sabato, Settembre 18

L’Africa deve impedire all’Etiopia di seguire la strada del Rwanda: ecco come L’Etiopia non può evitare il disastro da sola. Ha bisogno che la comunità dei Paesi africani dedichi le proprie energie al compito di evitare un'implosione nel Paese

0

Il conflitto che da nove mesi incendia il Tigray, si sta espandendo pericolosamente e potrebbe mettere a rischio la stessa tenuta dell’Etiopia. Sotto la guida di Abiy Ahmed, l’Etiopia è precipitata in una crisi politica e umanitaria che minaccia la stessa sopravvivenza dello Stato federale. Ci sono segnalazioni di gruppi etnici in varie regioni che mobilitano le milizie locali per schierarsi nella guerra in corso nel Tigray e nelle regioni circostanti. La guerra tra le forze ribelli del Tigray e le truppe governative alleate dell’Etiopia e dell’Eritrea è stata segnata da massacri e violenze sessuali. Migliaia sono stati uccisi e ora centinaia di migliaia sono a rischio carestia.

Anche se le autorità federali hanno, di fatto, bloccato la loro regione, combattenti Tigray sono stati in grado di inseguire le unità federali e regionali in Afar, che si trova ad est del Tigray, come riferito, spostando decine di migliaia di persone fuggite alla violenza. Potrebbero presto provare a tagliare la rotta commerciale chiave da Addis Abeba attraverso Afar a Gibuti, che funge da porto principale dell’Etiopia senza sbocco sul mare. Sono anche avanzati a sud e sud-ovest, con migliaia di combattenti del Tigray che spingono lungo le strade principali verso le città di Woldiya e Gondar, nel nord di Amhara, prendendo il controllo di diverse città lungo la strada.
Il loro obiettivo sembra essere quello di costringere i leader etiopi ad accettare i loro termini per un cessate il fuoco, che ora includono una richiesta per un ‘accordo transitorio’ -in effetti, la cacciata del primo ministro Abiy Ahmed- così come il ritiro delle forze eritree e di Amhara dal Tigray. Dirigendosi verso Gondar, questi combattenti potrebbero anche prepararsi a provare a spingere il governo regionale di Amhara fuori dalla parte del Tigray occidentale.

«La natura etnica del conflitto non è nuova» afferma Edward Kissi, Professore associato di Studi Globali all’University of South Florida. «È stato evidente in 17 anni di autoritarismo e di guerra che sono durati tra il 1974 e il 1991. Ha guidato gli scoppi sporadici di micro-guerre, mettendo a confronto gruppi etnici contro gruppi etnici e regione contro regione. Il risultato fu la carestia del 1984. Quel ciclo si sta ripetendo in quasi un anno di guerra tra due agenti armati con nomi correlati: le forze di difesa del Tigray e le forze di difesa nazionali etiopiche. Gli specialisti etiopi che hanno studiato questo fenomeno ciclico temono per la sopravvivenza di un’Etiopia multietnica. Il timore è che ci sarà uno stato permanente di guerra etnica».

Nella mente di Kissi, due fattori dovrebbero sollevare campanelli d’allarme sulla situazione attuale: «uno è la paralisi nell’intervenire per porre fine al conflitto, sia a livello internazionale che dall’interno dell’Africa. L’altra è la retorica del genocidio che si è insinuata nel discorso pubblico. Entrambi i fattori ricordano fin troppo il preludio al genocidio del Rwanda nel 1994. Come sostengo nella mia analisi dell’inazione internazionale in Rwanda, l’Africa ha bisogno di abbracciare un nuovo approccio che si concentri su ciò che i Paesi in una regione possono fare per intervenire. Questo approccio dovrebbe essere un dialogo morale che esplori i modi plausibili in cui una regione e la sua comunità di persone e Nazioni possono agire, collettivamente, per prevenire il genocidio».

L’Africa dovrebbe cogliere il suo momento in Etiopia, sostiene il Docente della South Florida. Quindi, evitare gli errori commessi nel caso del Rwanda su cui è stata denunciata la tiepida reazione della comunità internazionale: «Questa è una descrizione codificata degli Stati Uniti come superpotenza e delle Nazioni Unite come organizzazione internazionale mandataria. Questa narrazione mette in evidenza ciò che questa particolare comunità di nazioni avrebbe potuto fare – ma non è riuscita a fare – per fermare l’uccisione dopo che era iniziata. Questo approccio analitico al genocidio in Rwanda presuppone che i Paesi africani siano incapaci, o per niente responsabili, di risolvere i problemi nei loro quartieri. O, peggio, che solo gli Stati Uniti o le Nazioni Unite sono responsabili o in grado di fermare il genocidio ovunque si verifichi. Questa ipotesi sopravvaluta la capacità o la volontà di entrambi di assumersi questa immensa responsabilità. Inoltre, sottovaluta gli obblighi delle comunità locali di diventare guardiani dei loro quartieri».

Un approccio comunitario, osserva Kissi, «sarebbe ancorato ai principi delle Nazioni Unite delineati per la prima volta in un vertice nel settembre 2005. Il vertice ha invitato tutti i suoi Stati membri ad accettare il nuovo principio della “responsabilità di proteggere le popolazioni dal genocidio, dai crimini di guerra, dalla pulizia etnica e dai crimini contro l’umanità”».

In Africa, la storia del dominio coloniale offre ai fornitori di crimini d’odio uno strumento potente ed emotivo per caratterizzare gli interventi occidentali come un’altra forma di imperialismo o neocolonialismo travestito da responsabilità morale da proteggere. Secondo Kissi, allora, «dovrebbero essere sviluppate nuove strategie di prevenzione del genocidio in Africa che non dipendano da attori internazionali ma principalmente dai governi nazionali. Come principio morale, il diritto alla protezione può essere attuato al meglio attraverso gruppi locali e regionali, con qualche aiuto straniero».

Pertanto, Kissi ha proposto una strategia alternativa: l’obbligo di prevenire poiché «l’implosione dell’Etiopia metterebbe in pericolo l’intera regione dell’Africa orientale. Minaccerebbe la sede dell’Unione africana, che attualmente è Addis Abeba. Offuscherebbe l’immagine dell’Africa così come quella di una nazione che ha un legame storico unico con il diritto internazionale. L’Etiopia è stata la prima nazione a firmare la Convenzione delle Nazioni Unite sul genocidio e ad associarsi agli ideali di pace e prevenzione del genocidio».

Perciò, sottolinea Kissi, «non è troppo tardi per i leader etiopi e per tutti gli etiopi per riflettere sulla promessa del passato morale dell’Etiopia e sugli obblighi del suo presente: l’obbligo di impedire che l’attuale situazione nel Tigray si trasformi in un genocidio. Ma l’Etiopia non può evitare il disastro da sola. Ha bisogno che la comunità dei Paesi africani dedichi le proprie energie al compito di evitare un’implosione nel Paese».

 

 

 

Traduzione dell’articolo ‘Africa can prevent Ethiopia from going down Rwanda’s path: here’s how’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->