martedì, Settembre 28

L’Afghanistan secondo il generale Petraeus Parla il generale David Petraeus, ex direttore dell'intelligence centrale USA e comandante delle forze statunitensi e alleate in Afghanistan. E' stata una mancanza di pazienza strategica, dice il generale

0

Ieri, il generale David Petraeus, ex direttore dell’intelligence centrale degli Stati Uniti e comandante delle forze statunitensi e alleate in Afghanistan, è entrato a far parte dell’Atlantic Council per valutare la situazione in Afghanistan, dopo la rapida e sorprendente conquista del Paese da parte dei talebani, e le sue conseguenze.
Il think tank ha realizzato una lunga conversazione inaugurale con il generale, gestita da Barry Pavel, il direttore dello Scowcroft Center for Strategy and Security.
Di seguito pubblichiamo alcuni stralci che affrontano i temi più importanti e caldi.

***

Quale forza pensi sia necessaria, e con quali tempistiche, per condurre con successo e in modo completo l’operazione di evacuazione in corso da Kabul e potenzialmente da altrove in Afghanistan?
L’unica risposta è che non lo sappiamo davvero. L’esercito mantiene sempre in corso quello che viene chiamato un processo di stima in corso, e sono sicuro che i nostri pianificatori militari, insieme alle controparti della coalizione, stanno esaminando tutte le opzioni, incluso avere alcune persone che si riuniscono in altri luoghi, non solo all’interno di Kabul ma in tutto il Paese, dove ci sono grandi aeroporti. Kandahar nel sud-ovest sarebbe molto utile, Herat nell’ovest, Mazar-i-Sharif, anche Bagram a nord di Kabul.

Sono sicuro che lo Stato sta anche esaminando, insieme al Dipartimento della Difesa, se dovremmo rioccupare quella splendida ambasciata che abbiamo costruito con 750 milioni di dollari. Offrirebbe molti benefici, mentre scopriamo come potremmo influenzare il governo messo insieme dai talebani, che sarà in un così grave vincolo fiscale nel breve e medio termine che le luci potrebbero letteralmente spegnersi a Kabul e nel Paese, e questo è solo uno dei tanti modi in cui possiamo avere influenza sul governo che si sta formando.
Il vero problema, penso, è chi lascerà l’Afghanistan. Alcune categorie sono chiare. Cittadini statunitensi, titolari di carta verde, anche i titolari di visti speciali per immigrati, i richiedenti e i familiari. Tuttavia, dove si può tracciare la linea quando si tratta di qualcuno la cui sicurezza è messa a repentaglio a causa del lavoro con i governi degli Stati Uniti o dell’Afghanistan, i nostri innumerevoli partner esecutivi nel corso degli anni, i gruppi della società civile che saranno nel mirino, ecc.? Il Dipartimento di Stato e la Casa Bianca devono affrontare il tema abbastanza rapidamente o molte, molte speranze saranno deluse. In verità, in questo momento, dopo aver seguito numerosi casi e gruppi individuali, mi sembra che non ci sia un vero sistema per coloro che si trovano all’interno dell’Afghanistan, al di là dei cittadini americani, delle carte verdi e simili. Penso che Washington dovrà fornire alcune indicazioni più specifiche su chi può venire negli Stati Uniti o addirittura andare in un Paese terzo. Abbiamo scritto in questo momento un assegno in bianco molto consistente che temo potremmo avere difficoltà a riscattare.

Dove pensi che il fallimento nell’operazione di ritiro fino ad oggi sia stato maggiore, oltre alla politica generale di ritiro? È più un fallimento dell’intelligence, un fallimento della pianificazione, un fallimento della politica o forse solo un fallimento dell’esecuzione operativa o una combinazione di tutti e quattro?

