domenica, Settembre 19

Kenya: cerimonia simbolo contro il traffico di avorio

0

Si svolgerà sabato 30 aprile, nel Parco Nazionale di Nairobi, la cerimonia in cui verrà bruciata la più grande quantità di avorio mai distrutta in una sola volta: 105 tonnellate di avorio, per un totale di 8000 elefanti abbattuti. Si tratta di una cerimonia anche simbolica per combattere il traffico illegale di avorio, venduto soprattutto in territorio asiatico, e per mettere l’accento sul declino della popolazione di elefanti in tutta l’Africa. La sensibilizzazione è una mossa obbligata se si pensa, infatti, che in Africa vivono tra i 450 mila e i 500 mila elefanti e ogni anno circa 30 mila esemplari vengono abbattuti dai bracconieri. La Tanzania, il Bongo e il Gabon sono le zone più colpite. Con questo ritmo allarmante, aumenta il rischio di estinzione della specie animale. Durante la stessa cerimonia verranno bruciati anche 1,5 tonnellate di corna di rinoceronte.

Nel luglio scorso la Tanzania ha registrato un alto tasso di abbattimenti da far intervenire direttamente la Cina, dove il mercato dell’avorio di contrabbando va per la maggior, che ha inviato gratuitamente 50 veicoli, far cui 15 cabinati, 30 fuoristrada e 5 auto, al fine di sostenere la nazione nella lotta al bracconaggio. Quest’ultimo rappresenta quella zona dell’Africa centrale maggiormente colpita dal fenomeno della caccia di frodo, dato che nel Gabon vi è un’alta concentrazione di gruppi di elefanti da foresta.

Il Presidente del Kenya, Uhuru Kenyatta, ha chiesto un incontro a Nanyuki (centro del Kenya), con tutti i Presidenti africani e attivisti per la protezione della fauna, per individuare politiche comuni per porre fine al bracconaggio e al traffico illegale di avorio. All’incontro parteciperanno il Presidente ugandase, Yoweri Museveni, quello del Botswana, Ian Khama, e il presidente gabonese Ali Bongo Onbina. Quest’ultimo rappresenta quella zona dell’Africa centrale maggiormente colpita dal fenomeno della caccia di frodo, dato che nel Gabon vi è un’alta concentrazione di gruppi di elefanti da foresta.

 

(Video tratto dal canale Youtube: AFP news agency)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->