L’Azerbaigian può aiutare a risolvere la crisi del gas in Europa? Baku può essere una fonte affidabile di energia e trasporti per l'Europa, ma dovrà tenere conto dei suoi vicini forti, e quindi non sempre si unirà al coro unanime di Bruxelles e Washington

La guerra Russia-Ucraina ha interrotto le catene di approvvigionamento globali e indebolito le economie mondiali, ma rappresenta un’opportunità per l’Azerbaigian, il cardine dell’Europa e dell’Asia. Gli Stati Uniti e l’Europa hanno sanzionato il petrolio e il gas naturale russi, ma l’Azerbaigian è sulla buona strada per aumentare le esportazioni di gas nel 2022 e negli anni successivi, attraverso il Southern Gas Corridor (SBC) di 3.500 chilometri che attraversa sette paesi e rifornisce la Turchia e l’Europa. Attualmente, l’Azerbaigian fornisce 10 miliardi di metri cubi (bcm) di gas naturale all’Europa e 6 miliardi di metri cubi alla Turchia attraverso l’SGC.

Per soddisfare la domanda, l’Azerbaigian metterà in funzione anche due nuovi giacimenti di gas ed è aperto a investimenti per espandere la capacità dell’SGC, ad esempio installando ulteriori stazioni di compressione in grado di raddoppiare il flusso di gas. Ma il ministro dell’Economia dell’Azerbaigian afferma che il “sottoinvestimento” europeo potrebbe rallentare la capacità del paese di fornire più gas.

Questa settimana, il ministro dell’Energia dell’Azerbaigian ha dichiarato al World Utilities Congress di Abu Dhabi: “Stiamo lavorando molto intensamente con la Commissione europea… stiamo lavorando sui modi, in un periodo di tempo relativamente breve, per aggiornare questa infrastruttura e successivamente aumentare la nostra fornitura di energia all’Europa in termini di gas naturale”.

L‘oleodotto dell’Azerbaigian Baku-Tbilisi-Supsa sul Mar Nero è stato temporaneamente chiuso (fino alla fine di giugno) e il prodotto è stato reindirizzato all’oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan sulla costa mediterranea della Turchia. Il reindirizzamento del petrolio a Ceyhan rafforzerà anche la posizione della Turchia poiché ospita anche la tappa centrale dell’SGC, il gasdotto transanatolico.

Il trasporto via terra è in fase di riorganizzazione per evitare la Russia e le sanzioni occidentali.

La linea ferroviaria est-ovest dalla Cina alla Turchia, la Trans-Caspian International Transport Route, nota anche come “Corridoio di mezzo”, aggira la Russia e collega Xi’an, in Cina, con Istanbul tramite un collegamento ferroviario attraverso il Kazakistan, un salto verso Azerbaigian attraverso il Mar Caspio e un collegamento ferroviario in avanti attraverso la Georgia alla Turchia.

La rotta, che non è ancora all’altezza del suo potenziale, potrebbe finalmente avere la possibilità di flettersi poiché le spedizioni attraverso l’Asia centrale e il Caucaso aumenteranno di sei volte nel 2022 rispetto al 2021. Ad aprile, la compagnia di navigazione Maersk ha annunciato il rinnovamento del servizio ferroviario ” in risposta alle mutevoli esigenze della catena di approvvigionamento dei clienti negli attuali tempi straordinari”, e ha commissionato il nuovo servizio con un treno del 13 aprile da Xi’an alla Germania.

Altre opzioni di spedizione regionale sono ad ovest dall’Afghanistan alla Turchia attraverso il Turkmenistan, l’Azerbaigian e la Georgia attraverso il “Corridoio di Lapislazzuli” e dall’Azerbaigian ad ovest alla Turchia attraverso il corridoio di Zangezur attraverso l’Armenia, sebbene la disputa in corso tra l’Azerbaigian e l’Armenia possa causare un lungo ritardo nel realizzare quel percorso.