E’ consuetudine a Washington, quando qualcosa non va proprio come la gente aveva sperato che andasse, parlare di fallimento dell’intelligence. Non sono affatto sicuro che sia questo il caso. Penso che sia ciò che il mio grande partner diplomatico e grande amico, l’ambasciatore Ryan Crocker, ha descritto in un brillante articolo sul ‘New York Times‘ durante il fine settimana. L’ha definita una mancanza di pazienza strategica, che, ironia della sorte, stiamo dimostrando in Iraq, Siria, Somalia e altrove in Africa sotto questa Amministrazione. E ironia della sorte, dove eravamo prima della decisione di ritirarci era una specie di quello che l’allora vicepresidente Biden voleva che arrivassimo ma non era possibile alla fine del 2009-2010 e così via a causa delle missioni che ci erano state assegnate. Ryan ha scritto in questo pezzo: «Come americani, abbiamo molti punti di forza, ma la pazienza strategica non è tra questi. Siamo stati in grado di evocarla in momenti critici come la guerra rivoluzionaria e la seconda guerra mondiale, dove, ad esempio, il Congresso non ha minacciato di annullare lo sforzo bellico se non fosse stato concluso entro il 1944. In Corea, quasi sette decenni dopo una tregua inconcludente, abbiamo ancora circa 28.000 soldati. Ma la nostra pazienza non è la norma. E certamente non è stata mostrata in Afghanistan mentre il mondo guardava l’assalto dei talebani a Kabul. Man mano che l’enormità degli eventi in Afghanistan della scorsa settimana sprofonda, iniziano le domande. Come è successo? Come potevamo non prevederlo? Perché le forze di sicurezza afghane non hanno combattuto? Perché non abbiamo fatto qualcosa contro la corruzione? L’elenco continua. C’è una risposta generale: la nostra mancanza di pazienza strategica nei momenti critici, anche da parte del Presidente Biden. Ha danneggiato le nostre alleanze e incoraggiato i nostri avversari e ha aumentato il rischio per la nostra stessa sicurezza. Ha schernito 20 anni di lavoro e sacrifici». Poi continua a riconoscere, senza risparmiarsi, i nostri successi, i nostri fallimenti, le nostre mancanze. Verso la fine, osserva: «Non doveva essere così. Quando ho lasciato l’Afghanistan come ambasciatore, nel 2012, avevamo circa 85.000 soldati nel Paese. I talebani non controllavano nessuno dei 34 capoluoghi di provincia dell’Afghanistan. Quando il Presidente Obama ha lasciato l’incarico, c’erano meno di 10.000 soldati. E quando il signor Trump se ne è andato, c’erano meno di cinquemila. I talebani non detenevano ancora nessuna grande area urbana. Ora detengono l’intero Paese. Cosa è cambiato così rapidamente e completamente? La decisione del signor Biden di ritirare tutte le forze statunitensi ha distrutto uno status quo accessibile che avrebbe potuto durare indefinitamente al minimo costo in sangue e soldi».

La linea di fondo è che dovevamo riconoscere che non potevamo vincere la guerra in Afghanistan, dato che il nemico aveva santuari e una varietà di altri fattori che lo rendevano estremamente difficile vincere. Ma avremmo potuto gestirlo e mantenere una piattaforma fondamentale per i nostri sforzi regionali e afghani, un alleato, per quanto imperfetto possa essere stato il governo afghano, e l’accesso. Tutto ciò ora è andato e sostituito da un regime che potrebbe avere un apparato di pubbliche relazioni più raffinato di prima, ma che probabilmente riporterà l’Afghanistan indietro di molti secoli, se non fino al settimo secolo come prima.
Anche il nostro Paese non è stato costruito in un paio di decenni. In effetti, è istruttivo di tanto in tanto ricordare che abbiamo avuto una brutale guerra civile circa otto decenni nella nostra storia. E la terribile corruzione è stata una realtà fino al ventesimo secolo. Ci vuole vera pazienza per permettere a un Paese di costruire istituzioni, capacità, identità e così via. E chiaramente, due decenni non sono stati sufficienti.

La tua osservazione principale è che, con un piccolo investimento -circa 2.500 forze- sul campo per un lungo periodo di tempo in futuro, avremmo potuto acquistare molte assicurazioni per i tipi di minacce e sfide che ora dovremmo affrontare frontalmente a causa del ritiro completo?
Sì. […] Quello che stavamo facendo davvero è che non eravamo più in prima linea. È risaputo che non abbiamo avuto perdite sul campo di battaglia in diciotto mesi. Non solo per l’accordo molto viziato che la precedente Amministrazione aveva firmato con i talebani, avendo escluso dall’accordo il governo eletto dell’Afghanistan, e poi costringendoli a rilasciare oltre cinquemila detenuti, la maggior parte dei quali tornati proprio al combattimento. Quindi, sì, quella sarebbe stata la strada.

