martedì, Dicembre 7

L’anno d’oro dell’Italia Con i loro trionfi e le loro medaglie, i nostri atleti ci hanno regalato emozioni enormi pressoché in ogni disciplina

0

L’estate 2021 sarà difficile da dimenticare per gli italiani o, per lo meno, per gli amanti dello sport in tutte le sue possibili sfumature. Oltre alla vittoria dell’ultima edizione degli Europei da parte degli Azzurri di Mancini, c’è molto di più, dal tennis al ciclismo, senza dimenticarsi della pallavolo e degli ottimi risultati ottenuti ai giochi olimpici e paralimpici di Tokyo.

Non ci rimane che analizzare nel dettaglio tutti i record infranti dagli atleti italiani nella stagione più calda dell’anno in corso.

Calcio

Superando ogni più rosea aspettativa degli appassionati di scommesse calcio, la nostra Nazionale ha concluso a punteggio pieno la fase a gironi del campionato Europeo, con 7 goal all’attivo e zero incassati. Il 2-1 ai supplementari contro l’Austria ha chiuso il tema ottavi, Barella e Insigne hanno sconfitto per 2-1 il temibile Belgio di Lukaku ai quarti e Donnarumma si è superatoai supplementari per annullare l’eterna rivale Spagna in semifinale.

La finale dell’11 luglio non si è aperta nel migliore dei modi, con l’Italia a dover recuperare la rete segnata da Shaw con un goal sulla linea di Bonucci. Si va di nuovo ai supplementari e ai rigori, che hanno visto ancora una volta protagonisti il portierone del PSG e il difensore juventino.

Ciclismo

Non poteva esserci modo migliore per chiudere l’estate 2021 che quella di Filippo Ganna, divenuto il 19 settembre campione del mondo nella prova a cronometro di ciclismo. Risultando più veloce del belga Wout van Aert a Bruges, il 25enne di Verbania non è in realtà nuovo a imprese di questo tipo, essendo già stato incoronato campione del mondo a Imola l’anno scorso – tra l’altro, si trattava della prima volta per un italiano.

Tennis

Matteo Berrettini non si è aggiudicato Wimbledon, ma ha battuto comunque un record. Il tennista di origini romane, che attualmente occupa la posizione 7 nel ranking ATP, è il primo italiano di sempre ad aver raggiunto la finale del celebre torneo londinese.

Tra il 30 giugno e l’11 di luglio, Berrettini ha sconfitto avversari del calibro di Pella, Van de Zandschulp, Bedene, Ivaska, Auger-Aliassime e Hurkacs. Solo il già 5 volte vincitore di Wimbledon Novak Djokovic è riuscito a fermarlo, superandolo in quattro set con il punteggio di 6-7, 6-4, 6-4 e 6-3.

Pallavolo

Doppio successo anche per i campioni e le campionesse della pallavolo italiana, che si sono aggiudicati a una breve distanza di tempo gli Europei. La Nazionale femminile ha sconfitto la Serbia in finale il 4 settembre, mentre quella maschile ha avuto la meglio sui migliori rappresentanti della Slovenia il 19 dello stesso mese.

Olimpiadi

Le Olimpiadi ci hanno aiutato a evolvere come società  regalandoci anche 40 medaglie – un vero e proprio record per l’Italia. Per esempio, Massimo Stano ha ottenuto l’oro nella 20 km di marcia dopo aver superato all’ultimo chilometro i giapponesi Koki Ikeda e Toshikazu Yamanishi.

Stesso risultato anche per il siciliano Luigi Busà, che il 6 agosto ha sconfitto Rafael Aghayev nella finale della specialità kumite 75 chili. Da citare anche Marcell Jacobs, che non solo si è aggiudicato l’oro nella staffetta 4×100 con i compagni Lorenzo Patta, Eseosa Desalu e Filippo Tortu, ma anche l’oro nei 100 metri piani – è la prima volta che un italiano giunge in finale.

Paralimpiadi

Meritano infine un posto d’onore le Paralimpiadi, tenutesi sempre a Tokyo, ma tra il 24 agosto e il 5 settembre. In quanto a successi e medaglie, queste hanno superato addirittura le Olimpiadi, dato che gli Azzurri si sono portati a casa ben 69 medaglie (14 ori, 29 argenti e 26 bronzi).  

A soli 19 anni, la livornese Ambra Sabatini ha stabilito il nuovo record del mondo nella categoria T63 dei 100 metri – 14 secondi e 39. Altra protagonista indiscussa è stata Bebe Vio, sul gradino più alto del podio nel fioretto individuale.

I successi sportivi del 2021 in breve

La speranza sarà l’ultima a morire, ma i mesi scorsi saranno davvero difficili da eguagliare. Con i loro trionfi e le loro medaglie, i nostri atleti ci hanno regalato emozioni enormi pressoché in ogni disciplina – calcio, ciclismo, tennis, pallavolo, nonché sport olimpici e paralimpici, solo per citarne qualcuna.

Chi sarà il prossimo campione italiano? Quale record batterà questa volta? Siamo sicuri che non dovremo attendere a lungo per poter rispondere a questa domanda.

 

Fonti

www.lindro.it

https://tg24.sky.it/sport/approfondimenti/vittorie-italia-europei-olimpiadi-2021

https://leonardo.it/news/sport-italiano-vittorie-2021/

https://1254.it/tutte-le-vittorie-dellitalia-nel-2021-finora/

https://sport.sky.it/olimpiadi/paralimpiadi-2021-medaglie-italia#10

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->