Gli agenti immobiliari dicono che è sempre “posizione, posizione e posizione”. Riuscirà Baku a capitalizzare la sua utilità per l’invio di merci ed energia a ovest per garantire una soluzione finale del conflitto nel Nagorno-Karabakh?

Dopo la fine della guerra del Nagorno-Karabakh del 2020, il presidente azero Ilham Aliyev ha incontrato i copresidenti del Gruppo Mink dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) e ha detto loro: “L’Azerbaigian ha risolto il conflitto durato quasi trenta anni” e “Purtroppo [il] gruppo di Minsk non ha svolto alcun ruolo nella risoluzione del conflitto”.

Nel gennaio 2022, Aliyev ha affermato che il gruppo di Minsk non dovrebbe svolgere più alcun ruolo nella risoluzione della questione del Nagorno-Karabakh perché “è risolta”. Aliyev potrebbe pensare in questo modo perché, come riportato da Rasmus Canbäck, l’OSCE non ha dato la priorità alle risorse necessarie per produrre un accordo di pace tra Azerbaigian e Armenia e la priorità era “il mantenimento di un armistizio funzionante”.

Mentre molti membri del Gruppo di Minsk – Francia, Federazione Russa, Stati Uniti, Bielorussia, Finlandia, Germania, Italia, Svezia, Turchia, nonché Armenia e Azerbaigian – potrebbero non avere fretta – sono passati solo 29 anni! – L’Azerbaigian potrebbe avere un’altra carta da giocare poiché il Kazakistan ha annunciato che interromperà le esportazioni di gas naturale nel 2023 a causa dell’aumento della domanda interna.

Baku può ora intervenire e offrire di aiutare a soddisfare il fabbisogno energetico dell’Europa e di stipulare un contratto di acquisto pluridecennale al fine di assicurarsi finanziamenti per espandere l’SGC. Baku dovrebbe sfruttare il suo vantaggio poiché gli Stati Uniti e l’Europa hanno lasciato scorrere il processo di mediazione per quasi tre decenni, per poi essere distratti dalla guerra Russia-Ucraina.

I rappresentanti di Azerbaigian, Armenia e Russia si sono incontrati all’inizio di giugno per discutere l’apertura di collegamenti di trasporto regionali. Allo stesso tempo, i rappresentanti dell’Azerbaigian e dell’Armenia si sono incontrati a Bruxelles con funzionari dell’UE e americani che si rifiutano di incontrare i russi. Questo può soddisfare gli impulsi di Bruxelles e Washington, ma è anche un segnale per Baku (e Yerevan) che la pace in Nagorno-Karabakh è ancora una priorità minore rispetto alla crisi del giorno in Ucraina, e alcuni dei partiti di Minsk potrebbero dirottare il processo frustrare o isolare la Russia, per assicurarsi finalmente la grande vittoria su Mosca che pensano sia sfuggita loro con la fine pacifica della Guerra Fredda nel 1991.

Le priorità dell’Occidente sono nei numeri: l’Ucraina ha ricevuto 54 miliardi di dollari di aiuti dagli Stati Uniti, ma tutto ciò che l’Azerbaigian e l’Armenia hanno ottenuto sono stati tre decenni di incontri.

L’Azerbaigian non vuole relazioni antagonistiche o feudali con i suoi vicini, Russia e Iran, e non sarà una piattaforma per l’azione della NATO contro la Russia, o un attacco israeliano al programma nucleare iraniano. Baku ha inviato aiuti umanitari in Ucraina, ma non ha criticato apertamente la Russia, senza dubbio per la rabbia di Washington e Bruxelles. L’Azerbaigian può essere una fonte affidabile di energia e trasporti per l’Europa, ma dovrà tenere conto dei suoi vicini forti, e quindi non sempre si unirà al coro unanime di Bruxelles e Washington, DC, soprattutto perché le due capitali non hanno mai dato priorità alla pace in il Caucaso meridionale, e sono alleati di convenienza, non di convinzione.