L’aumento dei tassi di interesse USA colpisce i Paesi in via di sviluppo Ecco perché gli sforzi per ridurre l'inflazione aumentando i tassi di interesse negli Stati Uniti potrebbero danneggiare il resto del mondo

Il recente rapporto del World Economic Outlook del Fondo monetario internazionale dipinge un futuro economico cupo. Ha declassato le previsioni di crescita globale dal 6,1% nel 2021 al 3,2% nel 2022. Mentre l’economia globale si sta ancora riprendendo dalla pandemia di COVID-19, le banche centrali delle economie avanzate stanno aumentando i tassi di interesse, un cambiamento politico che avrà un impatto significativo impatto globale.

Le deprimenti previsioni di crescita sono una conseguenza dell’inasprimento della politica monetaria e della crescente minaccia di rischi sociali ed economici, in particolare per i Paesi emergenti e in via di sviluppo. I prezzi di cibo e carburante sono saliti alle stelle a causa della guerra Russia-Ucraina e delle strozzature della catena di approvvigionamento. Il conflitto Russia-Ucraina ha reso difficile bilanciare la lotta all’inflazione, il sostegno alla ripresa economica globale, l’aiuto ai più vulnerabili e il ripristino delle riserve fiscali.

La Federal Reserve (Fed) statunitense ha intensificato la sua lotta contro l’inflazione dopo che i prezzi al consumo sono aumentati dell’8,6% negli Stati Uniti. Il 15 giugno 2022, la Fed ha votato per aumentare l’intervallo target per il tasso sui fondi federali allo 0,75-1%. Prevede di implementare ulteriori aumenti per il resto del 2022. Ma gli sforzi per ridurre l’inflazione aumentando i tassi di interesse negli Stati Uniti potrebbero danneggiare il resto del mondo.

Con l’aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti, coloro che investono nei mercati emergenti per ricevere tassi di rendimento più elevati possono investire nel mercato statunitense più interessante. Ciò comporterà massicci afflussi di capitali negli Stati Uniti e maggiori deflussi dal mondo in via di sviluppo. Senza politiche monetarie interne proporzionalmente più rigide, il conseguente aumento degli oneri finanziari esaurirà le riserve estere, apprezzerà il dollaro USA e comporterà perdite di bilancio per le nazioni con obbligazioni nette denominate in dollari USA.

L’aumento dei tassi di interesse statunitensi ha l’impatto maggiore sulle economie con maggiori vulnerabilità macroeconomiche. Tra il 2019 e il 2021, la pandemia di COVID-19 ha causato un forte aumento del debito pubblico nelle economie in via di sviluppo, aumentando in media dal 54% al 65% del PIL.

Trentotto economie emergenti sono ora in pericolo di una crisi del debito o ne stanno attualmente attraversando una. Almeno 25 economie in via di sviluppo spendono oltre il 20% delle entrate pubbliche per il servizio del debito pubblico estero. Questo è il motivo per cui gli aumenti dei tassi di interesse nelle economie avanzate potrebbero inasprire le condizioni finanziarie esterne per i mercati emergenti e i paesi in via di sviluppo.

C’è una preoccupante comparabilità tra l’economia odierna e l’economia degli anni ’70 e dei primi anni ’80, caratterizzata da inflazione elevata, crescita lenta e oneri finanziari crescenti. Negli anni ’70, gli esportatori di petrolio che beneficiavano dell’aumento dei prezzi dell’energia hanno utilizzato le loro eccedenze per aumentare i finanziamenti per i mercati del debito nelle economie dei mercati emergenti. I rialzi dei tassi della Fed all’inizio degli anni ’80 hanno ridotto l’inflazione negli Stati Uniti, ma hanno spinto i tassi di interesse globali, provocando l’insolvenza di molte economie emergenti sui loro debiti.

La crisi del debito che ha seguito lo shock Volcker è stata dolorosa per i Paesi in via di sviluppo. L’aumento dei tassi di interesse della Fed ha avuto un effetto devastante sull’America Latina. La regione ha subito un crollo del PIL e un aumento della disoccupazione e della povertà. Il decennio successivo è stato perso a causa di una ripresa economica graduale e diseguale. Le conseguenze della crisi del debito latinoamericano sono state vissute in modo simile nelle nazioni fortemente indebitate dell’Africa. La Fed non ha prestato sufficiente attenzione a come le sue scelte avrebbero influenzato il resto del mondo.

Sebbene la situazione economica odierna abbia origini simili a quella degli anni ’70 e ’80, ci sono alcune differenze significative. Oggi, i produttori di petrolio avvertono acutamente la riduzione della dipendenza del mondo dal petrolio. Gli aumenti reali del prezzo del petrolio sono minori di quanto non siano stati storicamente. Anche l’inasprimento delle politiche in risposta alla recessione economica è iniziato prima di quanto non fosse negli anni ’70 e ’80, soprattutto in alcuni mercati emergenti e Paesi in via di sviluppo. A differenza degli anni ’70 e ’80, non c’è stato molto tempo per i petrodollari per alimentare gli squilibri nelle economie dei mercati in via di sviluppo ed emergenti.

Nonostante questi sviluppi incoraggianti, sono emersi nuovi rischi. A causa della maggiore esposizione a cospicui creditori bilaterali e della recente pandemia di COVID-19, il debito pubblico è aumentato e ha rallentato il potenziale di crescita di molti Paesi.

Mentre le istituzioni finanziarie internazionali stanno facendo la loro parte per fornire la riduzione del debito e fermare le misure punitive come i supplementi – commissioni aggiuntive imposte ai paesi che non riescono a rimborsare il debito – è necessario un’azione rapida e sistematica per la risoluzione del debito. Ciò deve comportare la collaborazione con creditori privati ​​e grandi creditori statali come la Cina. Le grandi imprese di cibo e combustibili devono essere impedite dal profitto e dalla speculazione.

I diritti speciali di prelievo (DSP) – un’attività di riserva in valuta emessa dal FMI che può essere utilizzata per la stabilità dei cambi oltre all’oro o ai dollari USA – devono essere ridistribuiti a quei Paesi che ne hanno urgentemente bisogno. Un nuovo rilascio di diritti speciali di prelievo per un valore equivalente di 650 miliardi di dollari è necessario per un sollievo immediato. La Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo ha sostenuto un modo alternativo per facilitare risoluzioni eque e ordinate delle crisi del debito. Implicherebbe un quadro giuridico multilaterale per la ristrutturazione del debito sovrano avvalendosi sia di creditori pubblici che privati.

Gli aumenti dei tassi di interesse nei Paesi avanzati avranno sempre un impatto sui Paesi a basso reddito. Ma ciò non annulla la necessità di perseguire le riforme strutturali nei Paesi a basso reddito. La riforma strutturale è l’unico modo per trovare soluzioni a breve e lungo termine per la gestione del debito.