martedì, Settembre 21

Kushner: il nuovo ruolo del genero di Trump alla Casa Bianca

0

Sta scalando velocemente la classifica delle preferenze di Donald Trump. Ora Jared Kushner, genero del presidente degli Stati Uniti guiderà la task force insediata alla Casa Bianca per portare l’innovazione nella struttura amministrativa Usa. A dirlo il ‘Washington Post‘, secondo cui il nuovo ufficio troverà sede all’interno della West Wing della Casa Bianca e riferirà direttamente al presidente. In particolare Kushner deciderà sui possibili utilizzi dei big data e sulla digitalizzazione dell’amministrazione.

Avviati, intanto, i primi contatti per progetti specifici con Apple, Microsoft e Tesla. «Dovremmo avere le eccellenze al governo. Il  governo dovrebbe essere gestito come una grande azienda americana. La nostra speranza è di poter ottenere successo ed efficienza per i nostri clienti che sono i cittadini», il pensiero espresso di recente dallo stesso Kushner.

Ma il genero di Trump fa discutere ancora per il progetto di riqualificazione del grattacielo della 666 Fifth Avenue di New York. A portare avanti l’idea di riqualificazione dell’edificio infatti è la famiglia Kushner. Si tratterebbe di evidente conflitto di interessi.

Ma nonostante tutto l’ascesa di Kushner ormai è evidente: nato in una famiglia di polacchi arrivata negli Stati Uniti per sfuggire al nazismo, si è laureato nel 2003 in Sociologia ad Harvard, poi ha risollevato le sorte del quotidiano ‘New York Observer‘, prima di diventare il responsabile social della campagna elettorale di Trump. E se il magnate lo ha voluto con sè non è perché è il genero: se lo ha fatto è perché lo ha messo alla prova e ha capito che è destinato al successo. E c’è chi lo vede già alla Casa Bianca, ma come presidente.

 

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->