martedì, Ottobre 26

Kurdistan: distrutti i villaggi, non la nostra tenacia Intervista a Rezan Kader, Rappresentante del Kurdistan in Italia

0
1 2


L’intervento militare turco contro Isis e milizie curde del PKK non ha reso le cose più semplici dalle parti di Erbil, dove i peshmerga garantiscono da mesi una sorta di cerniera impermeabile dinanzi all’avanzata di Daesh. “Necessitiamo di maggiori aiuti militari e umanitari“, è l’appello di Rezan Kader, Alto Rappresentante del Governo Regionale del Kurdistan in Italia.

La sua storia personale è di quelle che hanno molto da raccontare. Nata da una famiglia di combattenti, politici e intellettuali, Rezan Kader ha imparato sin da giovane a essere attiva nella difesa dei diritti del popolo kurdo. “Facevo parte dei movimenti studenteschi poi, a causa della persecuzione applicata dal regime Baath contro il popolo kurdo, e dopo essere stata detenuta in carcere, sono stata costretta a lasciare la mia patria”, racconta. Nel 1982 arriva in Italia dove, due anni dopo, diventa rappresentante delle donne kurde: “Ho svolto sin da subito un’intensa attività politica per far sentire pacificamente la voce del mio popolo al popolo italiano, e ottenere, quindi, un supporto”.

Dopo aver ottenuto asilo politico in Francia, nel 1988 torna in Italia e si dedica totalmente all’attività di informazione sulla drammatica situazione esistente nella regione del Kurdistan. “Chiaramente, non è stato facile”, sottolinea l’Alto rappresentante. “Ero una ragazza molto giovane, che ha toccato con mano e con il sangue dei miei parenti questa dura realtà, fatta di persecuzioni e violenze solo per l’appartenenza a un determinato gruppo etnico”. Insomma, non una ragazza andata all’estero come tanti giovani per fare un’esperienza di studio: “Sono dovuta andar via perché rischiavo la mia vita”.  

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->