[ …]. Per la mancanza di 2.500-3.500 americani, 8.500 forze della coalizione … Diciottomila appaltatori di manutenzione si sono ritirati [… ] . Questo è stato l’elemento critico nel fornire risposta quando nei primi giorni dei combattimenti con i talebani. Le unità afghane hanno combattuto per due o tre giorni prima di rendersi conto che non avevano nessuno alle spalle, nessuno stava venendo in soccorso, rifornimento, supporto aereo, quindi: ‘perché stiamo combattendo?‘ Gli afgani hanno imparato nei secoli come sopravvivere. Alcuni li hanno chiamati a volte camaleonti professionisti, e penso che sia più che ingiusto. Fanno un accordoquando riescono a vedere da che parte soffia il vento in modo molto forte.
Innumerevoli organizzazioni internazionali hanno fornito servizi di base molto importanti al popolo afghano, integrando il governo, e probabilmente centinaia di migliaia, se non milioni, lasceranno l’Afghanistan anche per questo, molti di loro cercano, ovviamente, di venire negli Stati Uniti direttamente o tramite un Paese terzo.
Molto è stato detto sul fatto che gli afgani non hanno combattuto. Gli afgani hanno combattuto e muoiono per il loro Paese, in particolare da, diciamo, all’incirca il 2014, quando abbiamo trasferito loro la sicurezza in prima linea, in generale. Hanno avuto oltre 66.000 vittime. [… ] Combatterebbero se sapessero che hanno qualcuno alle spalle.

[ …]

[ …]

Pensi che al-Qaeda o gruppi terroristici simili potrebbero essere più capaci di quanto non lo fossero negli anni ’90? negli anni ’90 non avevano internet. Ora che godono della connettività, pensi che saranno facilitati nel reclutare, addestrare, pianificare ed eseguire operazioni terroristiche contro coloro che percepiscono come loro nemici?
Sì. Ma dipende. Ci sono numerosi fattori da cui dipende, per esempio, se i talebani prevengono al-Qaeda e anche lo Stato Islamico.
Tieni presente che c’è il Gruppo Khorasan là fuori nell’area AfPak. Stanno anche cercando di istituire santuari. A proposito, non stanno lavorando con al-Qaeda. In realtà sono nemici l’uno dell’altro. Ma i combattenti talebani impediscono loro di ristabilire il tipo di santuari che al-Qaeda aveva quando gli attacchi dell’11 settembre furono pianificati sul suolo afghano sotto il controllo dei talebani?
Dipende da quanto efficacemente possiamo identificare gli sforzi di al-Qaeda o dello Stato Islamico per stabilire tali santuari e poi, ovviamente, distruggerli. E dovremmo stare attenti prima di rimuovere completamente tutte le autorità, tra l’altro, che sono associate all’autorità di usare la forza militare perché potremmo dover dipendere di nuovo da quelle autorità in questo tipo di situazione.
Dipende da quanto bene noi, i nostri alleati e le piattaforme di social media, riusciamo a rendere almeno difficile per al-Qaeda e lo Stato Islamico stabilire califfati virtuali, cioè, presenza effettiva nel cyberspazio che consenta loro di reclutare, ispirare, motivare, pianificare, condividere formule, tattiche, tecniche e procedure esplosive e alimentare attacchi al di fuori dell’Afghanistan nel modo in cui abbiamo visto lo Stato Islamico in grado di farlo quando aveva un califfato sul terreno dove poteva costruire un centro internet a Raqqa, e questo gli ha permesso di costruire il califfato virtuale anche nel cyberspazio. Alla fine, è stato distrutto, inutile dirlo, anche se c’è ancora una presenza su Internet, e dobbiamo tutti perseguirlo insieme in modo completo: coalizioni, partner.
Dipende da quanto bene potranno fare i nostri partner pakistani nell’identificare e distruggere gli elementi di al-Qaeda e dello Stato Islamico sul loro territorio ora che, presumibilmente, le sedi e i leader della rete talebana e di Haqqani possono lasciare il Baluchistan.
Ma, ancora una volta, dovremo vedere tutti questi. Dipende. E ricordiamo le parole molto schiette del direttore della CIA Bill Burns, che ha riconosciuto che ci sarà un degrado della nostra capacità di raccogliere informazioni, avendo chiuso la maggior parte della nostra presenza in Afghanistan.
[ …] Penso che questa Amministrazione abbia astutamente riconosciuto la necessità di tenere d’occhio gli estremisti islamici ovunque si trovino. Questo è davvero il valore anomalo. E una delle grandi lezioni degli ultimi vent’anni di lotta agli estremisti islamisti è che sfrutteranno gli spazi non governati. Devi davvero fare qualcosa al riguardo. In genere dobbiamo guidare. E dovrebbe essere una coalizione, ma dovremo essere il pezzo base. E devi farlo per un bel po’. Hai bisogno di un impegno sostenuto e sostenibile: la sostenibilità viene misurata in termini di sangue e quattrini.

