martedì, Settembre 28

L’Afghanistan ha una vasta ricchezza mineraria, ma deve affrontare sfide impegnative per sfruttarla Il fatto che i talebani abbiano ora il controllo non rende i minerali del Paese meno investiti di grande significato. L’analisi di Scott L. Montgomery, University of Washington

0

La fine ufficiale della guerra guidata dagli Stati Uniti in Afghanistan lascia una serie di domande a lungo termine, incluso come il Paese può costruire un’economia funzionante. Ora che l’assistenza degli Stati Uniti è evaporata e gli aiuti internazionali sono stati in gran parte chiusi, quali opzioni ha l’Afghanistan?

Una possibilità risiede nelle risorse naturali. L’Afghanistan possiede una ricchezza di minerali non combustibili il cui valore è stato stimato in più di 1 trilione di dollari. Per millenni il Paese è stato rinomato per le sue pietre preziose: rubini, smeraldi, tormaline e lapislazzuli. Questi minerali continuano ad essere estratti localmente, sia legalmente che illegalmente, in miniere per lo più piccole e artigianali. Molto più valore, tuttavia, risiede nelle dotazioni del paese di ferro, rame, litio, elementi delle terre rare, cobalto, bauxite, mercurio, uranio e cromo.

Mentre l’abbondanza totale di minerali è certamente vasta, la comprensione scientifica di queste risorse è ancora in una fase esplorativa. Anche con una migliore comprensione di quanto possa essere gratificante la loro estrazione, la presenza di queste risorse non fornirà un balzo in avanti per una nuova economia. In qualità di geologo che ha studiato l’estensione delle proprie risorse, stimo che saranno necessari da sette a dieci anni affinché l’estrazione mineraria su larga scala diventi una nuova importante fonte di reddito.

L’USGS segue i sovietici

I geologi britannici e tedeschi hanno condotto le prime indagini moderne sui minerali dell’Afghanistan nel XIX e all’inizio del XX secolo. Ma furono i sovietici negli anni ’60 e ’70 a svolgere il lavoro esplorativo più sistematico in tutto il Paese, producendo un ampio corpo di informazioni dettagliate che costituivano la spina dorsale di studi più recenti.

Dal 2004 al 2011, l’U.S. Geological Survey ha condotto una revisione dettagliata dei dati disponibili, aggiungendo nuove informazioni dal proprio rilevamento aereo, controlli sul campo limitati e dall’Afghanistan Geological Survey. Questo lavoro ha identificato meglio i siti minerari, la ricchezza e l’abbondanza.

Nessuno che esamini questo lavoro, come me, può ignorare lo sforzo esplorativo su larga scala degli scienziati sovietici. Sono stati eseguiti una mappatura dettagliata del campo e un campionamento massiccio, tra cui decine di migliaia di metri di perforazione di pozzi, e analisi di laboratorio. Dato il tempo e il denaro investiti, sembrerebbe che fossero in gioco piani di alto livello per sviluppare i minerali dell’Afghanistan una volta che il paese fosse sotto l’influenza sovietica.

Basandosi in gran parte su queste informazioni, l’USGS ha delineato 24 aree del Paese e ha stimato la loro abbondanza di minerali. Sono stati predisposti pacchetti di dati su tutte e 24 le aree che le aziende possono utilizzare come base per fare offerte per sfruttare eventuali risorse.

Le società cinesi e indiane hanno manifestato un forte interesse e sono state concesse vere e proprie concessioni. Le discussioni sui termini contrattuali e le preoccupazioni sulla sicurezza, tuttavia, hanno bloccato l’attività dalla fine degli anni 2010.

Abbondanza minerale

Quanta abbondanza di minerali ha effettivamente l’Afghanistan? Cercherò di rispondere a questo con un breve riassunto delle stime USGS per i metalli di particolare interesse: rame, ferro, litio e metalli delle terre rare. I geoscienziati che facevano parte dello sforzo dell’USGS hanno notato che le loro cifre sono “conservatrici” ma anche “preliminari”.

Indipendentemente da ciò, è sicuro dire che le risorse in totale sono enormi. Le risorse totali di rame per tutti i depositi conosciuti ammontano a circa 57,7 milioni di tonnellate. Ai prezzi attuali, il valore della risorsa è di 516 miliardi di dollari. Si tratta di risorse “sconosciute” – identificate ma non completamente esplorate e valutate. Se ulteriori studi dovessero giudicarli recuperabili con profitto, classificherebbero l’Afghanistan tra le prime cinque nazioni per riserve di rame nel mondo.

Il più grande giacimento di rame, che contiene anche quantità significative di cobalto, è il giacimento minerario di Aynak, situato a circa 18 miglia (30 chilometri) a sud-est di Kabul. Dopo che l’Unione Sovietica ha invaso l’Afghanistan in 1979, i sovietici hanno iniziato lo sviluppo della miniera, ma è stata sospesa nel 1989 in seguito al ritiro sovietico dal paese. La porzione di alta qualità del deposito totale di Aynak è stimata in 11,3 milioni di tonnellate di rame, per un valore di 102 miliardi di dollari agli attuali prezzi di mercato.

