lunedì, Agosto 15

L’accordo sul grano prolungherà la guerra in Ucraina Putin può perquisire tutte le navi dirette in Ucraina. Ciò significa che qualsiasi consegna di armi via mare, uno dei mezzi di consegna più efficaci, è ormai fuori questione. Inoltre, oltre a condurre le ricerche in acque internazionali, le navi vengono fermate dai russi anche nelle acque territoriali ucraine

0

Il cibo che mangiamo è intriso di sangue ucraino e deve essere fermato. Poiché l’Occidente accetta un accordo con la Russia per la garanzia immediata della sicurezza alimentare, stiamo prolungando la guerra e mettendo in pericolo l’approvvigionamento a lungo termine rafforzando il governo tirannico.

Le esportazioni alimentari ucraine arriveranno nel mondo dopo che un accordo è stato raggiunto tra Erdogan e Putin nel soggiorno del leader iraniano, l’Ayatollah Ali Khamenei. Dopo un blocco navale di cinque mesi, le navi sono state autorizzate a lasciare i porti ucraini del Mar Nero e continuare attraverso il Bosforo controllato dai turchi. Una di queste spedizioni, che trasporta 50.000 tonnellate di olio da cucina, arriverà in India, un’altra che trasporta grano raggiungerà presto il Libano.

L’accordo siglato dal Presidente turco Erdogan con Putin ha assicurato la posizione di entrambi gli autocrati. Erdogan è riconosciuto come l’autorità nella regione, avendo la merce di scambio dell’articolo 5 della NATO, mentre persegue la propria agenda in Siria, contro i curdi. Erdogan deve ancora annullare gli ordini dei sistemi di difesa aerea S-400 dalla Russia.

Putin, a sua volta, ha ottenuto un’enorme vittoria per il mercato della propaganda interna, l’unico mercato a cui si interessa. L’incontro di alto livello lo ha messo su una piattaforma con un importante leader mondiale, anche se è rimasto in piedi. La sua lunga attesa per Erdogan è stata una mossa finemente orchestrata che ha distratto dall’accordo dietro le quinte su droni, cibo e potere in Medio Oriente, consentendo ai media di concentrarsi su una figura solitaria di Putin in una stanza.

Abbiamo visto un profondo inchino al tiranno  russo, che ha soddisfatto l’esigenza immediata di esportazioni di cibo mentre attutiva le ramificazioni di un simile accordo. Putin può perquisire tutte le navi dirette in Ucraina. Ciò significa che qualsiasi consegna di armi via mare, uno dei mezzi di consegna più efficaci, è ormai fuori questione. Inoltre, oltre a condurre le ricerche in acque internazionali, le navi vengono fermate dai russi anche nelle acque territoriali ucraine. Questo è destinato a prolungare la guerra e giocare a vantaggio della Russia.

Le Nazioni Unite suonano al ritmo della Russia, poiché l’organismo incaricato di supervisionare le esportazioni di cibo include anche una delegazione russa. Questo mette tutte le spedizioni marittime sotto l’occhio vigile dell’esercito russo.

Putin ha anche ottenuto un’enorme vittoria diplomatica tra i suoi amici. Fare l’affare in Iran ha messo la piazza della Repubblica Islamica sulla mappa diplomatica dei loschi affari. Non che non ci fosse prima. L’accordo non è stato raggiunto in Cina, India o altri stati asiatici che non partecipano attivamente alle sanzioni contro la Russia e potrebbe essere visto come uno sfondo neutrale per tali negoziati. Scegliere l’Iran legittima l’ennesima leadership autocratica che sta facendo tutto il possibile per danneggiare l’Occidente.

I punti di riconoscimento autoritari sono stati segnati anche da Iran e Russia in un accordo di accompagnamento che ha visto il trasferimento di droni da combattimento Shahed 129 in Russia. Tutto questo arriva pochi mesi dopo che era già stato riferito che l’Iran stava inviando missili anticarro e terra-aria a Putin. Sembra che il costo dell’olio da cucina sia stato soppesato rispetto alle vite ucraine e la frittura ha vinto.

La Russia non avrebbe rinunciato alla sua ambiziosa conquista e un accordo dietro le quinte sulle armi in cambio di cibo gioca solo a suo vantaggio. La crisi alimentare è il risultato diretto dell’aggressione russa, sia in termini di blocco delle esportazioni ucraine che nella corsa frenetica per i rifornimenti che ne è derivata.

La guerra ha creato una crisi alimentare globale, come hanno fatto notare molti commentatori. Non ha creato una risposta globale.

Nonostante siano direttamente coinvolti nel conflitto in virtù dell’interruzione della catena di approvvigionamento, gli stati africani e asiatici che sopportano il peso maggiore della carenza di cibo mantengono la neutralità criminale nella guerra in Ucraina.

Ci deve essere una risposta globale da parte di coloro che soffrono per mano di Putin. Le missioni diplomatiche devono essere espulse, i mercenari russi devono essere spediti a fare i bagagli e gli interessi economici russi devono essere fatti ballare al ritmo occidentale. Gli accordi che affrontano le preoccupazioni immediate a scapito della stabilità a lungo termine ci danneggeranno e garantiranno un mondo instabile e insicuro per i nostri figli.

Gli accordi dietro le quinte che scambiano cibo per vite sono al di sotto dell’altopiano morale di una società democratica. Proprio per questo l’Iran è stato scelto come scenario dell’accordo con la Russia. Tuttavia, il costo per fare affari oggi è la legittimità e le armi per Putin, la legittimità per l’Iran, un Erdogan sempre più forte e le vite ucraine. Il costo di domani potrebbe essere il benessere e la vita dei nostri figli. Gli aspetti dell’accordo devono essere resi pubblici e deve iniziare un’offensiva diplomatica veramente globale contro la Russia.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->