Pensando ai talebani, il leopardo cambierà le sue macchie?
Beh, penso che raramente puoi sbagliare preparandoti al caso peggiore. Puoi avere tutta la speranza che vuoi, ottimismo, ecc. Ma alla fine della giornata, non sappiamo in questo momento quali saranno le loro azioni mentre andiamo avanti. E dobbiamo essere preparati, ancora una volta, che forse non torneranno al settimo secolo -come le persone hanno descritto la vita sotto i talebani alla fine degli anni ’90-, ma certamente un certo numero di secoli fa. Quanto è abusivo? Quanto è inaccettabile?
Ma è qui che tornerei sul fatto che i talebani stanno per conoscere una realtà molto dura. Ed è che sono al verde. Sì, controllano il traffico illegale di stupefacenti, i prodotti del papavero e tutto il resto. E forse possono in qualche modo ottenere caritatevolmente 500 milioni di dollari. Ma il loro budget, il budget del governo afghano negli ultimi anni è stato all’incirca tra i 18 e i 19 miliardi di dollari. Questo è stato finanziato dagli Stati Uniti, dal Giappone, dal Regno Unito e da una manciata di altri importanti Paesi donatori, perché possono generare solo da un miliardo a due miliardi in un grande anno. E questo non sarà un grande anno per l’economia.
Quindi le luci potrebbero letteralmente spegnersi a Kabul, come ho detto prima. Se non è possibile inserire prodotti combustibili raffinati e altri mezzi per far funzionare i generatori, questa è solo la punta dell’iceberg. Quindi i servizi di base si degraderanno notevolmente. E ho notato prima che molte delle organizzazioni senza scopo di lucro, organizzazioni internazionali che hanno fatto così tanto per il popolo afghano, in particolare negli ultimi vent’anni, ma lo hanno anche fatto in alcuni casi prima, molti di loro, temendo per la sicurezza, hanno lasciato.
Quindi penso che scopriranno che dipenderanno abbastanza dagli aiuti esterni. I diritti speciali di prelievo del FMI per 450 milioni di dollari aggiuntivi sono stati congelati. I loro beni in tutto il mondo, nella maggior parte dei luoghi, sono stati congelati. Saranno in una situazione molto, molto difficile. [ …]

Un’altra differenza rispetto agli anni ’90 è la Cina. Abbiamo già visto la Cina probabilmente stringere accordi con i talebani sui diritti umani e investimenti come la Belt and Road Initiative. Quindi questo riduce la nostra leva finanziaria?
Certamente può. Ora tieni presente che la Cina ha sempre voluto entrare in Afghanistan ed estrarre la straordinaria ricchezza mineraria. Quando ero il comandante lì, è arrivata qualche organizzazione no profit e l’ha stimata in minerali per un valore di oltre due trilioni di dollari, inclusi litio, terre rare e tutti gli altri minerali che sono così richiesti e che la Cina ha così aggressivamente cercato in tutto il mondo. Ora, dato che quella minaccia alla sicurezza potrebbe ora essere responsabile piuttosto che cercare di ostacolare il progresso, è possibile che lo facciano.
Ma tieni presente che il loro modello è quello che in genere porta lavoratori cinesi, materiali cinesi, cibo cinese, tecniche di costruzione e progettazione cinesi e tutto il resto. Ciò potrebbe comportare royalties per gli afghani, ma non so se in questo momento genererà rapidamente il tipo di entrate di cui hanno bisogno. E sono un po’ scettico sul fatto che la Cina firmi di nuovo un assegno da quindici miliardi di dollari o qualcosa del genere solo per ottenere il favore dei talebani. Saranno anche un po’ diffidenti. E sono molto, molto preoccupati per la possibile minaccia dell’estremismo islamista che si diffonde nell’area degli uiguri. [ …]

