giovedì, Agosto 5

Korean Air, piloti minacciano: 'Aumenti o andiamo in Cina'

0

Se state organizzando un viaggio in Corea del Sud, preparatevi a possibili scioperi da parte dei piloti. Circa 1.900 membri dei due sindacati dei piloti della Korean Air hanno messo al voto la decisione di indire uno sciopero dopo che la società ha proposto un aumento di stipendio pari all’1,9% rispetto al livello del 2015. Una richiesta inferiore rispetto al 37% in più dei piloti. Una decisione definitiva sarà presa solo nelle prossime ore, ma è già polemica.

«Lo stipendio annuale di un pilota della Korean Air è di circa $116.000», dice alla CNN Nathan Cho, direttore di Korean Air Corporate Communications«un aumento del 37% sarebbe equivalente a $ 41,000. Che è circa lo stipendio medio di un impiegato normale in Corea. E la richiesta è inaccettabile». Mentre il pilota Seo Sang-won accusa: «La nostra richiesta è legittima in quanto la società ha congelato il tasso di aumento degli stipendio nel corso degli ultimi anni». Cinque i tentativi di accordo andati a vuoto. E ora il rischio di stop ai voli è molto alto. «Korean Air è designato come un servizio essenziale pubblico e abbiamo bisogno di mantenere oltre l’80% della nostra operatività, indipendentemente dalla sciopero», conferma Cho, «e Korean Air ha intenzione di fare del suo meglio per evitare qualsiasi tipo di disagio che potrebbe influenzare i suoi clienti».

Secondo il ‘Korea Times’, il salario medio di un pilota della Korean Air è solo un terzo di quello pagato ai piloti cinesi. Per questo nell’ultimo anno diversi hanno tentato fortuna altrove e la minaccia è che questa ‘emorragia’ continui, come conferma Seo: «Circa 140 piloti hanno lasciato la Korean Air lo scorso anno e 40 piloti tra questi hanno scelto compagnie aeree cinesi».

 

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->