L’Afghanistan ha anche risorse di minerale di ferro di livello mondiale, concentrate nel deposito di Haji Gak della provincia di Bamiyan. Haji Gak ha una stima di 2.100 milioni di tonnellate di minerale di alta qualità che è il 61% -69% di ferro in peso. Ai livelli di prezzo attuali, ciò rappresenta un valore di 336,8 miliardi di dollari, collocando l’Afghanistan tra le prime 10 nazioni al mondo per quanto riguarda il ferro estraibile.

Le risorse di litio nella provincia del Nuristan, che si presentano come vene, hanno impressionato i geoscienziati sovietici con la quantità di minerale di roccia dura (il litio viene estratto anche dalla salamoia). Sulla base delle stime dell’USGS, è una risorsa significativa ma modesta in termini odierni, poiché l’esplorazione di tali depositi è aumentata in tutto il mondo nell’ultimo decennio.

Infine, gli elementi delle terre rare esistono nella provincia meridionale di Helmand. Questi depositi contengono principalmente cerio, con quantità minori di più prezioso lantanio, praseodimio e neodimio, per un totale forse di 1,4 milioni di tonnellate. Due di questi, praseodimio e neodimio, sono a livelli di prezzo elevati – più di $ 45.000 per tonnellata – e producono magneti eccezionali utilizzati nei motori per auto ibride ed elettriche, ma l’abbondanza di questi elementi non è grande rispetto a quanto ne hanno altri paesi.

Ricchezza in superficie e geopolitica

La saggezza mineraria sostiene che ciò che è nel terreno è meno importante di ciò che è in superficie. Le realtà del mercato, la sicurezza, i termini contrattuali, le infrastrutture e le preoccupazioni ambientali contano più della pura abbondanza per lo sviluppo delle risorse.

Tra questi fattori, forse il più rilevante al momento è la forte domanda globale di metalli, in particolare rame, litio e terre rare, che sono essenziali per i mercati in crescita delle energie rinnovabili e dei veicoli elettrici.

Che l’Afghanistan possa iniziare o meno a estrarre questi elementi dipenderà da ciò che farà il nuovo governo talebano. Sotto l’ex Ministero delle Miniere, un contratto da 2,9 miliardi di dollari per una parte del deposito di rame di Aynak è stato concesso a due società cinesi di proprietà statale. Il contratto di 30 anni firmato nel 2007 prevedeva un alto tasso di royalty per gli standard globali e richiedeva che la fusione e la lavorazione del minerale fossero eseguite localmente. Altre condizioni includevano la costruzione di una centrale a carbone da 400 megawatt e una ferrovia fino al confine con il Pakistan. È stato inoltre stabilito che l’85%-100% dei dipendenti, dalla manodopera qualificata al personale dirigente, sia di nazionalità afghana entro otto anni dalla data di inizio del lavoro. Sebbene originariamente concordati, questi termini sono stati successivamente dichiarati onerosi dalle società, arrestando lo sviluppo.

Sebbene esistano strade per molte aree di giacimento di minerali, l’Afghanistan manca di strade, ferrovie ed elettricità di buona qualità. Le società minerarie non sono estranee a tali sfide, ma in questo caso la situazione è aggravata dal terreno accidentato e dalla natura senza sbocco sul mare del paese. Le ferrovie, in particolare, sarebbero essenziali per trasportare il minerale, grezzo o raffinato, verso i mercati esteri.

Ci sono anche preoccupazioni ambientali e culturali. L’estrazione mineraria può avere gravi ripercussioni sulla qualità del suolo e dell’aria, nonché sui bacini idrografici – una preoccupazione particolare nell’Afghanistan povero di risorse idriche – se non regolamentata secondo le migliori pratiche. Non di meno, l’applicazione di tali standard è necessaria ed è stata un problema in molti Paesi a basso reddito.

Vicino al deposito di rame di Aynak c’è un grande sito di reliquie buddiste, statue, templi e stupa. Ci sono anche siti minerari dell’età del bronzo che costituiscono importanti risorse archeologiche. Anche qui non c’è ancora chiarezza su come i leader talebani, che hanno ordinato la distruzione delle grandi statue buddiste di Bamiyan nel 2001, possano vedere questi siti.

Per l’Afghanistan, le sue risorse potrebbero significare una fonte di investimenti esteri a lungo termine, sviluppo di competenze ed espansione delle infrastrutture, tutti elementi essenziali per un’economia sostenibile. Ma una domanda importante è quali società sarebbero coinvolte. L’Afghanistan è anche al centro delle lotte geopolitiche, che coinvolgono sia l’India che il Pakistan, così come la Cina, l’Iran e gli Stati Uniti. Il fatto che i talebani abbiano ora il controllo non rende i minerali del Paese meno investiti di grande significato.

 

 

Traduzione dell’articolo ‘Afghanistan has vast mineral wealth but faces steep challenges to tap it’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->