Passiamo alla domanda successiva, di Mahdi Sarmafar, un giornalista freelance, che scrive: Qual è la sua previsione sul destino della resistenza nel Panjshir? Può Massoud organizzare e guidare da lì l’opposizione talebana? È possibile sperare in questa resistenza? O cadrà anche il Panjshir? Ed è questo un punto di forza, aggiungerei, per gli Stati Uniti e i nostri alleati e membri della coalizione?
Beh, è un punto di leva lungo la strada. Ma dobbiamo stare molto, molto attenti in questo momento perché, per ora, lo sforzo principale è prendersi cura dei cittadini americani, dei titolari di carta verde, dei qualificati e dei candidati SIV in particolare, e poi di tutti questi altri. E l’ultima cosa che puoi fare è iniziare a sostenere un gruppo che potrebbe fomentare una sorta di quella guerra civile che temevamo. Quindi devi vedere come operano i talebani, come agiscono…. In realtà stanno espandendo leggermente l’area che controllano. Il vero problema, per coloro che sono in Panjshir in questo momento, è che non c’è connettività con il mondo esterno. Quando c’era Ahmad Shah Massoud, avevano modo di collegarsi a uno degli Stati dell’Asia centrale almeno dall’estremità nord-orientale di quella valle. In questo momento no. Ci sono altri combattimenti in corso in varie altre località e province settentrionali, combattimenti modesti. Ed è possibile che alla fine possano connettersi. L’Afghanistan dipende da Paesi esterni per un numero importante di beni, servizi e materie prime, non ultimo i prodotti combustibili raffinati. Incontreranno le stesse sfide nel Panjshir.

Permettetemi di passare alla prossima domanda dell’ambasciatore Peter Galbraith, un ex vice rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite in Afghanistan. Chiede: per una controinsurrezione di successo deve esserci un partner locale, e il nostro partner in Afghanistan, dice, era corrotto, inefficace e, a causa di elezioni presidenziali fraudolente, un governo illegittimo. Come si fa a far funzionare una strategia basata sul lavoro di un partner locale quando non ce n’è uno che è dove ne hai bisogno? E lo sollevo perché in questo momento stiamo dicendo: non lo faremo mai più. Ma sai bene quanto me, David, guardando indietro alla storia, lo faremo di nuovo. Sarà da qualche altra parte. Sarà in un momento diverso, con giocatori diversi.
Beh, la mia tesi di dottorato era intitolata ‘The American Military and the Lessons of Vietnam‘. E tra le conclusioni c’era che volevamo consegnare tutto ciò che assomigliava al Vietnam, che in alcuni aspetti, almeno, erano operazioni di controinsurrezione. Abbiamo fatto una grande guerra. Ma non volevamo farlo. Il problema è, ovviamente, che potrebbe non essere la guerra che vuoi, ma potrebbe essere la guerra che, ancora una volta, il Presidente ti ordina di intraprendere. Questo è esattamente quello che è successo quando ci siamo imbarcati in Afghanistan e poi in Iraq, almeno oltre i primi tempi.
E quindi devi avere una campagna di controinsurrezione civile-militare completa. E per tutte quelle persone che dicono che è andato storto quando abbiamo provato a fare la costruzione della Nazione, beh, dimmi come sviluppi istituzioni a cui puoi affidare compiti che hai svolto in passato se non aiuti a costruire quelle istituzioni?
E abbiamo dovuto costruire forze afgane, forze di sicurezza di tipi diversi. Dovevamo aiutare le istituzioni a essere create, o saremmo stati bloccati a svolgere quei compiti all’infinito. E in realtà li abbiamo passati. Abbiamo stabilito processi per trasferire le attività di sicurezza. Ecco perché c’erano 66.000 afgani che sono morti combattendo per il loro Paese. Era imperfetto? Certamente, lo era. Peter lo sa bene. Faceva parte del processo. E anche in Iraq. Benvenuto nel nostro mondo. Non trovi il partner che vorresti. Hai il partner che hai. Cerchi di fare tutto il possibile per aiutare quel partner a raggiungere il successo e affrontare la corruzione endemica e tutte le altre carenze che ci sono.
Il problema è che l’alternativa è ciò che abbiamo appena fatto, che è alzare le mani in aria e andarcene. E ora vediamo come sta funzionando. Ci dovrebbero essere almeno alcuni che hanno un po’ di rimorso per quello che è successo qui. Di nuovo, come ho detto prima, nonostante tutti i suoi difetti il governo eletto -e, ancora, sì, si potrebbe dire che anche le elezioni non sono state prive di difetti- c’era ed era nostro alleato e partner. Il che ci ha anche permesso di avere basi nel Paese che ci hanno aiutati nella regione.
È risaputo che queste sono le basi che furono le piattaforme per la cosiddetta campagna regionale antiterrorismo, la cui operazione più significativa, fu quella che portò alla giustizia Osama bin Laden, lanciata dal suolo afghano ad Abbottabad, Pakistan, sede dell’accademia militare pakistana, e poi di nuovo in suolo afghano. E ancora, basi fenomenali, strutture di intelligence, partner, tutto il resto, per quanto imperfetto. Ora non ce l’abbiamo. E certamente, il governo che sta assumendo il controllo, che si sta formando, non credo che ci possa aspettare che sia di quel tipo di partner. Ho già detto, tuttavia, che se vogliono davvero dimostrare che intendono veramente ciò che dicono per garantire che al-Qaeda e lo Stato Islamico non siano i benvenuti sul loro territorio, dovrebbero darci il bentornato alla base aerea di Bagram. Potremmo costruire una sorta di struttura composta, coordiniamo tutto con loro, e continuiamo a svolgere operazioni che ci assicurino di poter identificare quando al-Qaeda e lo Stato Islamico stanno cercando di ristabilire santuari come quello che aveva al-Qaeda quando hanno pianificato gli attacchi dell’11 settembre.

