domenica, Dicembre 5

Kenya: la battaglia per la protezione degli elefanti La comunità locale, soprattutto nel nord, si è impegnata per proteggerli

0

Un progetto di conservazione gestito dalla comunità locale nel Kenya settentrionale sta lavorando per tenere al sicuro cuccioli di elefanti. Il centro rientra nella tutela di Namunyak, che ospita circa 30.000 persone.

«Leggi recentemente promulgate sulla fauna selvatica e sulla cooperazione internazionale per combattere il traffico di avorio hanno portato ad un aumento del numero di elefanti» ha detto Judy Wakhungu, segretario di gabinetto del ministero dell’Ambiente e delle risorse naturali che ha aggiunto che a Nairobi la popolazione totale di elefanti nel complesso Laikipia-Samburu-Meru-Marsabit, Mwea, Aberdare, Mau e l’ecosistema del Monte Kenya è aumentata negli ultimi anni. 

condotta Kenya Wildlife Service (KWS) nell’ecosistema della savana di Laikipia-Samburu-Meru-Marsabit, Meru Conservation Area e Mwea National Reserve, mentre le indagini a terra utilizzando il letame sono state effettuate negli ecosistemi boscosi della Foresta di Aberdare e della foresta del Monte Kenya. Questi sondaggi vengono effettuati ogni 3-5 anni per aiutare a ottenere statistiche accurate.

Wakhungu ha dichiarato poi che le severe leggi sulla fauna selvatica del paese, che prevedono almeno 20 anni di reclusione per traffico di avorio, hanno scoraggiato il bracconaggio di elefanti e rinoceronti: tra il 2012 e il 2017 il bracconaggio di elefanti in Kenya sarebbe diminuito dell’80%. 

 (Video tratto dal canale Youtube Aljazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->