sabato, Luglio 31

L’ autorità per le telecomunicazioni rassicura gli utenti: ‘ToTok è sicura’ La Telecommunications Regulatory Authority (TRA) afferma che non c’è alcun rischio per la privacy degli utenti su ToTok. L’app è dotata di elevati standard di sicurezza

0

Il 27 dicembre 2019 la Telecommunications Regulatory Authority (TRA) ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di essere a conoscenza delle recenti preoccupazioni per la privacy degli utenti che utilizzano applicazioni di telecomunicazione accreditate negli Emirati Arabi Uniti, in particolare l’applicazione ‘ToTok’. L’Autorità ha sottolineato che i regolamenti sulle telecomunicazioni negli EAU proibiscono severamente qualsiasi forma di spionaggio aggiungendo che il TRA impone standard rigorosi per proteggere la privacy degli utenti, secondo gli standard internazionali.

Totok, molto simile nel suo concept ad altre app come Watsapp e Viber, ha ottenuto un grande successo nel giro di pochi mesi dal suo lancio, portando il numero di utenti a oltre 50 milioni di abbonati, entrando in concorrenza con le altre applicazioni globali più conosciute. Una nuova potente piattaforma di mercato in grado di influenzare i numeri delle piattaforme principali. Lunedì, l’applicazione ToTok aveva rilasciato una nota sul suo sito Web ufficiale, affermando che ad oggi oltre 30.000 recensioni positive di utenti sono state condivise sugli store Apple e Google, aggiungendo che ciò rappresenta un segno inconfondibile e coerente di fiducia e apprezzamento da parte degli utenti che hanno scelto di utilizzarla.

La società, con sede negli Emirati, ha sottolineato il 23 dicembre scorso che l’app è dotata di elevati standard di sicurezza come AES256, TLS / SSL, RSA e SHA256, per proteggere diligentemente i dati degli utenti, in conformità con le leggi e i requisiti locali ed internazionali, per salvaguardare gli utenti in ogni momento. La dichiarazione è stata confermata dal TRA, che nel suo comunicato, sottolinea che tutte le applicazioni di telecomunicazione accreditate negli EAU sono conformi agli standard locali ed internazionali sulla protezione della privacy degli utenti, aggiungendo inoltre che l’Autorità si assicura costantemente che tali standard vengano applicati.

ToTok aveva spiegato che l’app non è temporaneamente disponibile negli store Apple e Google a causa di un problema tecnico, specificando che sta lavorando per risolverlo, mentre gli utenti già registrati possono continuare ad utilizzare il servizio senza interruzioni. L’app è ancora disponibile nei negozi digitali per Samsung, Huawei, Xiaomi e Oppo. Gli altri utenti Android invece possono installare l’app ToTok dal sito Web ufficiale come soluzione temporanea. Le dichiarazioni della Autorità per le comunicazioni (TRA) smentiscono in toto la campagna diffamatoria subita dalla compagnia emiratina nell’ultimo periodo, in quella che sembra essere una guerra commerciale.

Alcuni articoli apparsi sulla stampa nazionale ed internazionale hanno affermato che l’applicazione di messaggistica sarebbe stata utilizzata dal Governo degli EAU per lo spionaggio, ma un’analisi tecnica di un ex dipendente della NSA ha concluso, ancora prima della TRA, che ToTok «fa semplicemente quello che sostiene di fare e davvero niente di più, no exploit, nessuna backdoor e nessun malware». Ironia della sorte, questa analisi tecnica era stata effettivamente richiesta dalle stesse persone che hanno avviato la diffamazione dell’app.

Va detto inoltre che gli EAU sono diventati un hub per le principali start-up che hanno raggiunto un significativo sviluppo ed una proliferazione globale, come Careem, Souq.com e MediaNet, che hanno venduto per oltre un miliardo di dollari, confermando la competitività del Paese nelcreare start-up di successo. Gli Emirati sono impegnati a promuovere un ambiente imprenditoriale che incoraggi gli innovatori e gli imprenditori a prosperare in più settori. Il Paese sta anche adottando le tecnologie più innovative, come il 5G per i telefoni cellulari, Blockchain, Internet delle cose edapplicazioni di intelligenza artificiale.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->