Quali dovrebbero essere ora le politiche degli Stati Uniti e degli alleati verso i talebani? Quali pensi siano le due o tre linee fondamentali della politica che gli Stati Uniti e i loro alleati dovrebbero adottare nei confronti dell’Afghanistan in futuro?
Beh, penso che ci sarà un certo grado di pragmatismo, flessibilità e così via in futuro. Dobbiamo riconoscere una nuova realtà. [ …] Cosa facciamo in futuro? Quali sono le diverse opzioni che i talebani potrebbero esercitare? Come rispondiamo? Quali sono le metriche? Aiuta sempre avere qualche tipo di misure un po’ concrete che ci aiutino a determinare come trattare con i talebani. E ancora, per tornare un’ultima volta all’idea dell’ambasciata, non sarebbe certo nell’interesse dei talebani avere una specie di rissa con noi su quell’ambasciata, e ovviamente è all’interno della maggiore Zona Verde, vicino al palazzo presidenziale. Potrebbe essere comodo poter ancora camminare verso il palazzo presidenziale anche se non hai un grande affetto per coloro che potrebbero essere nel palazzo presidenziale.
Ma ora dobbiamo riconoscere la realtà e dobbiamo andare avanti. Dovremmo attenerci ai nostri principi, ai valori e a tutto il resto che stiamo cercando di promuovere ancora una volta con maggiore enfasi sotto questa Amministrazione. Ma dipenderà da cosa fanno, come agiscono e tutto il resto. E penso che abbiamo l’opportunità di influenzarli. Ci sono certamente sanzioni molto significative che possiamo infliggere loro se si rivelano il tipo di organizzazione estrema che temiamo. Ma se non lo sono, se ci sono aree in cui possiamo lavorare insieme, allora dobbiamo farlo.
Storicamente abbiamo lavorato insieme a molti regimi che abbiamo deplorato e aborrito, e questo potrebbe essere un altro di questi, ma ciò non significa che non provi a farlo e cerchi di trovare un modo per operare con loro per cercare di raggiungere i nostri obiettivi, che ovviamente riguardano in modo più significativo la minaccia estremista islamista che potrebbe provenire da lì, anche se non penso che sia una minaccia a breve termine certamente per la patria, o anche per i nostri alleati della NATO per ora. Sarei preoccupato se ci fosse il tipo di califfato virtuale che sono in grado di costruire perché sono incontrastati sul campo e possono costruire un qualche tipo di capacità del genere, e poi nel tempo cosa potrebbero essere in grado di costruire se non possiamo degradarlo sufficientemente e distruggerlo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->