione dell’Assemblea che sospende l’adesione della Russia al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Tuttavia, l’affermazione del Ministro degli Esteri israeliano Yair Lapid secondo cui la Russia ha commesso crimini di guerra in Ucraina ha ribaltato l’equilibrio a Mosca.

In una dichiarazione, il ministero degli Esteri russo ha accusato le osservazioni di Laipd come “un tentativo mal camuffato di sfruttare la situazione in Ucraina per distrarre l’attenzione della comunità internazionale da uno dei più antichi conflitti irrisolti: quello israelo-palestinese”.

Poco dopo, l’ambasciatore russo in Israele, Anatoly Viktorov, ha detto a una stazione televisiva israeliana che Israele e la Russia erano “ancora” amici ma che Mosca si aspettava una “posizione (israeliana) più equilibrata”.

Il giornalista israeliano Zvi Bar’el ha osservato che “‘ancora’ è la parola chiave, quella che ha Israele in un complesso dilemma sulla questione ucraina”.

Per aumentare la pressione, l’ammiraglio Oleg Zhuravlev, vice capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti opposte in Siria, ha rivelato che un sistema di difesa aerea Buk M2E di fabbricazione siriana e russa, aveva recentemente intercettato un missile guidato lanciato da un israeliano Aereo da combattimento F-16 nello spazio aereo siriano. La divulgazione ha costituito un avvertimento che la Russia potrebbe non tollerare più futuri attacchi israeliani contro obiettivi in ​​Siria.

Fonti militari israeliane hanno suggerito che Israele potrebbe intensificare i suoi attacchi nella convinzione che la sua finestra di opportunità in Siria potrebbe chiudersi in un momento in cui le forze iraniane potrebbero diventare più predominanti in Siria con la Russia che sposta truppe e mercenari in Ucraina.

Il Presidente iraniano Ebrahim Raisi ha avvertito questa settimana che le sue forze armate non lascerebbero Israele attaccare se avesse preso provvedimenti contro la repubblica islamica.

“Dovete sapere che se provate a intraprendere qualsiasi azione contro la nazione iraniana… le nostre forze armate non vi lasceranno in pace”, ha detto Raisi durante una parata militare in occasione della Giornata nazionale dell’esercito, suggerendo che l’Iran potrebbe attaccare la nazione israeliana metropoli, Tel Aviv.

In uno scatto simile all’arco di Israele, questa settimana il Presidente russo Vladimir Putin ha condannato l’escalation di violenza di Israele nella moschea Al-Aqsa di Gerusalemme in una telefonata con il presidente palestinese Mahmoud Abbas. Putin ha assicurato ad Abbas che la Russia avrebbe sostenuto i palestinesi nelle sedi internazionali.

Inoltre, Putin ha chiesto in una lettera al Primo Ministro israeliano Naftali Bennett di trasferire il controllo della Chiesa di Sant’Alexander Nevsky a Gerusalemme alla Russia.

La chiesa, situata nella Città Vecchia di Gerusalemme, avrebbe dovuto essere consegnata alla Russia come parte di un accordo due anni fa per ottenere il rilascio di un cittadino israelo-americano detenuto in Russia con l’accusa di droga.

Le giustificazioni israeliane dei suoi tentativi di percorrere una via di mezzo sulla scia degli sforzi di mediazione tra Putin e il Pesidente ucraino Volodymyr Zelenskyy si stanno esaurendo mentre le prospettive svaniscono per una fine negoziata della guerra in tempi brevi.

I funzionari israeliani riconoscono che quando, piuttosto che se arriverà la spinta, Israele non avrà altra scelta che allinearsi con gli Stati Uniti e l’Europa. “La situazione di Israele è diventata più complicata”, ha ammesso un funzionario israeliano.

Indubbiamente, gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita stanno monitorando da vicino come Israele gestisce quello che equivale a un campo minato geopolitico.

Come Israele, i due stati del Golfo hanno cercato di tracciare un percorso indipendente, rifiutando le richieste degli Stati Uniti di aumentare la produzione di petrolio per ridurre i prezzi e sfogando la rabbia per le varie politiche statunitensi.

Tuttavia, in ultima analisi, gli Stati del Golfo potrebbero scoprire che, come Israele, hanno meno opzioni di quante sembri.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->