sabato, Luglio 24

Kuala Namu, aeroporto ad alta tecnologia Giunge una ventata d’ottimismo e volitività nell’area anche dopo il recente incidente dell’aereo MH370

0

Kuala Namu International Airport Deli Serdang filippine

Bangkok – Sul cammino del progresso della Nazione, sebbene le difficoltà indotte dalla crisi globale non manchino di far notare i propri effetti anche in terra indonesiana, la risposta giunge attraverso l’inaugurazione di un ulteriore scalo aeroportuale. Il Presidente in persona, Susilo Bambang Yudhoyono, ha partecipato alla inaugurazione ufficiale del Kuala Namu International Airport Deli Serdang, nei pressi di Medan, Sumatra del Nord. E tutto giunge in prossimità della fine del mandato presidenziale in qualità di sesto Presidente indonesiano. Il Kuala Namu sarà un aeroporto caratterizzato dalla più alta tecnologia disponibile al giorno d’oggi, si tratterà infatti del terminal passeggeri più sofisticato del Paese, uno dei progetti infrastrutturali tra i più accreditati per il successo realizzati durante il mandato presidenziale di Yudhoyono. Durante la cerimonia d’inaugurazione, il Presidente in carica ha affermato che questo aeroporto pone una pietra miliare in favore della crescita di Sumatra del Nord nello specifico e per l’Indonesia nella sua interezza.

Ma –in questo specifico ambito aeroportuale- le cose non finiscono qui. Infatti, proprio durante la cerimonia inaugurale, il Presidente ha anticipato la prossima fine dei lavori di espansione negli scali aeroportuali commerciali dello scalo Internazionale del Sultan Sharif Syarif Kasim II a Pekanbaru, Riau e dello scalo Raja haji Fisabililah a Tanjung Pinang, Isole Riau così come negli scali più piccoli di Muara Bungo a Jambi, Pekon Serai a Lampung e Pagar Alam in Sumatra del Sud. Come confermato dalle Autorità aeroportuali indonesiane convenute per la importante cerimonia d’inaugurazione, la costruzione del nuovo aeroporto è parte del Masterplan Governativo per l’Accelerazione ed Espansione dello Sviluppo Economico Indonesiano. Questo nuovo aeroporto sarà anche parte dei progetti avviati, condotti e conclusi durante il mandato di Yudhoyono prima di abbandonare i suoi uffici in occasione delle prossime elezioni che si terranno a Luglio. Secondo la Costituzione indonesiana, non è ammesso un terzo mandato presidenziale e quindi Yudhoyono non potrà concorrevi, questo però non gli impedisce di compartecipare e sostenere quanto più possibile la costruzione del ponte di 29 Km Sunda Strait Bridge che connetterà Merak a Banten in Giava Occidentale a Bakauheni a Lampung, all’estremità meridionale di Sumatra. I ritardi finora riscontrati in quest’ultima grande opera pubblica sono stati attribuibili tutti alle ristrettezze nei finanziamenti via via incontrate lungo la strada e quindi più volte si è rimandata qualche fase realizzativa del progetto il che induce a ritenere che l’opera non prenderà avvio prima della fine del mandato di Yudhoyono.

Nelle previsioni dei progettisti e dei pianificatori governativi, la costruzione dello scalo aeroportuale del Kuala Namu International Airport Deli Serdang, una costruzione durata non meno di sei anni, si prevede possa essere una delle principali porte d’ingresso al Paese per i visitatori che giungeranno da Cina, Europa e Medio Oriente. Per la costruzione del nuovo aeroporto gli investitori hanno destinato 2.2 trilioni di Rupie (circa 192.1 milioni di di Dollari USA) anche per la edificazione dell’area circostante e delle strutture annesse mentre il Governo ha allocato 3.39 trilioni di Rupie (circa 300 milioni di Dollari USA) derivanti dal Bilancio pubblico finalizzando il tutto alla costruzione dell’area destinata ad attività aeroportuali. L’aeroporto Kuala Namu International Airport Deli Serdang ha una capacità di 8 milioni di persine all’anno anche se, però, dopo pochi mesi dopo l’inizio delle sue operazioni, si stima che il numero dei passeggeri toccherà gli 8.3 milioni.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->